LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli archeologi italiani ridanno vita al Museo di Baghdad
Romano Chigi

IL museo di Baghdad, saccheggiato e semidistrutto nei giorni della fine del regime di Saddam Hussein, potrebbe riaprire alcuni dei suoi settori, grazie al lavoro di restauro di archeologi italiani e alla missione italiana in ambito Unesco. La sala assira, dove erano contenuti alcuni dei capolavori dell'antichit - tra cui il volto enigmatico della "Dama di Uruk", e il vaso di Warka raffigurante i primi rituali religiosi sumerici - di nuovo agibile e aspetta di accogliere il pubblico, non appena ci saranno le condizioni di sicurezza. Infatti, nonostante la situazione di guerra e i pericoli quotidiani - hanno spiegato Antonio Invernizzi e Roberto Parapetti, responsabili del Centro di ricerche archeologiche e scavi di Torino - la Task Force" di esprti italiani lavora a pieno ritmo per ricostruire il patrimonio archeologico dell'Iraq, memoria non solo del Paese ma di tutta l'umanit. Mentre gli esperti fanno progetti e pensano, non appena ve ne saranno le possibilit, di tornare a prendersi cura di siti dai nomi mitici come Seleucia, Babilonia, Ninive, gli investigatori italiani hanno completato l'elenco dei beni trafugati nel 2003 (circa 4.500) e ne sono alla caccia.
Tra i tanti programmi che l'Italia vorrebbe varare, uno dei pi affascinanti quello di recuperare il centro storico di Baghdad, la cittadella di epoca musulmana sulla riva destra del Tigri, che potrebbe essere pedonalizzata e diventare un polo culturale, con servizi di ferry boat. Gli archeologi italiani sperano che non sia solo un sogno e che anzi il loro lavoro sia un esempio di come l'Italia, per merito delle sue competenze culturali, possa contribuire al ritorno della pace e della normalit in Iraq, come in altre zone "difficili" dell'area mediterranea. Il lavoro degli archeologi in linea con l'impegno dell'Italia nella crisi irachena. Un impegno formalmente in armi per sostenere la pacificazione, ma sostanzialmente di grande respiro umanitario per alleviare le sofferenze della popolazione.
Proprio di ci si parlato a "Sponde 2004", convegno organizzato dalla Farnesina sulla cooperazione tra Italia e le rive del Mediterraneo, inteso nel suo senso pi ampio, come mare-culla della civilt umana e come luogo di incontro e fusione tra mondi diversi, ma non contrapposti. Il convegno si articola su tre temi: la cooperazione per la preservazione e la promozione del patrimonio culturale; la cooperazione e la comunicazione nel Mediterraneo; l'interscambio culturale e religioso nel
Mediterraneo, in altre parole il "vivere insieme". Il messaggio di cui la nostra iniziativa vuole farsi promotrice - ha spiegato l'ambasciatore Umberto Vattani, segretario generale della Farnesina, nell'aprire l'incontro - che il dialogo tra le diverse culture non solo possibile ma necessario.
L'Italia, per la sua storia e collocazione geografica, rappresenta - ha proseguito - un ponte ideale tra le culture del Mediterraneo, europea, nordafricana e mediorientale, e pu assumere il ruolo di incoraggiare un incontro proficuo tra di esse, proponendosi come luogo di dialogo e di scambio.
L'archeologia il primo tema di cooperazione affrontato nel convegno. E ed uno dei terreni su cui la collaborazione tra esperti italiani e di Paesi mediterranei non si mai interrotta, anche nei momenti di maggiore tensione. Di oltre 40 anni la presenza ininterrotta italiana in Siria, dove un'equipe archeologica dell'Universit "La Sapienza" di Roma, guidata dal professor Paolo Matthiae, ha riportato alla luce la favolosa citt di Ebla, risalente al terzo millennio avanti Cristo, uno dei pi antichi e importanti esempi - ha spiegato Io studioso - della civilt siro-palestinese contemporanea a Babilonia.
In Libia, i ricercatori dell'Universit di Palermo, coordinati dal prof. Nicola Bonacasa, stanno terminando il recupero dell'imponente tempio di Zeus a Cirene, mentre in Marocco, la squadra dell'Universit di Siena, guidata dal prof. Emanuele Papi, al lavoro per ricostruire la lunga vita del villaggio marocchino di Thamusida, un sito abitato dalla preistoria fino all'epoca islamica.
La ricerca sulle vestigia del passato - stato detto durante l'incontro - dimostra fra l'altro quanto le diverse culture e civilt si siano assimilate e siano debitrici tra di loro. Nel villaggio di Tahmusida - ha osservato Papi - le costruzioni del passato rivelano quanto I romani si fossero berberizzati e quanto i berberi romanizzati. Anche in Iraq, dove oggi il fondamentalismo invoca lo scontro di civilt, gli archeologi hanno trovato testimonianze di quanto la cultura mesopotamica avesse assimilato dal mondo greco e come, a sua volta, lo avesse influenzato.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news