LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I cloni dei bronzi non piacciono ai cittadini di Reggio
Filippo Todaro
Avanti 24/02/2003

Come se non ci fosse altro cui pensare, in Calabria, ormai da qualche settimana, sta divampando la discussione se sia opportuno o no "donare" i Bronzi di Riace. Se sia utile cio farne una copia perfettamente uguale agli originali e spedirla "m missione" per il mondo. La richiesta in tal senso, in venta, vecchia di qualche anno. Furono addirittura il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e la regina del Belgio, Paola Ruffo di Calabria, ad avanzarla a suo tempo ma ancora, nonostante fosse caldeggiata anche dal precedente presidente della Regione Calabria, non se ne fatto nulla.
Ora l'argomento tornato prepotentemente alla ribalta. Dalla Grecia nchiedono le copie dei due "eroi" (almeno quelle, visto che gli originali sono inamovibili) per mostrarle alle prossime Olimpiadi. Giuseppe Chiaravalloti, l'odierno presidente della giunta regionale, sarebbe d'accordo. Non sono d'accordo soprattutto i Reggini, gelosi di "possedere" nel Museo Nazionale della loro citt cotanto splendore. Affermano che la riproduzione delle due statue bronzee e la possibilit che siano ammirate nel mondo, sia pure in versione non originale, possano sminuire in qualche modo il valore, davvero inestimabile, dei due mistenosi reperti. Sono soprattutto convinti che gli originali, attualmente ospiti su un piedistallo antisismico in una sala speciale del Museo Nazionale, opportunamente attrezzata di temperatura e intensit di luce costanti, non attrarrebbero pi come prima gli eventuali turisti desiderosi di ammirarli per restare affascinati dalla loro enigmatica perfezione. Nella vicenda si sono pure inseriti, diremmo anche opportunamente, i sindaci della Locride. E' da questo territorio infatti che provengono i Bronzi, scoperti e "pescati" nel 1972 dal sub romano Mariottini, a poca distanza dalla battigia antistante l'abitato di Riace. "Se copia sar fatta -dicono in sostanza i sindaci del comprensorio Locrideo (e non nascondono il desideno che venga fatta) – che “ sia ospitata nella nostra zona". Insomma, che i due guerrieri, anche se solo in copia, ritornino l dove sono stati pescati trentuno anni fa. E la richiesta del sindaco di Riace, Cosimo Comito, di Giorgio Imperitura, presidente del comitato dei sindaci della Locride, e Sisinio Zito, presidente della assemblea degli stessi sindaci, appare legittima, oltre che intelligente nella motivazione che l'accompagna: "La Locride la parte della provincia di Reggio che vanta il pi importante patrimonio storico - culturale E1 la zona turistica per eccellenza della provincia. La possibilit di mostrare una copia dei Bronzi ai turisti che visitano la Riviera dei Gelsomini (cos pure chiamata la Locride; ndr.) aiuterebbe a valorizzare ulteriormente una offerta turistica gi di per se stessa significativa...".
Quotidianamente la polemica sulla convenienza di riprodurre le due statue bronzee si arricchisce di nuovi elementi e si fa sempre pi ampia e articolata l'antologia dei pareri e delle opportunit che l'operazione favorirebbe, o impedirebbe. C' addirittura chi, perdendo di vista che le due statue non possono costituire patrimonio esclusivo di una sola comunit ma appartengono al mondo intero, anche se qualcuno poi dovr pure custodirle, propone un referendum tra i cittadini di Reggio Calabria per decidere se donarle o no.
Nel frattempo comunque si tende a perdere di vista la realt, ci si arrocca su posizioni sterili e senza sbocchi, molto spesso dettate solo da campanilismo e falso senso dell'arte e del bello, e non si fanno le considerazioni giuste. Da oltre venti anni, dal 1982 in poi, cio dall'anno della collocazione dei Bronzi nel Museo Nazionale di Reggio Calabria, s' fatto nulla, o ben pochissima cosa per sfruttare al meglio, soprattutto per fini turistici e di immagine, la loro indiscussa potenzialit. L'attenzione per i Bronzi di Riace stata notevole qualche anno fa, quando sembr imminente la loro clonazione. Persmo l'On. Vittorio Sgarbi si offr allora a clonarli. E' tornata ad essere ai massimi livelli nei giorni scorsi, quando di nuovo si affacciata alla ribalta la possibilit della loro perfetta riproduzione. Nel frattempo nulla.
E l'attenzione, badateci, qualche anno fa come adesso, non nvolta ad organizzare e produrre finalmente eventi e circostanze che implichino e usino la loro presenza e favoriscano in loro nome l'immagine e la promozione culturale e turistica della Calabria. No. Ancora una volta il dibattito si snoda per altre vie. Si teme piuttosto che la circolazione per il mondo della riproduzione dei Bronzi possa in qualche modo sminuire il prestigio delle due statue originali e scoraggiare notevolmente eventuali viaggi in riva allo Stretto (allo stato, per la verit, assai improbabili) che attualmente costituiscono l'unica possibilit per ammirarle. E si perde di vista che i Bronzi di Riace, non certo per colpa loro, non "tirano" pi, se mai hanno tirato come avrebbero dovuto e potuto, da quando sono a Reggio. Vengono a vederli comitive sempre pi sparute e distratte di frettolosi e svagati visitatori, qualche patito dell'arte e delle sue pi pregevoli manifestazioni e tante scolaresche, disordinate e vocianti che non vedono l'ora di guadagnare l'uscita dal Museo, comprare un souvenir coreano, il gelato da Cesare, e fare ritorno a casa Pi di loro, attualmente, possono le imprese calcistiche e gli occhi a mandorla di Nakamura.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news