LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecomafie. Cemento illegale, Roma e Lazio svettano nella classifica legambiente logo



82mila tir carichi di rifiuti, 2 mila tonnellate di rifiuti speciali, 26mila nuovi immobili abusivi, questi alcuni dei numeri contenuti nel Rapporto di Legambiente sulla criminalit ambientale presentato questa mattina a Roma. Male il Lazio sia nel ciclo dei rifiuti sia del cemento. Latina quarta e Roma quinta nella graduatoria delle province sul calcestruzzo illegale.

INTERVISTA "Combattere le ecomafie si pu, insieme alle istituzioni". Parla Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio

IL DOSSIER Nel Lazio un reato ambientale su 10

Soldi e territorio: binomio perfetto per le organizzazioni criminali. Lo dimostrano le cifre da capogiro registrate in Ecomafie 2011, il rapporto di Legambiente sulla criminalit ambientale pubblicato stamane.Come un virus che contagia, le ecomafie avvelenano il nostro ecosistema. E inquinano leconomia. S, proprio cos, perch secondo la Banca dItalia il riciclaggio di capitali di provenienza illecita incide per il 10 per cento sul Prodotto interno lordo italiano. Anche il Lazio purtroppo vittima delle Ecomafie. La nostra regione quinta nella classifica stilata da Legambiente sul ciclo illegale dei rifiuti (dopo le prime quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa) e addirittura terza nel settore del ciclo illegale del cemento dopo Calabria e Campania. Male anche le province di Latina e Roma, rispettivamente quarta e quinta in Italia nella classifica del ciclo del cemento.

I numeri: 82mila tir carichi di rifiuti, che avrebbero formato ununica interminabile fila lunga oltre mille chilometri; 2mila tonnellate di rifiuti speciali sequestrate; pi di 26mila nuovi immobili abusivi, in pratica una cittadina illegale che consuma, erode il paesaggio. Non solo. Secondo la Polizia provinciale, sono 30mila gli illeciti registrati nel 2010, che fanno segnare un pi 7,8 per cento rispetto a due anni fa.

Per capire meglio il fenomeno bisogna disegnare una mappa dei reati. Di questi, il 41 per cento rappresentato dal cemento, il 19 per cento da quelli contro la fauna, infine il 16 per cento dagli incendi dolosi.

Il record di illegalit spetta alla Campania, che guida la classifica con 3849 crimini, il 12 per cento del totale, seguita dalla Puglia. Terza posizione per la Calabria che stacca di poco la Sicilia. In pratica le regioni a infiltrazione mafiosa ci tengono a non sfigurare, a piazzarsi tra i primi in questa speciale classifica. Il fatturato dei clan, secondo i dati forniti dai Carabinieri, raggiunge i 19 miliardi di euro nel 2010, anche se in leggero calo rispetto al 2009.

Altro capitolo che fotografa la situazione riguarda le agromafie che, grazie alle loro attitudini illegali, hanno collezionato oltre 7miliardi di euro di fatturato, secondo la Confederazione italiana agricoltura (Cia); mentre sono 24milioni tra chili e litri di merce sequestrata. Un esempio? A Verona sono state scoperte 10 milioni di uova, rotte o piene di insetti, destinate al mercato dolciario nel periodo natalizio

Senza dimenticare la green economy, altra strada che le mafie vogliono percorrere. S, perch le fonti rinnovabili, eolico in primis, rappresentano per i clan un nuovo campo in cui investire e ricavare profitti. Per adesso per le indagini sulle energie alternative rappresentano solo il 5,9 per cento. A farla da padrone ancora il ciclo illegale del cemento, con il 43 per cento, seguito da quello sui rifiuti che sfonda il tetto del 40 per cento.

Un sistema criminale che, sempre per la teoria del virus, si annida nella pubblica amministrazione e nellimprenditoria, decidendo le rotte illecite dei rifiuti, ma anche consiglieri comunali e sindaci. A Bordighera, paesino in provincia di Imperia, il Comune stato sciolto per pesanti condizionamenti mafiosi. Tra Napoli e Roma, sette persone arrestate con laccusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. Biglietto da visita? Lappartenenza al clan Mallardo, specializzato nel creare linferno rifiuti allombra del Vesuvio. Non immune la Lombardia. A Pavia stato scoperto un impianto predisposto per bruciare biomasse, ma in realt dentro la struttura finiva di tutto. Non manca la beffa: erano previsti anche dei contributi pubblici, a questo punto pro inquinamento.

Ma in tutto il Paese si registra la cattiva e insana abitudine di smaltire i rifiuti spedendoli in Asia. Le organizzazioni criminali, si reinventano e investono in settori prima sconosciuti. Con un unico obiettivo: distruggere pur di guadagnare. Oggi, per loro, il nuovo business si chiama ambiente.
di Santo Iann

http://www.paesesera.it/Cronaca/Cemento-illegale-Roma-e-Lazio-svettano-nella-classifica


news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news