LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Centro storico, speculazioni e silenzi
Stefano Deliperi
Manifesto Sardo, 1-5-2011

Con la deliberazione Consiglio comunale n. 10 del 9 febbraio 2011 l’Amministrazione Floris ha approvato uno degli atti più rilevanti del suo mandato per favorire il solito “sistema” cagliaritano basato sul “mattone”, il “piano particolareggiato del centro storico – zona A del Comune di Cagliari e della Municipalità di Pirri”. Pochi i voti contrari, anche da parte delle opposizioni, alcune astensioni. Poche le “voci” contrarie, in particolare quella del presidente uscente della Circoscrizione Centro Storico Gianfranco Carboni, paradossalmente non candidato dal suo partito (il P.D.) alle prossime elezioni comunali. Per il resto silenzio.
Eppure, anche a un’analisi non esaustiva, emergono nel piano adottato svariate previsioni di modifiche a fini privatistici di ambienti e contesti d’interesse paesaggistico/culturale tutelati palesemente incongrue e illegittime. A puro titolo di esempio: edificazione residenziale in Via Tristani e percorsi meccanizzati da Via Tristani al Terrapieno (quartiere Villanova); edificazioni residenziali in Via Fara (quartiere Stampace) e in Via La Marmora (quartiere Castello); edificazioni residenziali presso l’arco di Via Palabanda (quartiere Stampace).
In poche parole, i pochi spazi “liberi” nel centro storico vengono destinati all’edificazione a fini privati piuttosto che a verde pubblico o a servizi pubblici di quartiere.L’area del centro storico di Cagliari è tutelata con specifico vincolo paesaggistico e con vincolo storico-culturale riguardo numerosi immobili (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) mentre e nel piano paesaggistico regionale – P.P.R. l’area rientra nella tutela di cui al titolo II – assetto storico culturale, anche per espressa indicazione dell’art. 66 (centri di antica e prima formazione) delle norme di attuazione. Ai sensi dell’art. 47 delle norme di attuazione, “l’assetto storico culturale è costituito dalle aree, dagli immobili siano essi edifici o manufatti che caratterizzano l’antropizzazione del territorio a seguito dei processi storici di lunga durata” e “rientrano nell’assetto territoriale storico culturale regionale le seguenti categorie di beni paesaggistici: a) gli immobili e le aree di notevole interesse pubblico tutelati ai sensi dell’art. 136 del D.Lgs. 22.1,04, n. 42 e successive modificazioni” oltre ad altri beni d’interesse culturale (es. beni identitari, ecc.).
In tutto il centro storico cagliaritano – tutelato con vincolo paesaggistico – si applicano quindi le disposizioni di tutela del P.P.R. (artt. 47-59 delle norme tecniche di attuazione) fino all’approvazione del nuovo P.U.C. in adeguamento al medesimo P.P.R., in particolare le misure di salvaguardia (artt. 47-49 delle norme tecniche di attuazione).Il piano particolareggiato del centro storico, in buona sostanza, non può svolgere il ruolo assegnato al P.U.C. (di cui è un piano attuativo), tantomeno può degradare beni paesaggistici e culturali tutelati.
In proposito, le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno inoltrato (24 aprile 2011) uno specifico atto di “osservazioni”, inviato, per opportuna informazione e i conseguenti provvedimenti, anche all’Assessore regionale dell’urbanistica, al Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici, al Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari, al Soprintendente per i beni archeologici di Cagliari e al Direttore del Servizio regionale tutela paesaggistica di Cagliari. Tuttavia finora – scaduti i termini lo scorso 26 aprile – risulta essere l’unico atto di “osservazioni” inoltrato al Comune, il che la dice lunga sulla reale “volontà” di cambiamento nello strategico ambito dell’urbanistica della pretesa “capitale del Mediterraneo”.
Cagliari ha perso negli ultimi vent’anni circa 20 mila residenti, sono circa 8-9 mila gli appartamenti vuoti a causa di un mercato immobiliare “drogato”. I 4-6 mila euro al metro quadro sono in pochi a poterseli permettere e anche i “signori del mattone Kasteddaio” sono ormai in crisi.
Massimo Fantola, il candidato del centro-destra, con la “vocazione naturale” a fare il sindaco di Cagliari fin da bambino, rappresenta la più grigia continuità rispetto alla melassa inconcludente del sindaco uscente Floris, nonostante il giubbetto sportivo che mai l’abbandona.
Dai candidati provenienti dall’attuale opposizione, Massimo Zedda (centro-sinistra) in primo luogo, Cagliari si aspetta fatti concreti. In questi anni se ne sono visti davvero pochi, spesso per iniziativa di Claudia Zuncheddu, anch’essa consigliere comunale uscente e candidata indipendentista.
Eppure, fra la crescente disaffezione da parte dei cittadini-elettori, una leggera brezza di curiosità mista a incertezza spira fra Castello, Via Roma e le periferie. Non diventerà un maestrale, ma di questi tempi le Ylenie Sulanas (illustre e danarosa sconosciuta candidata del centro-destra) non bastano a dare un tranquillo e soporifero ingresso a Palazzo Bacaredda al candidato-già sindaco per “vocazione naturale”…

http://www.manifestosardo.org/?p=7998


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news