LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il libro "Caccia ai tesori di Morgantina" del magistrato Silvio Rafiotta
DANIELA ACCURSO
VENERD, 06 MAGGIO 2011 LA REPUBBLICA Palermo


"Cos ho scoperto il giallo della venere"



Lo squarcio aperto dal primo tombarolo "pentito" sul tesoro degli argenti, la pista che portava al Metropolitan Museum di New York e la svolta col processo del 2005. "Ora nessuna istituzione straniera acquister reperti di provenienza dubbia"


Indagini silenziose, che non fanno clamore, e che scavano su una faccia diversa della criminalit organizzata: si chiama furto di opere darte. Parla di questo il libro "Caccia ai tesori di Morgantina"(Editopera 2010) di Silvio Raffiotta, magistrato,63 anni, in pensione, nativo di Aidone, che nella sua attivit ha lavorato sulla tutela dei beni culturali, Prima il sequestro della diga Pietrarossa in via di completamento su un sito archeologico romano, successivamente, tra l89 e il 99, le indagini che hanno portato alla scoperta del furto e dellesportazione illegale allestero di capolavori darte greca trafugati da Morgantina.
Come sono cominciate le indagini?
Con larresto nel marzo 89 della banda di tombaroli che operava a Morgantina, capeggiata da Giuseppe Mascara di Aidone che divenne il primo "pentito" dellarcheologia illegale, indicando due gruppi di reperti: il tesoro di argento di sedici pezzi di fine oreficeria ellenistica, acquistati nel 1980-1981 dal Metropolitan Museum di New York, tramite il mediatore internazionale Robert Hecht e di due teste arcaiche in marmo, corredate da mani e piedi, acquistate nel 1980, tramite il commerciante inglese Robin Symes, da Maurice Tempelsman, il "re dei diamanti" noto anche come ultimo compagno di Jaqueline Kennedy. Il pentimento del Mascara, con la messa sotto accusa del pi potente museo del mondo, come il Met, provoc, come "effetto domino" il pentimento dellex direttore dello stesso museo, Thomas Hoving, il quale rivel che anche il Paul Getty Museum di Malib era coinvolto negli acquisti "spericolati" di reperti archeologici, tanto vero che aveva di recente acquistato una colossale statua in pietra e marmo proveniente da scavi clandestini a Morgantina. I grandi collezionisti americani guardavano con molta attenzione agli scavi clandestini nel nostro Paese, nonostante la Convenzione internazionale di Parigi impegnava gli Stati aderenti, compresi gli Usa, a non consentire quel traffico.
Come la presero i musei americani a sentirsi sotto accusa?
Quando cadde il velo della loro rispettabilit ed inattaccabilit, la presero ovviamente male e reagirono, sostenendo che avevano sempre agito in buona fede, facendosi rilasciare dai commercianti attestazioni di legittima provenienza. Le nostre successive indagini li sbugiardarono, dimostrando la falsit di quelle certificazioni, che venivano tutte create in Svizzera con luso di persone prezzolate. Per la "Venere", per esempio, si servirono di un tal Renzo Canavesi, un modesto ed indebitato tabaccaio, che dichiar di avere ricevuto la statua in eredit dal padre, che faceva lorologiaio.
Ma come si spiega limprudenza dei musei americani?
I collezionisti americani hanno agito nel mercato dellarcheologia con la certezza dellimpunit, in quanto i loro appoggi, anche in Italia, erano tali, che nessuno si sarebbe sognato di chiedere ragione dei loro acquisti. In parole povere, erano loro a dettare legge e noi subivamo senza fiatare. Per il loro giocattolo ad un certo punto si rotto ed il primo sasso nello stagno stato lanciato ad Enna nel 1989.
Nelle sue indagini ha incontrato ostacoli o depistaggi?
Quando nel 1989 formulammo le rogatorie internazionali per la restituzione o, quantomeno, per accertamenti tecnici sui reperti, ci vennero respinte senza adeguata motivazione. Ci sono anche giunte allorecchio varie proteste diplomatiche degli Usa, mentre certo che le nostre autorit governative di allora non supportarono a dovere le iniziative della magistratura. Infatti nel 99 il caso "Morgantina" veniva considerato chiuso sia in Italia, che in America, sebbene proprio quellanno si stava completando, con riscontri scientifici, il quadro probatorio della provenienza dei tre gruppi di reperti da Morgantina.
Quando c stata la svolta?
Nel 2005, quando un magistrato della Procura della Repubblica di Roma, Piergiorgio Ferri, ha mandato alla sbarra per associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione di reperti archeologici tutti i personaggi gi coinvolti nel "caso Morgantina" per vecchie e nuove ruberie, soprattutto in Etruria e in Puglia, oltre che in Sicilia.. Musei e collezionisti privati americani hanno gettato la spugna e restituito quanto indebitamente detenevano da trentanni. Ovviamente il processo romano finito con la prescrizione.
cambiato qualcosa dopo quelle restituzioni?
Da oggi in poi nessun museo straniero si azzarder ad acquistare un reperto senza nota e legittima provenienza. Sono anche crollati gli scavi clandestini, perch senza i musei stranieri che acquistano a caro prezzo non vale la pena scavare e rischiare la galera. La catena si spezzata, ma bisogna stare allerta, perch potrebbero affacciarsi sul mercato collezionisti dellaltra parte del mondo.
Ha scritto un libro per raccontare tutto questo?
Non potevo non scriverlo, perch la mia esperienza giudiziaria alla ricerca dei reperti rubati a Morgantina per farli tornare al luogo dorigine, ha qualcosa che assomiglia pi al romanzo che ad unindagine penale. Ventanni fa nessuno avrebbe scommesso sulla restituzione, che, come poche volte nella storia, in definitiva la vittoria del pi debole contro il pi forte, del diritto contro la forza, della scienza contro le leggi di mercato.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news