LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stangata su cemento e assunzioni
Carmelo Papa
la Repubblica ED. PALERMO 30 OTT 2004

ANNUNCIATA, invocata, sollecitata, temuta. La stangata del commissario dello Stato arriva puntuale, perfino un giorno prima del previsto, e scende come una scure su quelle che, opposizioni e opinione pubblica nazionale, avevano additato come le norme scandalo della manovra di bilancio da 600 milioni che il governo Cuffaro riuscito a condurre in porto dopo oltre tre mesi di battaglia d'aula. E allora ecco il colpo di spugna sulla deroga al piano paesistico delle Eolie che avrebbe consentitola costruzione di otto alberghi sul mare e quello sulla possibilit di trasformare capannoni e magazzini su verde in alberghi, ville e ristoranti. L'organo di controllo accende il disco rosso anche sull'assunzione di 800 medici nelle Asl e su tutte le norme fotografia con le quali la Casa delle libert ha inteso distribuire, con una vera e propria legge-omnibus. duro giudizio nel ricorso: "Si incoraggia l'evasione fiscale si creano privilegi e si nuoce al patrimonio ambientale",
favori e agevolazioni a clienti e amici. Resta in piedi invece l'articolo che comporta la ripartenza dei termini per la richiesta di referendum sulla legge elettorale, quella che introduce lo sbarramento del 5 per cento. I termini torneranno a decorrere dalla pubblicazione in Gazzetta della manovra che conteneva questa norma, con la quale peraltro stata soppressa la parte della riforma elettorale che
contiene l'estensione dello sbarramento del 5 per cento a Comuni e Province.
Per il resto una stroncatura ancora pi pesante rispetto a quelle pure drastiche che l'hanno preceduta: Gianfranco Romagnoli ravvisa illegittimit costituzionali in ben 15 norme delle 68 che compongono la manovra. Ma a colpire soprattutto il giudizio sulla capacit e le attitudini dellegislatore siciliano che traspare dalle 15 pagine dell'impugnativa. Laddove la maggioranza che ha dato vita agli articoli finiti nel mirino viene considerata in grado di incoraggiare il dilagare dell' evasione fiscale o intenta a creare privilegi, di realizzare una indebita interferenza in materia penale e di irreparabile nocumento al patrimonio ambientale o, sotto il profilo formale, di dare vita a norme dall'oscuro tenore letterale. Come dire, leggi di dubbia utilit collettiva ma anche scritte male. Insomma, una scoppola. Tanto dolorosa da far saltare i nervi al governo spintosi fino a proporre la soppressione dello stesso organo di controllo. Ma ecco punto per punto le bacchettate dell'inquilino di Piazza Principe di Camporeale.
Eolie e verde agricolo. Incostituzionale l'ormai famigerato articolo 25 con cui si consentiva la realizzazione di otto progetti per altrettanti alberghi inseriti nel Patto territoriale delle Eolie, in deroga al piano paesistico e ai vincoli urbanistici. Rientra trale disposizioni della manovra che violano il principio costituzionale che tutela il territorio, creando un irreparabile nocumento all'ambiente. E a poco valsa, scrive il commissario, la previsione di una conferenza diservizi chiamata a esprimersi sui progetti, perch consente la deroga allo strumento urbanistico vigente, privando il Consiglio comunale del potere di esprimersisulla variante al Prg. Per analoghi motivi il commissario impugna la discussa norma con la quale l'Ars permette di modificare la destinazione d'uso dei fabbricati realizzati nel verde agricolo. Quella, sottolinea Romagnoli a dispetto della difesa d'ufficio del governo Cuffaro, una sorta di condono: Consente di sanare, senza alcun onere, costruzioni edificate in difformit alla normativa urbanistica, evitando di incorrere nelle previste sanzioni penali. Dunque, una indebita interferenza nella materia penale, con l'aggravante di mettere a rischio il principio di una ordinata pianificazione e gestione del territorio. Per gli stessi motivi non passa le maglie del controllo anche l'articolo che permette agli opifici su verde agricolo finanziati con i fondi di Agenda 2000 d derogare all'obbligo di rispettare le distanze minime dagli insediamenti abitativi. Un privilegio
che, secondo il commissario, realizza una palese disparit di trattamento. Bocciato anche l'articolo 33 che consente la fornitura di energia elettricae il collegamento telefonico anche per via aerea con palificazione, nei tenitori soggetti a vincolo paesaggistico e quello che allentavai vincoli per i piani regolatori dei porti.
Stop ad assunzioni e benefici. Era
la norma che vantava forse la pi vasta platea di destinatari. Forza Italia, con un emendamento, ha provato a sbloccare l'assunzione presso le Asl siciliane di 800 medici di medicina dei servizi vincitori di un concorso di due anni fama rimasti al palo del rapporto a tempo determinato. Una norma che ridetermina in aumento gli organici delle Asl e scrive il
commissario ponendo l'onere non quantificato a carico del Fondo sanitario nazionale, risultato insufficiente negli ultimi anni .Non hanno sorte migliore i precari della clinica privata "Villa Stagno " che un altro articolo avrebbe voluto assorbire nei ruoli dell'Asl 6 di Palermo, ma anche i precari cosiddetti autobottisti per i quali veniva istituita una corsia preferenziale. Incomprensibile, secondo il commissario, il ricorso al personale del corpo forestale dello Stato in servizio in Sicilia, che manterrebbe per altro lo stesso trattamento economico pi favorevole. lAveva tutto il sapore di leggina ad hoc la disposizione con cui si attribuiva l'indennit di funzione anche ai vice presidenti dei consiglio comunali e provinciali che non svolgono le funzioni vicarie. Tra i beneficiati, il vice presidente forzista del Comune di Palermo, Francesco Mineo. Altre impugnative. incostituzionale anche lanorma con cui viene esclusa la decadenza di concessioni e autorizzazioni agli esercizi commerciali in caso di mancato pagamento dei tributi dovuti. Un abbattimento della sanzione che cancella l'introito e incoraggia il dilagare dell'evasione fiscale. Piccole e medie imprese non saranno escluse dalla disciplina del commercio, come avrebbe voluto un'altra disposizione della manovra ( una indiscriminata liberalizzazione). Il commissario cancella anche la possibilit per i revisori dei conti degli enti locali di essere eletti pi volte senza limiti.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news