LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma e Pechino unite dall'arte
Alessandro Barbera
La Stampa, 6/12/2004

In attesa dei frutti (economici) l'Italia semina cultura in Cina. Nel giorno in cui a Pechino parte ufficialmente la visita del presidente Ciampi, il ministro dei Beni culturali Urbani ha fatto il punto sui progetti di interscambio fra l'Italia e quello che fu il celeste impero. Dalla collaborazione per la creazione del museo delle civilt a quella per la nuova mostra romana di Xian, fino al ruolo nel restauro della citt proibita. La scelta di iniziare la missione italiana dalla cultura prima che da questioni economiche o diplomatiche non sembra dettata solo dal fatto che ieri fosse domenica: se c' qualcosa che i cinesi invidiano all'Italia l'enorme fascino che in tutto il mondo esercitano la sua storia e le sue bellezze. La Cina, che sta subendo cambiamenti epocali e una crescita a tratti fuori controllo, ha bisogno di recuperare quella dimensione ideale che nel lontano passato ne faceva la culla della civilt. Il titolo della mostra inaugurata ieri promette bene: Sulla via di Tianjin. Mille anni di relazioni fra Italia e Cina.
La rassegna fotografica all'Ambasciata di Pechino racconta la storia dell'insediamento italiano nato nel 1902 a Tianjin, una citt a settanta chilometri dalla capitale cinese. Il quartiere, posto su un terreno ceduto allora alle autorit di Roma, fu realizzato da italiani e cinesi diventando rapidamente un piccolo angolo d'Italia in terra d'oriente. L'esperienza dur poco pi di quarant'anni, e il quartiere si svuot nel dopoguerra. Ora Dai Xianglong, sindaco di Tianjin (una piccola citt che nel frattempo si trasformata in una metropoli di dieci milioni di abitanti) ha chiesto l'aiuto dell'Italia e dell'ex collega Ciampi (entrambi sono stati Governatori delle rispettive banche centrali negli Anni Ottanta) per il suo risanamento. L'area della ex concessione italiana sar restaurata e ampliata grazie ad un progetto dello studio Gregotti.
Il pi alto valore simbolico della collaborazione fra italiani e cinesi probabilmente nel progetto di restauro della citt proibita: per cinque secoli i padroni dell'Impero di mezzo la considerarono il cuore della loro civilt. L'idea nata alla fine del 2002 dal primo viaggio di Urbani a Pechino. Un paio di mesi fa, dopo i rilievi di un gruppo di tecnici italiani, stata consegnata alle autorit cinesi una corposa relazione. A primavera dovrebbe partire il restauro cofinanziato da italiani e cinesi, la consegna dei lavori prevista per la fine del 2007.
A dimostrazione del fatto che i cinesi ripongono grande fiducia nella capacit italiana di esportare cultura e tradizione, Urbani ricorda altri esempi. Un progetto in fieri per il restauro di parte della Grande muraglia e la scelta dell'Italia per curare tre delle sei sezioni del museo delle civilt che sorger a Pechino: si tratta di quelle dedicate all'antica Roma, all'Egitto dei Faraoni (in Italia c' un importante museo a Torino) e alla cultura mesopotamica. Inoltre, all'interno del nuovo museo sar aperto un grande spazio espositivo per ospitare rassegne di arte contemporanea italiana.
Ancora: gi partita la collaborazione per una mostra (italiana) sulla civilt romana a Xian e di una a Roma (organizzata dai cinesi) sul primo impero d'oriente, due rassegne che uniscono idealmente la storia di Venezia e di Xian. Al ministero si sta inoltre mettendo a punto una mostra a Shanghai, curata dalla Soprintendenza per i beni artistici di Genova, sull'influenza della seta sui costumi della Cina. C' in cantiere anche un progetto di scambi fra il museo d arte contemporanea di Shanghai e il Maxxi di Roma. Nel 2005 attesa infine una mostra su Matteo Ricci e l'Europa alla corte dei Ming.
Ultimo capitolo della collaborazione culturale il cinema: Entro febbraio torner con un aereo carico di uomini del settore, ha detto ieri Urbani. Sabato l'Italia e la Cina hanno firmato infatti un accordo di coproduzione per il restauro delle pellicole e per la distribuzione. Ma nel Paese che fu di Mao, dove fino a non molto tempo fa la produzione culturale costituiva un problema, c' fame soprattutto di luoghi: l'accordo prevede la possibilit di realizzare un circuito di multisale grazie a Cinecitt.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news