LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAZIO - La Gatti presenta la bozza per il vincolo sull'area dei ritrovamenti archeologici
ALESSANDRO REDIROSSI
CIOCIARIA oggi 10 giugno 2011

Un foglio con evidenziata in nero l'area del vincolo indiretto sulle terme romane. Era da tempo che la Consulta delle Associazioni aspettava di vedere un documento del genere, mostrato ieri da Sandra Gatti, funzionaria di zona della Soprintendenza ai Beni Archeologici del Lazio nel corso dello svolgimento della seduta della commissione cultura della Provincia. L'area che potrebbe essere sottoposta a vincolo archeologico indiretto lambirebbe la villa comunale, il vicino palazzo e l'area sottoposta a sondaggi archeologici oggetto dell'iniziativa immobiliare "I Portici". Includerebbe anche il basolato romano ritrovato nel 2000 e le strutture di epoca repubblicana che si trovano al di fuori del perimetro dell'impianto termale. Quella che vi ho fatto vedere - ha tenuto a chiarire la Gatti - solo una bozza. Dovr passare per un complesso iter che coinvolger la direzione regionale e un'apposita commissione che valuter il progetto anche in base ai legittimi interessi privati. La responsabile di zona ha sottolineato ancora una volta che la valorizzazione del sito dovr passare per l'espropriazione di suolo privato, sul quale si troverebbero circa i tre quarti dei resti dell'impianto, andati distrutti in gran parte per via di precedenti interventi edilizi. Ho fatto una panoramica dei costi per la valorizzazione - ha detto la Gatti - Aldil dei necessari espropri sono necessari circa 770 mila euro. Una cifra che comprende scavi, restauri, illuminazione, videosorveglianza, copertura, pannelli didattici e quant' altro. I soldi del finanziamento regionale erogati dalla Provincia (2 milioni di euro in 4 anni) e riferiti a tutto il territorio ciociaro non basteranno per la sola valorizzazione delle Terme ed per questo che il Comune, per bocca dello stesso sindaco e sulla scorta di una mozione del consiglio, si impegnato a reperire le altre necessarie risorse. Euro che, probabilmente, passeranno anche per eventuali sponsor privati. All'incontro, oltre al presidente della commissione Cultura provinciale Fabio Bracaglia, all'assessore provinciale alla Cultura Antonio Abbate e ad alcuni consiglieri dell'ente di piazza Gramsci e del Comune ha partecipato anche Gerardina Morelli, presidente della commissione culturale del capoluogo. Possiamo mettere a fianco delle Terme migliaia di metri cubi di cemento? ha chiesto il consigliere comunale Alberto Gualdini riferendosi all'iniziativa immobiliare oggetto tra l'altro di un concorso internazionale di idee. Al quesito ha risposto Anna Ciavardini, della Soprintendenza Paesaggistica. Quando verr presentato il progetto di edificazione de "I Portici" - ha detto la Ciavardini - lo valuteremo e, nel rispetto della normativa, metteremo i nostri "paletti". Probabilmente sarebbe stato pi opportuno da parte del proprietario inserire nella commissione del Concorso di idee qualche rappresentante degli enti competenti. Proprio sull'area de "I Portici" intervenuta la Gatti, spiegando che si inizier a scavare a mano e che il 90% degli attuali ritrovamenti costituito da "tracce negative" come canalizzazioni e tombe. Abbiamo segnalato tutto alla nostra direzione regionale che avr l'ultima parola. La parte restante dei rinvenimenti costituita anche da strutture. Un punto sul quale le associazioni non sono del tutto rimaste convinte la procedura che ha dato avvio ai sondaggi archeologici, delle quali vorrebbero visionare la documentazione. Abbiamo chiesto - dicono gli esponenti delle associazioni - se ci fosse un carteggio fra privato e Soprintendenza per avviare i sondaggi sull'area. Nonostante ci abbiano spiegato quale sia la procedura corretta non sappiamo in che modo sia stata portata avanti in questo caso, vorremmo vedere le carte. Carta archeologica e museo: palla al Comune La Gatti ha ribadito che l'ampliamento del museo archeologico non si affatto arenato per una decisione della Soprintendenza che, nel 1999, aveva addirittura espresso il proprio parere favorevole. Toccher dunque al Comune chiarire la vicenda per dare una "casa" ai tanti reperti trovati in questi anni a Frosinone. I reperti sono gi a Frosinone - ha detto la Gatti - alcuni sono nei nostri laboratori per le opportune ricerche. Si tratta di materiale dello Stato ed il Comune che deve attivarsi per portarli nel proprio museo civico. Il ministero pu affidarli solo in seguito a un progetto di allestimento che, per ora, non c'. Sulla Carta archeologica comunale la Gatti si dimostrata disponibile. A noi pu solo far piacere. A livello regionale c' gi una *** Carta. A Frosmone avete degli archeologi che possono tranquillamente mettersi a lavoro per crearne una comunale. D sindaco Michele Marini, gi da qualche giorno, ha dato incarico alla direttrice del museo Maria Teresa Onorati di lavorare al progetto. Siamo contenti che le associazioni - ha detto il presidente della Consulta Francesco Notarcola - abbiano messo fine a uno stallo che durava da troppo.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news