LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Carta dei rischi per monitorare le Domus
Angela Romani
Il Giornale di Napoli 11/6/2011

POMPEI. Una carta dei rischi per avere sotto controllo lo stato di ogni domus del sito di Pompei. questo il metodo di lavoro individuato e approvato dal Consiglio superiore per i beni culturali illustrato, a Napoli, dal sottosegretario ai Beni Culturali, Riccardo Villari. La carta, come spiegato, consentir, attraverso l'utilizzazione di colori, giallo rischio basso, azzurro rischio medio, arancione rischio alto, di conoscere il livello di pericolo di ogni domus pompeiana. Con queste linee guida - ha detto il sottosegretario - cerchiamo di ridurre al minimo la straordinariet e l'emergenza, individuando un criterio di monitoraggio funzionale alla redazione di una carta dei rischi per poi procedere a un'amministrazione e a una manutenzione programmata e costante. Al momento, sono 39 i siti dell'area archeologica individuati ma, come sottolineato dalla soprintendente Teresa Cinquantaquattro, una lista suscettibile di cambiamenti in base ai risultati del monitoraggio. Gli interventi saranno realizzati, come ha spiegato il sottosegretario, grazie al reperimento di risorse aggiuntive ai fondi strutturali per circa 105 milioni di euro, fondi che - assicura Villari - saranno disponibili a breve. L'azione, ha spiegato la Cinquantaquattro, si svilupper estendendo il monitoraggio all'intera area archeologica stabilendo una scala di priorit sulla cui base attivare una serie di interventi da condurre in modo trasversale. Ci significa - ha detto la Soprintendente - che alcuni interventi riguarderanno l'intera area archeologica e saranno rivolti a rivolti a mitigare i rischi che derivano da assetti idrogeologici e dal deperimento di materiali, mentre - ha proseguito - altri avranno ad oggetto singoli complessi monumentali con lavori alle cinte murarie, alle coperture e alle decorazioni. Altro nodo chiave per il recupero e la valorizzazione del sito di Pompei, che lo scorso anno stato visitato da 2 milioni e 400mila visitatori, la necessit di nuovo personale. Ad oggi, infatti, per 44 ettari di scavo, presente un solo archeologo. Abbiamo tutti - ha detto il sottosegretario Villari - la consapevolezza che c' tanto da fare e, dunque, necessario riaprire all'arruolamento dei giovani e mi impegno personalmente in questa direzione. In particolare, stata sottolineata dalla soprintendente, l'importanza di reperire personale tecnico e, dunque, architetti e archeologi. Un recupero di Pompei che, come stato sottolineato, non si deve limitare all'area archeologica. In questi mesi - ha concluso Villari - attorno a Pompei si sta muovendo un tessuto vivace di iniziative tra cui quella dell'Unione industriali per il recupero dell'area esterna e in questa direzione - ha aggiunto .- necessaria una sinergia tra amministrazione locale, Curia e Soprintendenza. 105 milioni per Pompei? Una buona notizia, ma speriamo che siano investiti bene e non si finisca come per il Teatro grande, oggi inattivo, per il quale un anno fa sono stati spesi cinque milioni e mezzo di euro anche per impianti e tecnologie utili agli spettacoli estivi del San Carlo che oggi non servono a niente e giacciono in loco in attesa di deteriorarsi. il commento di Carmine Gambardella, preside della Facolt di Architettura Luigi Vanvitelli della SUN e presidente di Benecon, centro di competenza campano per i beni culturali, all'apertura del IX forum internazionale "Le vie dei mercanti- Save Heritage". Il nuovo piano del Ministero prevede un investimento di oltre otto milioni di euro sulla "conoscenza", si parla anche di rilievi e monitoraggi, un lavoro di mappatura in gran parte gi effettuato negli ultimi tre anni dal Benecon in collaborazione con la Guardia di Finanza e che sarebbe possibile completare a costo zero, con tecnologie uniche in Italia. Gambardella ricorda che prima del crollo eravamo gi partiti con un rilievo a tre dimensioni. Se il Ministero per i beni e le attivit culturali ci avesse ascoltato e installato i georadar e i sensori acustici all'interno delle case, la Schola probabilmente sarebbe ancora in piedi - ipotizza Gambardella - Subito dopo il crollo, grazie ad un accordo con la Guardia di Finanza, abbiamo cominciato a volare sugli scavi con un sensore termico all'infrarosso per localizzare le zone a rischio e ridisegnarne cos una mappa, utilizzando una tecnologia con laser scanner aviotrasportati dell'ultima generazione che non solo rilevano il costruito in maniera tridimensionale (Lidar e Ads), ma attraverso il sensore iperspettrale Casi 1500 e Tabi, analizza il suolo in profondit. Gambardella, che ha aperto con Salvatore Settis i lavori del Forum dinanzi a cento esperti da tutto il mondo, ha ricordato che un momento in cui le risorse per i Beni Culturali scarseggiano nostro dovere diffondere pubblicamente i risultati straordinari gi raggiunti del progetto "Pompei, Fabbrica della Conoscenza" che da tre anni impegna la Seconda universit di Napoli, con Benecon, spin off di quattro atenei campani, ed attorno al quale si formato un comitato scientifico internazionale con Unesco e Fondazione Fulbright. Intervento polemico dell'associazione Idea citt di Castellammare che denuncia una grave omissione nel piano: nessun intervento per gli scavi di Stabiae. Se venisse confermato l'elenco reso noto - afferma il presidente Gianpaolo Valitutti - siamo di fronte a una grave omissione verso le ville di Stabiae, le quali necessitano di urgenti lavori di restauro e di un serio programma di tutela e valorizzazione. Il Ministero dimentica le ville romane di Castellammare, cos come ha dimenticato il Palazzo reale di Quisisana e la Scuola nazionale di restauro che deve essere aperta nella nostra citt. Va bene programmare e finanziare il recupero dell'immenso patrimonio archeologico di Pompei, ma veramente incomprensibile che mentre si sia deciso (e giustamente) di intervenire su tanti altri importanti siti vesuviani (Torre Annunziata, Poggiomarino, Ercolano, Boscoreale, Nola), vi sia una sola eccezione: l'antica Stabiae. Chiediamo che si spieghi alla citt il perch di questa omissione. Forse le ville di Varano non hanno bisogno di urgenti interventi di restauro? Forse che non servano opere di valorizzazione?.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news