LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - GELA. Capo Soprano: le mura greche dimenticate fra i rifiuti. E nelle torri medievali (a rischio crollo) case e garage
Mario Barresi
LA SICILIA Gioved 14 Luglio 2011




Gela.La sensazione quella di una bellezza stanca, che ha smesso di lottare. E s' arresa. All'incuria, all'abbandono, al lento incedere del tempo. Ma soprattutto all'uomo. Che l'ha aggredita, violentata e mortificata, questa bellezza. A spasso per Gela, in cerca degli ultimi rantoli di un'antica civilt immolata sull'altare della modernit selvaggia e senza regole. Cosicch per trovare i tesori - e ce ne sono a centinaia, d'inestimabile valore - bisogna rassegnarsi a una caccia disperata. Costretti a muoversi con circospezione fra parcheggi selvaggi, erbacce tropicali, rifiuti. E poi c' l'aspetto dell'abusivismo edilizio, che ha fagocitato i resti del passato con una tale naturalezza che ormai i gelesi non si stupiscono pi se le torri medievali sono spiaccicate ai palazzi con l'intonaco arancione o se dalle mura di cinta si ricavano garage.
Il nostro "cicerone" Nuccio Mul, battagliero presidente dell'Archeoclub di Gela. Partiamo da piazza Calvario. facile entrare dentro quello che fu il granaio del Palazzo Ducale. Ma poi bisogna stare attenti a dove si mettono i piedi. Nell'area del cortile - spiega Mul - sono stati evidenziate, dall'altra parte, verso nord, due fasi riferibili ai periodi arcaico e classico. Restiamo fermi, anche per evitare di sprofondare in una delle cisterne ricoperte da un'alta vegetazione. E volgiamo lo sguardo verso l'alto, oscurati dal cemento. un palazzo degli anni 60 - certifica Mul - costruito sui ruderi di una cinta muraria. Appena fuori notiamo un garage scavato nelle rocce medievali: Non vi stupite - ci dice - perch fino agli anni 60 qui c'era pure la porta di una casa. E durante la demolizione del cosiddetto "muro della vergogna", nel 2008, il manovratore del mezzo, urt i conci angolari della torre che in parte si dissestarono....
Scendiamo a mare. E Mul addita il Bastione di Porta marina, un capolavoro architettonico del XII secolo con arco a sesto acuto. L'hanno praticamente intonacato, sbotta. E l'altro arco stato smontato per motivi di sicurezza e mai pi rimontato: Non si trovavano pi i pezzi.... Percorrendo viale Mediterraneo scorgiamo altre due torri medievali: una adibita ad abitazione, l'altra cinta da altri palazzi in un'area a rischio crollo. Come per magia spunta uno dei "vicini di casa" delle torri. Buongiorno, Catalano Salvatore sono. Che volete?. Sembra una brava persona. Gli chiediamo del perch e del per come di quella sua casa arancione e lui non fa una grinza: Tutto a posto, tutto autorizzato dalla Soprintendenza, compreso l'intonaco. E poi ci depista indicando il mare: Perch non fate un articolo sulla Conchiglia?. Che non un sito archeologico, ma un luogo della memoria collettiva. Era il lido pi alla moda degli anni 50 e '60 - ci spiega un amico del signor Catalano Salvatore - e l hanno cantato Nilla Pizzi, Claudio Villa e Little Tony. Oggi lo stabilimento consumato dalla salsedine. Proprio come il vecchio pontile che incontriamo qualche decina di metri pi avanti. un esempio di archeologia industriale marinara - racconta Mul - in stato di abbandono.
Risaliamo verso uno dei pi preziosi tesori di Gela. L'ingresso dell'area archeologica di Capo Soprano alquanto malconcio, ma il custode gentile. Forse perch non che ne veda spesso, di visitatori: 94 in tutto il 2009 e 13 nei primi quattro mesi del 2010, secondo i dati che l'Archeoclub ha pubblicato sul sito. Visitiamo l'esempio meglio conservato al mondo di architettura militare greca: le Mura Timoleontee, del IV secolo a.C. Una "piantagione" avvolge l'intera area, con arbusti alti anche pi di cinque metri. E quelle pietre cos preziose, che si sono perfettamente conservate, adesso sembrano abbandonate al loro destino, come gli attrezzi di ferro usati per gli scavi e rimasti l dal 1948 e quindi essi stessi "reperti". C' anche un pericolo per la conservazione e per l'incolumit, suggerisce Mul indicando i tiranti che sostengono la copertura, discostati dalla base. Il caldo e gli insetti ci consigliano di terminare la visita guidata. E rinunciamo anche alla tappa a Manfria, a una decina di chilometri dal centro. Dove avremmo visto una torre d'avvistamento cinquecentesca, ma soprattutto i resti di numerosi villaggi protostorici e di una necropoli paleocristiana. Tutto in un contesto di abbandono e di abusivismo edilizio diffuso, che trova il suo culmine nelle villette autorizzate a Insinga, a due passi dalle necropoli.
Basta cos. E troviamo quasi consolatorie le parole di ottimismo di Salvatore Gueli, direttore del parco regionale archeologico-ambientale di Gela, con competenza su museo, acropoli, parco, e siti di Gela, Niscemi, Butera e Mazzarino. Le nostre aree archeologiche sono aperte per l'intera giornata e fruibili. E anzi stiamo aumentando la possibilit di vivere questi beni: sono raddoppiate le tappe del Circuito del mito nel parco di Gela, sempre pi aperto a iniziative di istituzioni, associazioni e club service. Certo, ci sono zone meglio tenute e altre meno, ma stiamo armonizzando tutto il sistema grazie anche a uno staff di dipendenti che lavorano con passione e spirito di abnegazione. La carenza di fondi? C' qui come dappertutto, ma io non ridurrei tutto ai soldi. Se una cosa si vuole fare davvero, si fa....
Parole rassicuranti. Che per stridono con tutto quello che abbiamo visto con i nostri occhi. Ma le responsabilit vanno distribuite anche ad altri enti e ad altre epoche, risalendo di decenni. Eppure possiamo scavare quanto vogliamo: sar difficile trovare i colpevoli. E ci rimarr sempre quella domanda strozzata in gola: chi ha ucciso la bellezza, a Gela?


14/07/2011



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news