LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POMPEI - Pompei: manca un tubo, mai aperto il maxi-ingresso costato cinque milioni
VINCENZO ESPOSITO
CORRIERE DEL MEZZOGIORNO 12 luglio 2011

La commissione di verifica inviata dalla Regione: Nessuna opera completata fruibile al pubblico

I francesi vogliono salvare Pompei, gli americani vogliono metterci le mani sopra, e il ministro Galan fa da mediatore per offrire lo scavo archeologico al miglior offerente. E cronaca di questi giorni. Due incontri sarebbero gi stati fatti a Parigi: gli imprenditori francesi assicurerebbero 20 milioni di investimenti l'anno per i prossimi venti, ma chiedono garanzie. A collaborare con loro una cordata di industriali campani, nomi segreti ma a quanto pare altisonanti. Lo stesso governatore Stefano Caldoro avrebbe gi partecipato a un vertice privato con emissari della Dfense, che vede tra i suoi funzionari Jean Sarkozy figlio del capo dell'Eliseo. Insomma, se il ministero retto da Galan e la Soprintendenza di Napoli e Pompei daranno linee guida precise e stileranno progetti chiari, la cosa si pu fare. Bisogna stare attenti, per, perch la legge salva Pompei prevede deroghe ai piani urbanistici. E fin qui, la pioggia di denaro piombata sugli Scavi, ha prodotto o mostri o assurdit. Stiamo parlando degli oltre 12 milioni di euro dei progetti integrati del Por 2000-2006. Dieci interventi in tutto. Di restauro delle Domus ma anche di creazione di strutture ex novo che hanno del paradossale. Poi ci sono altri bandi come quello con i fondi europei da 3.796.100 euro effettuato nel 2007 per un mostro di cemento armato in corso di realizzazione, il cui costo salito fino a 4.950.000 euro. Non finita, il bunker che non sar mai un museo, ma come spiega il bando un deposito, assorbir altri 4,5 milioni dall'ultimo piano per salvare Pompei, voluto dal Governo, che ammonta a 45.509.873 euro. In tutto coster, quindi, dieci milioni. Sprechi venuti alla luce soprattutto nella relazione inviata poche settimane fa dai componenti del nucleo di valutazione degli investimenti europei della Regione che ha prodotto una relazione ex post dei progetti integrati del Por 2000-2006, in particolare quello denominato Pompei e Ercolano e il sistema archeologico vesuviano. E si scopre che il bunker non la cosa peggiore. Accanto a piazza Anfiteatro c' la nuova porta d'ingresso degli Scavi, una struttura avveniristica, che assomiglia un po' al nido d'uccello, lo stadio delle Olimpiadi di Pechino. E costato cinque milioni di euro. Biglietteria, deposito bagagli, ristorazione. Tutto terminato fin nei minimi particolari e anche collaudato. Ma mai aperto al pubblico. La ragione? Manca una condotta di trenta metri per l'aria condizionata. La relazione della commissione inviata dalla Regione sull'utilizzo dei fondi Por, non lascia dubbi. Nel maggio scorso scrivevano: Tutti gli interventi sono stati fisicamente e finanziariamente conclusi. Tuttavia quanto alla possibilit di fruizione da parte dei turisti, l'attivit di indagine diretta svolta dal Nucleo presso il sito di Pompei ha permesso di rilevare che nessun bene restaurato nell'ambito del Pi (Piano integrato) accessibile al pubblico. Questo discende dall'impossibilit, comunicata dalla Soprintendenza, di assicurare nelle insule interessate dagli interventi il servizio di guardiania. Dunque case restaurate da qualche anno, mai aperte al pubblico e nuovamente interessate dal degrado. Come i mosaici della casa di Cecilio Giocondo, quasi spariti sotto muffa e erbacce. Colpisce la relazione sul nuovo ingresso di porta Anfiteatro e lo sdegno della commissione: L'area coperta destinata ai servizi di bigliettazione, ristorazione e deposito bagagli. L'indagine diretta ha rilevato che il manufatto, seppur collaudato, non attualmente in funzione (n mai stato aperto al pubblico) per un problema legato alla impossibilit di realizzare una condotta di circa 30 metri per il collegamento con la centrale termofrigorifera realizzata in un'area adiacente. La commissione parla di impossibilit. Il che lascia pensare al peggio. Certo spiega Antonio Irlando, presidente dell'Osservatorio Patrimonio culturale secondo alcuni tecnici gli interventi sarebbero stati completamente sbagliati e difficilmente recuperabili. Questo significa che mentre le Domus crollavano per mancanza di soldi e di manutenzione, venivano gettati 5 milioni in una struttura che potrebbe non essere mai aperta e in un bunker di cemento armato. La relazione della Commissione si chiude con: Ne discende dunque che, a marzo 2011, nell'area archeologica di Pompei, gli interventi di restauro e valorizzazione realizzati nell'ambito del Pi, finalizzati ad ampliare le aree di visita, non sono fruibili. Ora forse arrivano i francesi, (quanti annunci simili sono stati fatti dagli anni Ottanta ad oggi?) e rischiamo di far colonizzare uno dei nostri beni archeologici pi importanti. Tutto, magari, per trenta metri di tubo che non ci sono. L'est la vie madame e monsieur, cantavano i Qeeen in Seaside Rendezvous.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news