LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quel patrimonio unico
Ledo Prato
ARENA - GIORNALE DI VICENZA 6 NOV 2004

Per rilanciare il Sistema Italia si pu investire sui beni culturali.
Occorre consapevolezza in chi governa la cosa pubblica.

Rilanciare il Sistema Italia. E' questo il tema che sta appassionando la politica e soprattutto la Confindustna, attraverso il suo Presidente Luca Cordero di Montezemolo. La ragione presto detta. Da almeno tre anni il tasso di crescita del nostro Paese quasi irrilevante e la congiuntura internazionale non lascia intravedere, almeno nel breve periodo, una svolta significativa. E cosi si alternano cori di consenso all'invito di Montezemolo ad aspre dispute circa le strade da percorrere per rilanciare il Sistema Italia.
Alcune piste sembrano raccogliere un consenso generalizzato. In particolare i pi convengono che bisogna investire di pi in ricerca, formazione, innovazione. I paesi che hanno gi fatto ricorso a massicci investimenti in questi settori hanno avuto risultati significativi. Hanno migliorato la loro capacit competitiva sul mercato internazionale. Ma nel caso dell'Italia c' qualcosa di pi che possiamo mettere in gioco. Qualcosa che fa del nostro paese un unicum senza confronto. Si tratta del nostro straordinario patrimonio culturale. Un grande giacimento a cui si pu attingere per alimentare la competitivita internazionale. Vediamo perch.
Innanzitutto unanimente riconosciuto che alcuni dei settori in cui il paese primeggia (penso per tutti alla moda, all'abbigliamento, alle calzature, al design) si sono sviluppati grazie al contesto in cui hanno operato e continuano ad operare. Il genius loci ha generato prodotti che tutto il mondo ci invidia. Il patrimonio culturale quindi una delle fonti principali della creativit per molti settori dell'economia. Ma c' dell'altro. Se ci sono prodotti che ormai possono essere fabbricati in qualunque parte del mondo, i nostri beni culturali sono un elemento costitutivo dell'Italia e non sono replicabili in nessun altro luogo. Rappresentano quindi un asset per certi
versi esclusivo dell'Italia. Ed molto importante che larghi settori dell'economia comincino finalmente a prendere coscienza di questo dato per lungo tempo sottovalutato.
Ma c' altrettanta consapevolezza in chi ha responsabilit di governo della cosa pubplica? La risposta non semplice. Oggi disponiamo di un nuovo Codice dei peni culturali che, ancor che perfettibile, da una parte apre ad una nuova prospettiva il rapporto fra pubblico e privato e dall'altra affida al territorio il compito di definire politiche di valorizzazione e fruizione del patrimonio. Abbandonando il modello di uno stato centralista che ha generato disfunzioni e alimentato conflitti con gli altri pubblici poteri oltre che con il privato ed il privato sociale. Allo stesso tempo pero il "decreto tagliaspese" sottrae risorse importanti al ministero per i beni e le attivit culturali ma anche alle citt che tanto hanno fatto, in questi anni, per valorizzare il proprio patrimonio culturale. Tutto questo mentre le Universit, anche se non sempre con sufficiente rigore, continuano a prepare migliala di giovani laureati a professioni nuove, proprio nella valorizzazione e gestione dei beni culturali. Il paesaggio, l'ambiente che rappresenta un altro elemento fondante dell'unicit dell'Italia, esposto continuamente alla speculazione, con la benevole comprensione dei pubblici poteri.
Il turismo, altro settore in cui il paese potrebbe primeggiare, non ha un centro di coordinamento e promozione all'altezza delle sfide internazionali. Mesi di discussione senza arrivare ancora ad una seria riforma dell'Enit, senza pervenire ad un coordinamento non solo fra stato e regioni, ma anche tra i diversi ministeri che possono concorrere ad un rilancio sempre pi improrogabile.
msomma un quadro fatto di chiaroscuri che lascia molte domande senza risposte.



news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news