LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La metamorfosi della bellezza. Intervista al ministro dei Beni Culturali, Giuliano Urbani
Elviro Di Meo
L'opinione della Libert, 28 ottobre 2004

Citt: luoghi dove vivere e crescere, ma anche contenitori da rendere vivibili, in particolare le periferie. Alveari umani a cui ridare identit e dignit. Dimenticati gli errori dell'edilizia degli anni Sessanta, dettata dal fabbisogno, dove si badato alla quantit pi che alla qualit architettonica, ora si punta a spingere l'acceleratore affinch il parlamento legiferi una normativa in merito al rispetto della bellezza di ogni singolo manufatto architettonico. Le premesse ci sono tutte.
La pensa cos Giuliano Urbani, ministro dei Beni Culturali. L'occasione per riflettere ed approfondire il discorso la nona mostra internazionale di architettura, organizzata negli spazi espositivi della Biennale di Venezia, incentrata sul tema della metamorfosi, curata da Kurt W. Forster, che commenta a proposito: "...se rovina e novit continuano a contestarsi il potere a Berlino, il tema di distruzione e costruzione, di ambizione e sconfitta, prelude ad altre inflessioni del grande tema della metamorfosi". Peter Eisenman ci invita a seguire un percorso da Palladio a Terragni e alle proprie opere in una maniera che richiama quella di Piranesi; e Massimo Scolari ci spiega la minacciosa presenza del fulmine sul tetto del Padiglione Italia come segno di distruzione della Torre di Babele. Pezzi di enigmatica natura - arcaica costruzione di legno con un nucleo in acciaio - incuriosiscono per l'irrequieta bellezza del disastro. Come l'evoluzione della natura, anche quella della recente architettura segnata da perdite e desolazione. Ovunque nasce qualcosa di veramente nuovo, si spegne qualcos'altro. La metamorfosi ha il suo prezzo.
Ministro, il cambiamento insito nell'architettura stessa del nostro tempo; da ogni mutamento possono nascere nuove realt abitative, in cui si riscopre una propria bellezza. O, almeno, quello che si spera. Lei ha dichiarato, pi volte, che le periferie italiane sono brutte: mancano di stile e di qualit. Perch? Da che cosa dipesa questa mancanza?
Abbiamo costruito per decenni senza alcuna cura n degli edifici e n soprattutto delle soluzioni urbanistiche. E'un paradosso perch pur avendo un grande passato di cura, di grandissima qualit e capacit artistica poi, invece, nella fase della ricostruzione del Paese abbiamo proceduto con molta approssimazione. Oggi sentiamo il bisogno e la necessit di riqualificare intere aree urbane per questo che, come primo obiettivo, il Governo della repubblica ha posto mano ad una legge apposita che ci pone all'avanguardia in Europa nella incentivazione e promozione della qualit architettonica, proprio perch un dovere recuperare il tempo perduto.
Quali sono i tempi?
-"Dobbiamo cercare di fare in fretta. Le condizioni ci sono. Innanzitutto abbiamo un'altissima qualit di architetti italiani che sono di assoluto livello mondiale: penso a Bellini, Aulenti, Piano, Fuksas; poi c' da dire che anche i cittadini ormai sono molto sensibili a questa qualit e ci chiedono di dedicare attenzione soprattutto nelle nuove costruzioni, insieme ad un programma di riqualificazione dei vecchi centri urbani.
Onorevole, l'Italia pur avendo una tradizione consolidata come se avesse fatto un passo indietro, facendo sorgere interi palazzoni della peggior specie. Come se lo spiega?
Ma le ragioni sono tante. Non dimentichiamo che il nostro un Paese che esce dalla sconfitta di una guerra e che ha sentito il bisogno di ritrovare le vie di uno sviluppo economico e del benessere badando pi alla quantit che alla qualit.
A cosa si riferisce?
Mi riferisco all'edilizia degli anni cinquanta e sessanta che stata un'edilizia di massa in tutti i sensi. Ora pi che piangere sul latte versato dobbiamo concentrare i nostri sforzi e le nostre attenzioni sul futuro. Ripeto, ci sono tutte le condizioni per farlo. Mi auguro che la legge sulla qualit architettonica venga approvata al pi presto dal parlamento.
Signor ministro, restiamo in tema. Come ha trovato la nona mostra internazionale di architettura alla Biennale di Venezia?
Sono rimasto molto colpito dalla mostra di quest'anno; in particolare mi affascina la chiave di lettura che il professor Forster con i suoi collaboratori ha voluto proporre. L'ho trovata estremamente illuminante sulle metamorfosi e sui cambiamenti dell'architettura; cambiamenti dovuti anche grazie alle tecnologie che mutano in continuazione. Sono cambiamenti fortemente favoriti anche dall'uso di materiali che in passato era impossibile o era difficile solamente immaginare.
Pochi oggi non condividerebbero il senso di vivere in tempi di grandi cambiamenti, di profondi mutamenti in quasi tutte le discipline. Nel campo dell'architettura hanno assunto uno spessore e
una profondit da suggerire l'avvento di una nuova epoca. I segni di questi nuovi tempi si trovano
sparsi dappertutto e abbiamo voluto raccoglierli per farne un panorama mondiale sotto il concetto, appunto, delle metamorfosi.
Onorevole Urbani, le ho citato quanto ha dichiarato Forster durante la conferenza stampa. Che cosa intende lei per metamorfosi?
Una radicata trasformazione culturale nel senso pi profondo e antropologico del termine. Una metamorfosi motivata dalla necessit di rispondere ai bisogni, a sfide e a traguardi sempre pi vicini. Da quando nato l'uomo sempre stato cos: l'architettura penso che sia forse l'arte pi propensa a cercare in continuazione le risposte alle esigenze della civilt. L'arte nel nostro secolo affronta queste esigenze. Ne vengono fuori mutamenti con nuove visioni del mondo che ci circonda. Forster ha evidenziato come la disciplina architettonica, la scienza, la tecnica non hanno paura di misurarsi con le novit. In questo senso la mostra ci offre uno spaccato con le sue ricerche che ha veramente qualcosa di magico e di affascinante. L'esposizione di Venezia presenta i lavori di pi di centosettanta studi di architettura, oltre duecento progetti, pi di centocinquanta fotografie, modelli, video, filmati e affronta i fondamentali cambiamenti in atto nell'architettura contemporanea, sia nel campo della teoria e della pratica progettuale, sia nell'uso delle nuove tecnologie costruttive, "L'architettura contemporanea - commenta Forster - ha ampliato in modo consistente i propri recinti disciplinari per vivere mutamenti odierni: i nuovi materiali accolgono e sottolineano gli effetti atmosferici, la percezione dell'architettura si apre ad una concezione dinamica del tempo e la vita pubblica negli edifici assume caratteri pi centrati sull'evoluzione dell'ambiente". Molte architetture stanno cambiando natura e assumono forme curvilinee, grazie alla ricerca di materiali che possiedono qualit variabili e reattive, avvicinando le funzioni dei loro involucri a quelle di membrane viventi nel tentativo di conferire qualit organiche alle costruzioni, non pi in termini metaforici, ma. metabolici. Questa nuova morfologia degli spazi de] vivere sta definitivamente superando l'era della architettura vitruviana, aprendo nuovi scenari alla ricerca e alla costruzione degli spazi della contemporaneit, trasformando il carattere statico degli edifici in una dinamica sorprendente.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news