LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Grotta dei cervi, aperta uninchiesta "Sito neolitico in totale degrado"
CHIARA SPAGNOLO
VENERD, 29 APRILE 2011 LA REPUBBLICA - Bari

Fascicolo del procuratore capo Motta, indagano i carabinieri


La decisione dopo lappello degli archeologi. Reperti a rischio, gi rovinate le pitture


LECCE - sopravvissuto per oltre seimila anni, nelle grotte dove la leggenda narra che approd Enea, il pi grande "santuario" neolitico dOccidente. Oggi lincuria delluomo lo mette in pericolo e la Procura di Lecce tenta di capire se vi siano responsabilit nello stato di assoluto degrado in cui versa la Grotta dei cervi di Porto Badisco, gioiello abbandonato tra Otranto e Santa Cesarea Terme. Qualche giorno fa il procuratore capo, Cataldo Motta, ha aperto un fascicolo sullo stato del complesso sotterraneo, delegando ai carabinieri lascolto di alcune persone informate sui fatti.
I primi ad essere sentiti sono stati Pino Salamina e Gianni Cremonesini, da anni impegnati in una strenua battaglia in difesa del sito archeologico. Entrambi fanno parte del Gruppo speleologico Ndronico, (il primo ne stato direttore scientifico, laltro presidente) e hanno firmato lappello inviato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e contestualmente alla procura salentina. In quei documenti sono elencate tutte le pecche nella gestione di quello che avrebbe potuto essere un vero tesoro: il mancato esproprio dei terreni sovrastanti a 41 anni dalla scoperta, lallontanamento di reperti dalla grotta e la mancata catalogazione, gli inesistenti studi sugli scheletri. Senza tralasciare le descrizioni tecniche dei cunicoli carsici, "caratterizzati da fenomeni di corrosione, esfoliazione, disgregatura, scagliatura ed effiorescenza", che porteranno al deterioramento delle pitture.
Dalle loro sollecitazioni ha preso le mosse lindagine finalizzata a verificare lo stato di degrado denunciato e i motivi per cui, finora, non siano stati effettuati nella grotta interventi conservativi n operazioni finalizzate allapertura al pubblico. Il "santuario", che si snoda tra corridoi, sale, laghetti a 26 metri sotto il livello del mare, stato scoperto nel 1970 e visitato da appena 500 persone. La chiusura del sito, in cui sono stati trovati anche altri reperti quali utensili, vasellame, armi e ossa umane, stata disposta poco dopo la scoperta per impedire che lingresso di visitatori danneggiasse le pitture. Le meraviglie dipinte sulle pareti, per, sono state ugualmente compromesse, alcune pare in maniera irreversibile. E solo di recente la Sovrintendenza per i beni archeologici ha affidato al laboratorio di Archeometria dellUniversit del Salento il compito di monitorare i parametri microclimatici nella grotta, umidit, temperatura della roccia, direzione e intensit del vento, per capire come tentare di arrestare il degrado. La campagna di campionamento, tramite cinque centraline, dovrebbe iniziare a maggio e durare per circa un anno. Lindagine, per, gi partita.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news