LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia: il governo regionale all’assalto della Valle dei Templi di Agrigento
Cannarozzo, Teresa
Eddyburg, 2 maggio 2011

Una minaccia che può ancora essere sventata. Se l’assalto riesce, chi non ha difeso e poteva farlo è colpevole quanto chi ha aggredito

La furia devastatrice del partito degli affari immobiliari è particolarmente vivace in Sicilia. Anche in quella regione le istituzioni sono spesso strumenti degli interessi economici più arcaici, e concorrono a distruggere ciò che innanzitutto a loro spetterebbe tutelare. La notizia del giorno è il tentativo della Giunta regionale siciliana di abolire (sic: “abolire”) il Parco archeologico della Valle dei templi di Agrigento. Abbiamo chiesto a Teresa Cannarozzo, che è stata vicepresidente del Parco, di informare eddyburg in proposito.



I luoghi

Nel territorio agrigentino si materializzano i contrasti più stridenti: l’eccezionale patrimonio archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi e un abusivismo edilizio diffuso e multiforme; orti urbani e giardini lussureggianti che si incuneano all’interno di periferie miserabili; una maglia invasiva e ingombrante di opere viarie, per lo più in viadotto che ha massacrato il territorio e il paesaggio.

Il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi comprende al suo interno l’antica Akràgas, di cui si possono leggere frammenti significativi in alcune aree scavate da tempo. La città classica era solcata da due fiumi ed era difesa da forti salti di quota e da una cinta murata che non si distingue per colore e materiale dalle rupi sottostanti.

L’Ente Parco

L’Ente Parco è stato istituito da una legge regionale: la n. 20 del 2000. La legge assegna all’Ente Parco propri organi di gestione, il compito di redigere il Piano del Parco, di tutelare e valorizzare i beni archeologici, paesaggistici e ambientali, di promuovere la ricerca archeologica curandone anche l’aspetto divulgativo, di potenziare la fruizione sociale e turistica delle risorse territoriali per incrementare il turismo culturale.

Altre attività di routine del Parco riguardano la manutenzione e il restauro del patrimonio vegetale e dei terreni agricoli espropriati; si è sperimentata anche una piccola produzione di olio e di vino.

Dopo un lungo periodo di commissariamento, alla fine del 2006 è stato ricostituito il Consiglio del Parco che si è dato alcuni obiettivi prioritari: la redazione di una Carta Archeologica, la costruzione di una nuova strategia di comunicazione delle risorse del Parco e la ripresa dell’iter di formazione del piano del Parco.

Il piano

La finalità principale del piano, faticosamente redatto e in fase di approvazione da parte dell’Assessorato Regionale ai BB.CC.AA.AA., è quella di rafforzare l’identità del paesaggio della Valle, indebolita dall’abbandono dell’agricoltura, da una edificazione strisciante e da svariati attraversamenti viari, attraverso una serie di azioni progettuali partecipate, articolate tra tutela, recupero, riqualificazione e valorizzazione.

Il primo obiettivo del piano è rendere accessibile e visitabile tutto il patrimonio archeologico esistente attraverso la proposta di nuovi itinerari. Per ampliare la durata e la tipologia delle visite il piano prevede un itinerario che include anche il centro storico e la vicina Rupe Atenea, dove sono visibili edifici di origine classica, aree archeologiche minori e tratti delle fortificazioni. Per le stesse finalità il piano prevede interventi di rinaturalizzazione e riqualificazione della fascia costiera e degli alvei dei due antichi fiumi lungo i quali propone itinerari naturalistici e green ways.

Il piano prevede anche un nuovo sistema di accesso al Parco basato su parcheggi intermodali tangenti alle aree archeologiche, in connessione con bus navetta che copriranno diversi percorsi di visita; si prevede anche di utilizzare il tracciato ferroviario che attraversa la Valle e che arriva alla città, attualmente adoperato in occasioni sporadiche.

Il piano affronta il tema del riuso del patrimonio edilizio storico all’interno della Valle e propone di ampliare il sistema dei servizi e delle attrezzature prevedendo punti di informazione, luoghi di esposizione e vendita dei prodotti tipici, aree di sosta e ristoro, centri di ricerca, foresterie per gli studiosi e spazi museali.

Il piano propone anche una inversione di rotta nei rapporti con i proprietari di immobili all’interno della Valle; prevede infatti di fermare la politica degli espropri che hanno causato fatalmente l’abbandono delle aree rurali e degli edifici, con grande danno per la conservazione del paesaggio agrario e di inaugurare rapporti di convenzione con i residenti, sia per il mantenimento dell’agricoltura che per la fornitura di alcuni servizi.

In definitiva il piano considera il Parco un territorio multifunzionale, caratterizzato da una molteplicità di risorse, aperto contemporaneamente al mondo e alla città, in un processo di riappropriazione identitaria, storica e culturale da parte della comunità locale.

L’assalto del Governo Regionale

Nonostante i risultati positivi conseguiti nella gestione del Parco, il governo regionale in carica ha fatto intendere in diverse occasioni che avrebbe voluto smantellare l’Ente, cancellandone l’autonomia finanziaria e le competenze. Ma questo obiettivo sarebbe stato raggiungibile solo modificando o abrogando la legge istitutiva, a suo tempo voluta da un ampio schieramento politico trasversale.

La presentazione della finanziaria da parte del Governo, in corso di discussione all’Assemblea Regionale, è sembrata l’occasione utile: è stato introdotto infatti un emendamento devastante che cancella gli organi di gestione del Parco e, incredibilmente, anche il Piano, che tra l’altro è costato una cifra esorbitante. Sono infatti abrogati gli articoli da 7 a 14 del Titolo I della legge 20 del 2000.

Naturalmente, la cosa non è passata inosservata e si è scatenata una forte reazione, specie da parte di alcuni deputati del PD di Agrigento.

Si dice che l’emendamento sia stato ritirato ma la finanziaria è ancora in discussione e potrebbe essere riproposto. Per altro come accade dappertutto, la stampa, ancorché sollecitata, ignora le vicende di questo genere e il dissenso si muove attraverso percorsi carsici senza arrivare facilmente all’opinione pubblica.




http://www.eddyburg.it/article/articleview/16949/0/92/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news