LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NEOCOLONIALISMO Sull'obelisco di Axum Roma si scopre magnanima
A. Del Boca
Il Manifesto



Per giustificare la restituzione del maltolto, la Farnesina parla di regalo al popolo etiopico
Bottino di guerra La stele, trafugata 67 anni fa dai fascisti, doveva essere riconsegnata in base al trattato di Parigi, sempre disatteso dall'Italia

Dall'obbligo al regalo, il passo stato breve. E cos la vicenda dell'obelisco di Axum - trafugato 67 anni fa dai fascisti al parco archeologico sulle rive del Mai Heggi, nel quartiere ecclesiastico di Nafs - si arricchisce di un altro farsesco capitolo. In cui il governo italiano e il neo-ministro degli esteri Gianfranco Fini collezionano l'ennesima magra figura, riuscendo in una paradossale inversione delle parti. Sta di fatto che il sottosegretario agli esteri Alfredo Mantica ha dichiarato che non si tratta di una restituzione, ma di un contributo all'identit nazionale del popolo etiopico (Ansa del 18/11/2004). Abbiamo tenuto conto di cosa la stele rappresenti per l'Etiopia ha detto Mantica. E' il monumento per eccellenza e simbolo dell'identit nazionale. Ci hanno chiesto di contribuire alla valorizzazione dell'identit nazionale del paese facendo loro questo regalo, e abbiamo deciso per una risposta positiva.

Dunque, secondo Mantica, non si tratterebbe di una restituzione, avvenuta in forza all'art. 37 del trattato di pace di Parigi, che impegna l'Italia, in quanto nazione sconfitta nella seconda guerra mondiale, a restituire all'Etiopia l'obelisco di Axum e altri monumenti e oggetti preziosi. Sarebbe invece un regalo: ma come mai si giunti a superare l'obbligo della restituzione per approdare al gesto magnanimo del regalo? Semplice. Rendendosi conto che l'obelisco costituisce il simbolo dell'identit nazionale.

Il fatto pi incedibile, per, che a questa lapalissiana scoperta il governo italiano giunto solo ora, a 57 anni dal trattato di Parigi. E dunque, in questi 57 lunghissimi anni, si fatto di tutto per disattendere l'obbligo internazionale, ricorrendo ad ogni sorta di sotterfugi e di menzogne.

Ci si forse dimenticati delle forti riserve di Rutelli, della decisa opposizione di Gasparri, di Fini, di Buontempo, di Sgarbi? Tanto per citare alcuni fieri oppositori alla restituzione dell'obelisco.

Abbiamo pi volte scritto che questa indecente telenovela non reca certo prestigio al nostro paese. Ma l'ultima dichiarazione del sottosegretario Mantica aggrava la situazione, la carica di significati ben precisi. In effetti, trasformando l'obbligo in regalo, si cerca di far dimenticare al notte coloniale, il furto della stele, l'esibizione per 67 anni, davanti al palazzo della Fao, del pi prestigioso fra i bottini di guerra.

Il disegno talmente ben concepito da provocare l'inversione delle parti. Cosicch saranno gli etiopici, d'ora innanzi, a ringraziare per il munifico regalo. E non ci si venga a dire che il costo del trasporto e della ricollocazione dell'obelisco nel parco archeologico di Axum molto oneroso: 6 milioni di euro. E' lo scotto che si paga quando si rimanda, di decennio in decennio un preciso obbligo, un debito d'onore.

Questo ingenuo artificio, per nascondere le colpe e le responsabilit del periodo coloniale, ha per un precedente. Quando, nell'ottobre del 1955, l'Italia raggiunse un accordo con la Libia di re Idriss sulle questione dei danni di guerra, la Farnesina vers al ministro degli esteri libico Ali el-Sahili la somma di 4,8 miliardi di lire italiane, ma nel testo dell'accordo non si fa assolutamente cenno ai danni di guerra e alle infinite sofferenze provocate al popolo libico. La somma, in seguito ritenuta inadeguata dal colonnello Gheddafi, veniva elargita quale contributo alla ricostruzione economica della Libia.

Con questo artificio l'Italia repubblicana e democratica decideva pertanto di coprire gli errori e le colpe dell'Italia fascista.

Niente di nuovo, dunque. Siamo alle solite. Per nascondere gravi responsabilit e antiche colpe, si ricorre a piccole astuzie e scambi di parole. Ma i fatti sono ormai consegnati alla storia e pesano terribilmente anche s e una storiografia compiacente e revisionista cerca di attenuarli o addirittura di falsificarli. A proposito dell'obelisco regalato, non ci sembra un brillante esordio quello del neo-ministro degli esteri Gianfanco Fini. Forse fa ancora in tempo a ristabilire la verit.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news