LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - A CARTE SCOPERTE
GIANGIACOMO SCHIAVI
CORRIERE DELLA SERA 12 luglio 2011

Se qualcosa si muove sul rilancio di Brera un buon segno. Se poi la prima mossa viene dall'ex sindaco che in questi anni ha assistito alla commedia delle parti tra ministri, direttori generali e sovrintendenti (tanto rumore per nulla) doppiamente interessante. Vuol dire che Letizia Moratti ha ancora a cuore una questione irrisolta, sulla quale il Comune avrebbe dovuto far sentire di pi la sua voce. E significa che a Milano si possono superare i vecchi schemi della politica, mettendo attorno al tavolo dei Beni culturali la destra e la sinistra per tirare fuori dalle secche un progetto atteso da almeno quarant'anni, bloccato da pasticci, burocrazie, veti incrociati e conflitti di competenze. C' qualcuno disposto a scommettere sulla ristrutturazione di un grande polo muse-ale in vista dell'Expo?, ci chiedevamo da queste colonne una settimana fa. La risposta arrivata: forse ancora parziale, incompleta, tutta da verificare, ma certamente degna di essere considerata una base di partenza per cominciare un nuovo percorso, in linea con gli Amici di Brera che da tempo auspicano la nascita di una Fondazione privata sul modello gi sperimentato per il Museo egizio di Torino. Quel che mette sul piatto Letizia Moratti il coinvolgimento di imprenditori privati, mecenati, grandi famiglie, cordate internazionali, che vedono nell'arte e nella cultura un settore importante nel quale investire, aspettandosi naturalmente qualche ritorno. Senza di loro, lo ha gi detto evitando i giri di parole il ministro dei Beni culturali Galan, oggi non si va da nessuna parte. E allora giusto che anche il ministro scenda subito in campo e faccia la sua parte, con il Comune e l'assessore alla Cultura, Stefano Boeri. Per la Grande Brera bisogna ripartire dai fondamentali. Ridefinire un progetto. Quantificare gli spazi. Calcolare i costi. Garantire equilibrio tra i vari ambiti. Traslocare l'Accademia di Belle Arti. Trovare i fondi per la sistemazione dell'ex caserma Mascheroni. Costituire una Fondazione con i privati. Fare un concorso internazionale. Garantire chiarezza e trasparenza nelle varie fasi del progetto. Allontanare i sospetti che gi affiorano: perch l'ex sindaco scende in campo solo oggi? Chi sono i finanziatori occulti? Quali speculazioni si nascondono su Brera e sull'area dell'ex caserma? bene giocare a carte scoperte, senza autolesionismi. Sapendo che solo ripulendola dalle vecchie ragnatele Brera potr diventare quel che giusto che sia: un gioiello nel cuore artistico di Milano, la tappa finale di quel percorso d'arte che ha un vero e proprio Louvre in poche centinaia di metri. In un Paese normale basterebbero tre o quattro anni per fare tutto, in tempo per l'Expo 2015. In Italia questo sarebbe un miracolo. Brera vale questo miracolo.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news