LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le rovine di Agrigento
Elio Di Bella
Manifesto 29/4/2011

L'incuria delle istituzioni, e una lunga storia di finanziamenti perduti e interventi dissennati.
Cronache da Agrigento, la citt che cade a pezzi.
Dove l'ultimo palazzo venuto gi i125 aprile

E panico ad Agrigento. La citt del sacco edilizio che travolse il centro storico con la frana del luglio del 1966, torna ad avere paura. E questa volta non c'entra l'abusivismo, ma piuttosto l'incuria dei poteri pubblici ed una lunga storia di finanziamenti perduti, di piani particolareggiati mai realizzati, di interventi dissennati. Adesso che gli strumenti piazzati dai tecnici della protezione civile segnalano ampie fenditure, crepe, cedimenti della collina su cui gli Arabi costruirono la citt medievale e i palazzi crollano, si cerca di correre ai ripari. Ma al momento nessuno sa davvero cosa fare per fermare le frane. Gli specialisti della protezione civile e i docenti universitari non nascondono la propria impotenza, neppure nei convegni a cui partecipano numerosi. Nell'ultimo incontro sul tema della salvaguardia della Cattedrale e della riqualificazione del centro storico della Citt dei Templi, organizzato dai parlamentari nazionali e regionali del partito democratico, hanno detto con estrema chiarezza che nessuno sa come fatto il sottosuolo di Agrigento e pertanto tutti gli interventi, per mettere in sicurezza la Cattedrale, costati diversi milioni di euro, sono stati del tutto inutili. Occorre ricominciare daccapo ed stato avviato di recente un nuovo costoso monitoraggio. Il sottosuolo agrigentino attraversato da una rete di ipogei, cavit sotterranee realizzati sin dai tempi della dominazione greca per usi irrigui e militari. L'ultimo palazzo che crollato stava proprio sopra uno di questi ipogei, pieni di detriti e di acqua. Si tratta del palazzo Lojacono, un piccolo gioiello del barocco siciliano, bene monumentale protetto dalla sovrintendenza. All'alba del 25 aprile si sbriciolato. L'ex deputato regionale verde, oggi coordinatore provinciale di Sel, l'agrigentino Lillo Miccich, gi nel 2008 denunci lo stato di abbandono del palazzo Lojacono e raccont dei finanziamenti ottenuti e persi per l'incapacit del Comune di utilizzare il progetto di restauro (che pure c'era ed era stato pagato nel 1996 con 80 milioni di lire), di espropriare il bene e di fare il bando di gara. Finalmente un anno fa vennero operati degli interventi e fu necessario ordinare ad una decina di famiglie di sgombrare le abitazioni vicine. Dopo un mese dall'inizio dei lavori arriv l'ordinanza del sindaco Marco Zambuto: Potete tornare nelle vostre case, non c' pi alcun pericolo. All'alba del 25 aprile scorso un boato ha svegliato centinaia di residenti: il Palazzo Lojacono era crollato. Hanno aspettato il sindaco per strada e appena arrivato l'hanno duramente contestato. Il palazzo non era stato messo in sicurezza, come credevano tutti in citt. Non avevamo i soldi - si giustificato il sindaco - Con soli 150 mila euro potevamo fare solo un intervento provvisionale. E subito dopo andato a Palermo, dal governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo, per chiedere i finanziamenti necessari a mettere in sicurezza le case del centro storico. Nessuno mi ha mai parlato del palazzo Lojacono e della necessit di finanziarne il restauro, ha rimbeccato Lombardo. Poi ha promesso un milione di euro al giovane sindaco della Citt dei Templi. Ma Marco Zambuto, che di milioni ne aveva chiesti quattro, deluso. Vorrebbe, il sindaco, il rifinanziamento di una legge regionale varata nel 1976, che Agrigento perse perch l'amministrazione democristiana non present in tempo i progetti, mandando in fumo venticinque miliardi di allora. E Zambuto chiede anche una legge speciale per Agrigento. Di leggi speciali in Italia ne sono state fatte solo due in cinquant'anni, per Venezia e per lo sfollamento dei Sassi di Matera, gli hanno risposto a Roma. Il prossimo 4 maggio torner nel centro storico il ministro della Giustizia, l'agrigentino Angelino Alfano, e sar accompagnato dal ministro Stefania Prestigiacomo. Un altro tour nel centro storico, comincia gi a dire la gente. Non abbiamo bisogno dell'ennesima inutile passerella di ministri e sottosegretari, tuona il segretario del circolo locale del Pd, Epifanio Bellini. necessario che venga nominata immediatamente una commissione tecnica straordinaria sul centro storico formata da componenti dell'ufficio tecnico comunale e dai tecnici della protezione civile, Provinciale e Regionale, una commissione che monitori quotidianamente i palazzi ritenuti cadenti e pericolosi e che si occupi della messa in sicurezza dei quartieri pi a rischio, dice il dirigente del Pd. Ormai non c' giorno durante il quale qualcuno che abita in qualche vicolo del centro storico non telefoni ai vigili urbani o ai vigili del fuoco perch si aperta una piccola crepa nel muro di casa o semplicemente si sentito uno scricchiolio. I primi a prendere sul serio queste segnalazioni sono i tecnici della protezione civile regionale che hanno presentato e si accingono a realizzare una via di fuga dal centro storico. E fuggire di propria volont o perch costretti da un'ordinanza di sgombero sorte che accomuna sempre pi numerosi i residenti di questa parte della citt. Lo scorso anno si concluso con il crollo di una palazzina e la fuga precipitosa di decine di extracomunitari che stipavano le case adiacenti. Ma solo dopo il recente crollo del Palazzo Lojacono la Procura ha aperto un'inchiesta, anche su sollecitazione di una decina di famiglie che hanno dovuto abbandonare le due palazzine investite in pieno dalle macerie. Attraverso il loro legale hanno fatto sapere che accusano il Comune di gravissime responsabilit. Ma la gente ha la memoria lunga anche ad Agrigento: per la frana del 1966 nessuno pag. Vennero tutti assolti. Gli unici a pagare furono quei tremila senza tetto che vennero trasferiti nel quartiere ghetto di Villaseta, in palazzine divenute ormai fatiscenti, privi di servizi e piene di giovani disoccupati. La frana di Agrigento continua, insieme alle impunit.



news

28-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 28 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news