LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - I gioielli di mastri e artigiani tour nel Barocco nascosto
Giuseppe Sav
LA SICILIA Luned 11 Luglio 2011


Ragusa. nella sintesi tra progetto e artigianato il "lato B" del barocco ibleo. Lungo l'arco del 1700 un grande cantiere coinvolge le arti maggiori e minori e nel trionfo dell'artigianato il successo del tardobarocco del Val di Noto.
Mentre i grandi capimastri, come Rosario Gagliardi, si occupano di tradurre la lezione romana del barocco in chiave siciliana, un nugolo di argentieri, orafi, falegnami, stuccatori, decoratori lavora al "lato B", alla seconda linea di un'esperienza ricostruttiva che fa della rinascita del Val di Noto dal terremoto del 1693 un valore assoluto, riconosciuto dall'Unesco patrimonio dell'Umanit.
un trionfo di abilit e competenze espresse ai massimi livelli, competenze locali, indigene, della Sicilia minore, fatte di relazione tra centri minori e capitali barocche, con citt come Palermo, Messina, quando non c' una relazione con Roma, verso cui si guarda per la committenza di tele, dipinti. A parlare lo storico dell'arte Paolo Nifos.
Un aspetto poco conosciuto, e per importante, di alcuni interni tardobarocchi che costituiscono uno dei valori aggiunti della civilt del '700 sono i cicli decorativi di stucco. Si trovano in luoghi poco conosciuti. A Modica, ad esempio, nella chiesa di San Francesco Saverio, nel quartiere di Santa Maria di Betlemme, ma anche nell'interno stesso della chiesa del Carmine, in piazza Matteotti.
A Scicli un prezioso documento rococ l'abside della chiesa di San Bartolomeo. Poco visto, anche se imperdibile, l'interno della chiesa di Santa Maria Maggiore di Ispica.
La componente rococ l'aspetto tardo barocco pi importante nell'ambito europeo nel secondo 700, spiega Nifos. Il ciclo pittorico di Olivio Sozzi e gli stucchi dei Gianforma, Giuseppe, Giovanni e Gioacchino, e la tela centrale di Vito d'Anna, a Ispica, rappresentano l'altra faccia del barocco del Sud-est siciliano che andrebbe valorizzata di pi.
Il lato segreto nelle arti minori: gli stalli lignei di grande qualit e fattura, del San Giorgio di Ragusa, del San Giorgio di Modica, di San Bartolomeo a Scicli, di Santa Maria delle Stelle a Comiso. Ma anche negli altari di marmo rococ di grande bellezza: l'altare centrale della chiesa del Santissimo Rosario di Modica, l'altare di Santa Maria del Ges a Ispica, l'altare del Santissimo in San Giorgio a Ragusa, l'altare centrale della chiesa di San Vincenzo ad Acate. Il lato B nelle urne reliquiarie: l'urna reliquiaria di San Giovanni Battista a Ragusa Ibla, di San Giorgio a Modica di San Bartolomeo a Scicli.
Il lato ancora da scoprire e valorizzare negli argenti: nelle pissidi, calici, ostensori, opere di orafi e argentieri palermitani e messinesi e che vengono acquistati dalla committenza iblea.
Nel '700 non si bada a spese per abbellire le chiese: A Scicli ci si rivolge a Roma per la tela di Santa Maria La Nova, che sar realizzata da Sebastiano Conca, tra i pi bravi pittori del 700 italiano, aggiunge lo storico dell'arte.
Il segreto del successo di questa esperienza? Il risultato organico tra progetto e realizzazioni monumentali, comune negli esterni e nella ricchezza decorativa degli interni, laddove la lezione serpottiana (Gioacchino Serpotta, attivo a Palermo, il pi grande stuccatore italiano del '700) ha la possibilit di esprimersi in molti suoi allievi in tanti spazi religiosi del Val di Noto.
Di chi il merito di tanto sfarzo e ricchezza? Se una civilt tardo barocca stata inventata, lo si deve ai committenti, del clero e della nobilt. Senza una solida, consapevole e intellettualmente dotata committenza, tutto ci non avrebbe potuto esserci, conclude Nifos.


11/07/2011



news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news