Appello del 2002 al Presidente della Repubblica
LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Noto ritorna splendida
Vittorio Sgarbi
Panorama 17/2/2011

Domenica 13 febbraio il vescovo di Noto Antonio Staglian, dotto teologo e poeta, con il sindaco di Noto, Corrado Valvo, e il prefetto di Siracusa, Carmela Floreno, commissario per la ricostruzione su delega della Protezione civile, inaugurano la cattedrale di Noto restituita nell'architettura e negli apparati decorativi. Una commissione costituita da Luciano Marchetti, Mariella Muti, Fabio Carapezza Guttuso, Francesco Buranelli e me, per conto della presidenza del Consiglio dei ministri, ha ordinato e seguito la vasta decorazione pittorica, le sculture dell'altare maggiore, della sedia episcopale, del pulpito, le vetrate e i bozzetti per la Via Crucis, ancora in corso d'opera, e per le sculture delle nicchie. Un'impresa vasta e impegnativa che inizi quando il bravo architetto restauratore Salvatore Tringali, che aveva ricostruito nelle linee originali l'edificio, mi chiese una consulenza per la pavimentazione e gli arredi mostrandomi alcuni esempi di design contemporaneo. Rabbrividii e pensai al paradosso del contrasto fra tanta fedelt nel risarcimento architettonico e l'assoluto capriccio nella decorazione interna. Nacque cos l'idea di mantenere lo stesso rigore per tutta l'impresa, in una coerente e ambiziosa visione dell'arte sacra. Sembr, forse, un'idea utopistica o retrograda. Quando la commissione fu istituita, il Vaticano indic come suo esperto monsignor Carlo Chenis, responsabile dell'ufficio per l'arte sacra e, dopo qualche tempo, vescovo di Civitavecchia un uomo sensibile e acuto, pronto alla sfida e convinto degli stessi principi che io avevo richiamato per scongiurare il rischio di un arredo moderno e convenzionale. Con lui individuammo forse l'unico pittore in grado di portare a termine gli affreschi dei pennacchi e della cupola secondo l'iconografia concordata e in uno stile neopurista tale da apparire senza tempo. L'artista adatto sarebbe potuto essere Ottavio Mazzonis, che io segnalai ricordandone il culto per il Tiepolo, vago riferimento per il soffitto crollato. Non fu senza stupore che, andando a cercarlo a Torino, appresi da lui che era stato allievo di Nicola Arduino, autore dell'affresco crollato a Noto e per il quale aveva collaborato con il maestro. Troppo vecchio, ahim, per applicarsi alla volta della navata centrale Cos ripiegammo sulla richiesta di due pale per il transetto. Compiuti i bozzetti, Mazzonis mor: avvenne qualche mese fa. Sar comunque con grande stupore che si vedr ora l'opera del giovane Oleg Supereco, artista russo, carissimo a Chenis, che da anni vive a Zerman vicino a Treviso e alacremente studia la grande pittura italiana e le tecniche tradizionali. I quattro Evangelisti, l'Assunta egli Apostoli sono i soggetti che ha affrontato nell'area del presbiterio con uno sforzo anacronistico ed esemplare, con pulizia e misura, e un impeccabile mestiere Non meno impegnativa l'opera portata a compimento da Giuseppe Ducrot, lo scultore cui sono stati affidati l'altare, il pulpito e la sedia episcopale, in un delirio onirico, e con una spaventosa quanto tradizionale sapienza tecnica che riproduce lo spirito del Barocco romano. Gian Lorenzo Bernini il suo idolo e il suo modello: l'imponente e maestoso volume dei tre elementi esalta le linee sobrie del Barocco netino intensificandone l'effetto. Ducrot si era gi misurato a Roma, nella prospettiva esterna di Palazzo Spada e nella riproduzione delle cornucopie trafugate da Napoleone a Villa Borghese, in collaborazione con Vito Cipolla. La celebrazione del 13 febbraio la consacrazione liturgica della cattedrale ricostruita, nella luce filtrata dalle vetrate, disegnate e realizzate da Francesco Mori, un altro giovane virtuoso che si era in passato distinto per avere duplicato le vetrate di Duccio di Buoninsegna per la cattedrale di Siena. Un artista sobrio e sensibile che ha offerto una rappresentazione iconografica quasi nello spirito di un Duilio Cambellotti rinato. La sensazione che verr da questo insieme di pittura e scultura e vetri colorati non sar dunque quella di un'elaborazione del nostro tempo, in occasione del 150 dell'unit d'Italia, ma sar anzi l'impressione che nulla da quel tempo sia mutato e che si sia entrati in uno spazio che lo stesso del 1861, e anche prima, senza cedere alla tentazione di lasciare una testimonianza dichiaratamente contemporanea. Intanto il cantiere non chiuso; e altri artisti si applicano alla Via Crucis, concepita da Roberto Ferri, e alle sculture delle nicchie per cui hanno presentato i bozzetti in terracotta Giuseppe Bergomi, Livio Scarpella, Giuseppe Inzerillo, Ernesto Ornati, Filippo Dobrilla e ancora Ducrot e Vito Cipolla. I bozzetti sono riusciti e anche sorprendenti. Cos, una volta compiuti, si arriver alla seconda solenne inaugurazione, il 6 giugno 2011, quando la cattedrale di Noto si mostrer come il padiglione di arte sana della Biennale di Venezia, vagheggiato da monsignor Gianfranco Ravasi. Non una proposta o un progetto, ma un'opera compiuta, a dimostrazione che possibile anche oggi legare devozione e tradizione in una ricerca artistica che non voglia segnare una rottura ma una continuit con il passato. Di questo esito dovremmo compiacerci ammirando l'umilt degli artisti nel giorno della rinascita di una grande cattedrale.



news

12-02-2016
RASSEGNA STAMPA: aggiornata al giorno 12/02/2016

11-02-2016
Intervento di Daniele Manacorda sulla Riforma Mibact

09-02-2016
Giuliano Volpe: Ancora sulla seconda fase della riforma Franceschini

08-02-2016
GR3. Intervista radiofonica a Settis su soprintendenze, riforma Franceschini e silenzio-assenso

05-02-2016
Sessioni annuali degli esami finali abilitanti per il Restauro dei beni culturali.

04-02-2016
Comunicato CUNSTA sulla cosiddetta "riforma" ministeriale

03-02-2016
'Deforma' Franceschini: il bavaglio al dissenso, di Tomaso Montanari

03-02-2016
Presentazioni del libro Patrimonio al futuro di Giuliano Volpe

02-02-2016
Associazione Bianchi Bandinelli: Una riforma tira laltra e si smantella la tutela

01-02-2016
Documento delle Consulte di Preistoria e Protostoria, Archeologie Postclassiche ,Topografia antica e Archeologia del mondo classico sulla riforma Mibact

29-01-2016
Studiosi di tutto il mondo allarmati per la tutela archeologica a Roma

27-01-2016
Piano nazionale dell' educazione al patrimonio culturale 2015-2016

27-01-2016
2016-2018: PIANO PER L'ARTE CONTEMPORANEA

27-01-2016
Question Time. Necessaria un'adeguata vigilanza nei musei italiani, risponde Franceschini

26-01-2016
Comunicato da Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e larea archeologica di Roma

26-01-2016
Riforma Mibact. Lettera a Franceschini del Comitato Tecnico Scientifico per l'Archeologia

25-01-2016
Lettera dei Dirigenti Archeologi al Ministro Franceschini sulla riforma Mibact

25-01-2016
Sulle dimissioni di Montanari dal CN di Italia Nostra

24-01-2016
Comunicato e petizione dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego) sulla decima riforma

24-01-2016
SCHEMA di decreto ministeriale di riorganizzazione del MIBACT

24-01-2016
Si avvicina la fine dell'archeologia preventiva? Allarme di Pier Giovanni Guzzo

24-01-2016
Vi segnaliamo: Archeologia e territorio: l'ultima spallata, di Maria Pia Guermandi

24-01-2016
Domani assemblea pubblica a Roma: Una nuova riorganizzazione del MIBACT: A chi serve

23-01-2016
VIDEO - Audizione del Ministro Dario Franceschini

22-01-2016
Intervento di Vittorio Emiliani sulla decima riforma del Mibact

22-01-2016
Comunicato Stampa di Assotecnici sulla riforma del MIBACT

21-01-2016
Giuliano Volpe: Riflessioni sulla riforma Mibact

13-01-2016
I parchi italiani assediati dal cemento

05-01-2016
Pier Giovanni Guzzo: Perch sono stati tagliati i contributi ministeriali ai Fasti online?

28-12-2015
Circo Massimo ed Olimpiadi? Intervento di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news