LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Condono edilizio, assalto serale e file agli sportelli
C.Mar.
Mercoled 8 Dicembre 2004, Il Messaggero


Dalle 8 del mattino alle 21 e oltre. iniziato il rush finale per presentare la domanda di condono edilizio. Gli uffici di via di Decima sono stati presi dassalto da cittadini e da professionisti che hanno aspettato lultimo momento per inoltrare la domanda dei loro clienti. Lultimo giorno utile resta venerd. Prolungato lorario di apertura.



Record di domande: in 40.000 hanno chiesto la sanatoria di abusi edilizi. E c tempo fino a venerd
Condono, lultimo assalto

File e ressa nellufficio comunale, aperto fino a tarda sera

C il signore che ha verandato e non poteva farlo. Il suo vicino che ha aggiunto un bagno cambiando destinazione duso al balconcino. Il negozio pronto a trasformarsi in un appartamento di 5 stanze con servizi. Scene molto italiane e molto romane, di ordinario condono. Da ieri mattina e e fino a sera continuata la via crucis di chi ha aspettato il terzultimo giorno utile per presentare la domanda di adesione alla sanatoria edilizia varata dal governo.
Sono quelli che la domanda - che si pu spedire per raccomandata o inviare via internet - non lhanno presentata entro il 31 marzo scorso temendo che la Consulta - alla quale si erano appellate 8 Regioni - li trasformassero in rei confessi. E nemmeno entro il 31 luglio scorso, proroga di nuova prorogata al prossimo 10 dicembre (dopodomani appunto) per consentire alle regioni di varare le leggi sul loro territorio.
Ed ora eccoli i forzati del condono. Condonati e condannati ad espiare due volte. A met pomeriggio, nonostante la distribuzione dei numeretti ne restavano da smaltire almeno 300. Geometri, architetti, abusivi impenitenti: hanno aspettato tanto, possono aspettare ancora, avr pensato qualcuno.
Dopo aver pagato svariati quattrini tra oblazione e oneri concessori: non resta che mettersi in fila i davanti agli sportelli dellUfficio speciale Condono edilizio (Usce) di Via di Decima.Gli uffici hanno assorbito la carica di oltre 40 mila domande. Si aggiungono a quello che resta dei 500 mila abusi consumati nei precedenti condoni del 1985 e del 1994 in attesa di sanatoria. Il direttore dellUsce nel frattempo stato rimosso in seguito ad una indagine amministrativa scattata dopo una condanna per abuso dufficio.
Ma a rendere caotica la situazione non tanto la sua assenza quanto lo stato di agitazione del personale (in organico alla Gemma Spa) stressato dai lunghi turni di lavoro e da una condizione di incertezza. Agitazione rientrata solo allultimo momento. Lassessore comunale allUrbanistica, Roberto Morassut ha ringraziato i dipendenti per il massimo impegno profuso e ha ribadito la sua contrariet ad un provvedimento che considera una beffa. Il Comune ha assicurato che garantir lapertura prolungata e straordinaria oltre il consueto orario di ricevimento al pubblico fino alle ore 21 che dopodomani, venerd 10 dicembre, rischia di trasformarsi in una no-stop. Siamo in attesa da questa mattina e usciremo da qui solo stasera, protesta civilmente un architetto intezionato a presentare comunque la sua domanda. Mentre a dare le informazioni provvede il vigilante addetto allordine pubblico. A furia di condoni diventato un esperto.

Mercoled 8 Dicembre 2004 Chiudi

ALLA PISANA
Tutela ambientale e cubature: via al piano paesistico

La Regione vara le nuove regole. Ciocchetti: Risposte certe per le esigenze dei Comuni. Contrari Verdi e Prc

Con i voti della maggioranza, l'astensione della Margherita e dei Ds, il no dei Verdi e di Prc, il Consiglio regionale del Lazio, al termine di una seduta durata oltre 12 ore, ha approvato la proposta di legge che reca modifiche alla legge 24 del '98 Pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree sottoposti a vincolo paesistico. E sono scoppiate le polemiche.
E una legge che d risposte alle esigenze degli enti locali, richiesta da 378 amministrazioni comunali, che stabilisce regole trasparenti e certe, e con la quale si possono definire occasioni di sviluppo e di valorizzazione - ha affermato l'Assessore regionale all'Urbanistica Luciano Ciocchetti - E stato recepito il Codice Urbani sulla tutela del paesaggio e rende possibile l'uso di diversi strumenti urbanistici da parte dei Comuni, come ad esempio le Zone O per il recupero delle borgate abusive e le compensazioni. Questa legge serve anche per approvare il primo Piano territoriale paesistico regionale) che presenta sei ambiti di classificazione: si potr determinare le cose che si possono fare e quelle che non si possono fare. Non tutti i territori hanno lo stesso grado di tutela. Con queste modifiche costruiamo una vincolistica aderente alla situazione. nostro interesse salvaguardare il pi possibile il territorio regionale, ma nello stesso tempo trovare l'equilibrio per consentire lo sviluppo. Penso agli undici Piani di zona del Comune di Roma, che con la vecchia normativa avrebbero ricevuto un taglio netto di parti di superfici. Valorizzare alcuni territori, non significa, quindi, costruire metri cubi in pi.

Non la pensa cos parte dellopposizione. I verdi hanno contrastato duramente il provvedimento parlando di smantellamento del sistema delle tutele paesisitiche, con la di possibilit, introdotta da questa legge, di costruire lungo i fiumi, le coste e i laghi. Pi sfumata la posizione della Margherita e dei Democratici di sinistra che hanno criticato alcuni aspetti della legge, ma hanno annunciato il voto di astensione dei propri gruppi.
Franco Simeone (Udc) ha invece parlato di un atto importante compiuto dal Consiglio regionale. E Luigi Celori (An) ha difeso il provvedimento: Trovo paradossale - ha detto- che l'opposizione contesti questa legge che era attesa e che non intacca la difesa del territorio. Questa maggioranza non ha ridotto un metro quadro di aree protette.









news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news