LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli archeologi italiani ridanno vita al Museo di Baghdad
Romano Chigi

IL museo di Baghdad, saccheggiato e semidistrutto nei giorni della fine del regime di Saddam Hussein, potrebbe riaprire alcuni dei suoi settori, grazie al lavoro di restauro di archeologi italiani e alla missione italiana in ambito Unesco. La sala assira, dove erano contenuti alcuni dei capolavori dell'antichit - tra cui il volto enigmatico della "Dama di Uruk", e il vaso di Warka raffigurante i primi rituali religiosi sumerici - di nuovo agibile e aspetta di accogliere il pubblico, non appena ci saranno le condizioni di sicurezza. Infatti, nonostante la situazione di guerra e i pericoli quotidiani - hanno spiegato Antonio Invernizzi e Roberto Parapetti, responsabili del Centro di ricerche archeologiche e scavi di Torino - la Task Force" di esprti italiani lavora a pieno ritmo per ricostruire il patrimonio archeologico dell'Iraq, memoria non solo del Paese ma di tutta l'umanit. Mentre gli esperti fanno progetti e pensano, non appena ve ne saranno le possibilit, di tornare a prendersi cura di siti dai nomi mitici come Seleucia, Babilonia, Ninive, gli investigatori italiani hanno completato l'elenco dei beni trafugati nel 2003 (circa 4.500) e ne sono alla caccia.
Tra i tanti programmi che l'Italia vorrebbe varare, uno dei pi affascinanti quello di recuperare il centro storico di Baghdad, la cittadella di epoca musulmana sulla riva destra del Tigri, che potrebbe essere pedonalizzata e diventare un polo culturale, con servizi di ferry boat. Gli archeologi italiani sperano che non sia solo un sogno e che anzi il loro lavoro sia un esempio di come l'Italia, per merito delle sue competenze culturali, possa contribuire al ritorno della pace e della normalit in Iraq, come in altre zone "difficili" dell'area mediterranea. Il lavoro degli archeologi in linea con l'impegno dell'Italia nella crisi irachena. Un impegno formalmente in armi per sostenere la pacificazione, ma sostanzialmente di grande respiro umanitario per alleviare le sofferenze della popolazione.
Proprio di ci si parlato a "Sponde 2004", convegno organizzato dalla Farnesina sulla cooperazione tra Italia e le rive del Mediterraneo, inteso nel suo senso pi ampio, come mare-culla della civilt umana e come luogo di incontro e fusione tra mondi diversi, ma non contrapposti. Il convegno si articola su tre temi: la cooperazione per la preservazione e la promozione del patrimonio culturale; la cooperazione e la comunicazione nel Mediterraneo; l'interscambio culturale e religioso nel
Mediterraneo, in altre parole il "vivere insieme". Il messaggio di cui la nostra iniziativa vuole farsi promotrice - ha spiegato l'ambasciatore Umberto Vattani, segretario generale della Farnesina, nell'aprire l'incontro - che il dialogo tra le diverse culture non solo possibile ma necessario.
L'Italia, per la sua storia e collocazione geografica, rappresenta - ha proseguito - un ponte ideale tra le culture del Mediterraneo, europea, nordafricana e mediorientale, e pu assumere il ruolo di incoraggiare un incontro proficuo tra di esse, proponendosi come luogo di dialogo e di scambio.
L'archeologia il primo tema di cooperazione affrontato nel convegno. E ed uno dei terreni su cui la collaborazione tra esperti italiani e di Paesi mediterranei non si mai interrotta, anche nei momenti di maggiore tensione. Di oltre 40 anni la presenza ininterrotta italiana in Siria, dove un'equipe archeologica dell'Universit "La Sapienza" di Roma, guidata dal professor Paolo Matthiae, ha riportato alla luce la favolosa citt di Ebla, risalente al terzo millennio avanti Cristo, uno dei pi antichi e importanti esempi - ha spiegato Io studioso - della civilt siro-palestinese contemporanea a Babilonia.
In Libia, i ricercatori dell'Universit di Palermo, coordinati dal prof. Nicola Bonacasa, stanno terminando il recupero dell'imponente tempio di Zeus a Cirene, mentre in Marocco, la squadra dell'Universit di Siena, guidata dal prof. Emanuele Papi, al lavoro per ricostruire la lunga vita del villaggio marocchino di Thamusida, un sito abitato dalla preistoria fino all'epoca islamica.
La ricerca sulle vestigia del passato - stato detto durante l'incontro - dimostra fra l'altro quanto le diverse culture e civilt si siano assimilate e siano debitrici tra di loro. Nel villaggio di Tahmusida - ha osservato Papi - le costruzioni del passato rivelano quanto I romani si fossero berberizzati e quanto i berberi romanizzati. Anche in Iraq, dove oggi il fondamentalismo invoca lo scontro di civilt, gli archeologi hanno trovato testimonianze di quanto la cultura mesopotamica avesse assimilato dal mondo greco e come, a sua volta, lo avesse influenzato.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news