LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Per la fiera di S. Agata va bene il piazzale Sanzio
LA SICILIA Domenica 09 Gennaio 2011





Per la fiera di S. Agata va bene
il piazzale Sanzio
In risposta alla lettera apparsa nella rubrica "Lo dico a La Sicilia" l'8 gennaio, dal titolo "Perch la fiera trasloca visto il successo?" si precisa che la Fiera di Sant'Agata e quella dei Morti sono due mercati distinti che si svolgono in due sedi diverse. Il signor Marletta ha evidentemente confuso i due eventi. L'ultima fiera dei Morti si svolta, con successo di pubblico, nel parcheggio vicino all'aeroporto catanese, vista la l'indisponibilit della grande area di via Santa Sofia che l'aveva ospitata nei due anni precedenti. La fiera di Sant'Agata, con un numero di box notevolmente inferiore, si svolge invece, ormai da tre anni, consecutivamente a piazzale Sanzio, quest'anno dal 1 al 6 febbraio, senza problemi particolari di traffico veicolare e con l'apprezzamento del pubblico. Pertanto, evidente la confusione in cui forse incorso involontariamente il lettore. Quanto al parcheggio di via Santa Sofia, di propriet dell'Universit di Catania e che aveva ospitato negli anni scorsi la fiera dei Morti e non quella di Sant'Agata, larga parte della superficie ancora occupata dalle strutture che sorreggono i pannelli dell'impianto solare, opere ben pi che evidenti, tanto che il lettore nel sopralluogo, che asserisce d'avere effettuato, avr sbagliato sito.
Ufficio Stampa Comune di Catania
A chi giova il parcheggio
Bellini di via Teocrito?
A chi giova che il parcheggio Bellini di via Teocrito in Catania? Appare un'oasi difficile da raggiungere tra la selva di bancarelle e luogo di sequestro e limitazione della libert personale per l'enorme difficolt in fase di deflusso.
Rino Privitera
Via Rosano poco servita
dai bus dell'Amt
Con la presente istanza si chiede alle autorit competenti di esaminare la possibilit che l'autobus 635 con partenza da piazza Palestro, transito su via Palermo e arriva a Monte Po e viceversa, possa deviare entrando su via Rosano arrivi alla rotonda dello Stradale S. Giorgio e ritorni nuovamente su via Rosano percorrendo anche in senso inverso reimmettendosi su via Palermo per arrivare in piazza Palestro o Monte Po. Il tratto di via Rosano attualmente completamente sprovvisto di qualunque servizio pubblico dell'Amt tranne in un piccolo tratto lato S. Giorgio gi servito da un'altra linea che percorre lo Stradale S. Giorgio, entra e gira nella rotonda a ridosso di via dell'Agave. Nel tratto stradale di via Rosano si trovano due grossi complessi "La Magnolia" e le cooperative di via dell'Eucalipto, dove vivono centinaia di famiglie di cui parecchie anziane che potrebbero utilizzare il mezzo pubblico lasciando a casa il mezzo privato. Nella parte alta di via Palermo si trova anche il grande Ospedale Garibaldi, dove giornalmente affluiscono migliaia di utenti che abitano nella zona di S. Giorgio, che potrebbero utilizzare comodamente il mezzo pubblico. L'autobus 635 che transita su via Palermo, attualmente quasi sempre vuoto, con la deviazione servirebbe la grossa zona urbanizzata di via dell'Agave e parte di S. Giorgio basso, il tempo di percorrenza per effettuare la deviazione di via Rosano non supererebbe 10 minuti dall'ingresso di via Palermo all'arrivo alla rotonda dello stradale S. Giorgio e tornare indietro, questo beneficio per la collettivit locale trasformerebbe una linea di trasporto urbano, sicuramente in passivo, in una linea fortemente attiva.
Mauro Pulvirenti
Qui a S. Gregorio ci vogliono
"imporre" la differenziata
La presente per portare a conoscenza del fatto che dalla Mosema-Simeto Ambiente Ato Catania 3 - e quindi dal sindaco Remo Palermo, qui alle Ville del Poggio a S. Gregorio, ci si vuole imporre la raccolta differenziata "porta a porta" costringendo ciascun numero civico a farsi carico di 4 bidoni con ruote da mettere fuori porta in determinati giorni della settimana. Pur essendo la raccolta differenziata un'ottima soluzione per lo smaltimento intelligente dei rifiuti, chiaro che non ci possono obbligare a mettere dentro casa questi enormi bidoni e costringerci nei vari giorni a portarli fuori. La soluzione intelligente sarebbe stata quella di mettere le campane per la raccolta differenzia in determinati luoghi appositi, cos come stato fatto in via Leonardo da Vinci (sempre Comune di S. Gregorio).
Mi viene da pensare che essendo detto comprensorio anch'esso a ville ma abitate da magistrati ed avvocati ben noti il sig. Sindaco non si sognato minimamente di imporre i bidoni a ciascun numero civico come invece ha fatto con noi delle Ville del Poggio. Quindi mi corre l'obbligo di chiedere "cui prodest?". Ovviamente a chi ha ritenuto oltremodo remunerativo ordinare quantit enormi di codesti bidoni che hanno sicuramente un costo non da poco.
Ritenendo doveroso portare a conoscenza della cittadinanza questo ulteriore esborso inutile ed anche questo modo assurdo di raccolta porta a porta, mi rifiuto di portare dentro casa questi bidoni (cos come tanti altri condomini delle Ville del Poggio hanno fatto), dissociandomi da una idea maldestra e non realizzabile, se non per le tasche di chi ha pensato bene di ordinare questo numero inverecondo di bidoni.
Silvana Celestina Guerra
Non diamo per scontata
l'unanimit di voglia di unit
Napolitano fa il suo lavoro e giustamente esorta all'unione, al rispetto del tricolore e a tutta una serie di patriottismi che non incontrano l'unanimit dei consensi. Se l'unit d'Italia sia stata un successo o un fallimento con le sue due guerre mondiali, le guerre coloniali, il terzo debito pubblico al mondo non spetta a me giudicarlo, sta di fatto che sono in tanti a dire che se ognuno se ne fosse stato per conto suo tutti sarebbero stati pi felici e contenti. Tra 20 anni sar la volta del Belgio che festegger i 200 anni dell'unione. Vista la solidit di quell'amalgama mal riuscito, riuscir il Belgio ad arrivare intatto fino a quella data? La (ex) Cecoslovacchia ad esempio non ce l'ha fatta. Prima o poi anche a Madrid verr in mente di celebrare il compleanno dell'unit del regno. A Barcellona hanno gi messo le mani avanti e a luglio dell'anno scorso milioni di persone sono scese in piazza per manifestare la volont di staccarsi e diventare indipendenti, notizia quasi ignorata dai media italiani, forse per paura di un'espansione di questi moti nel resto d'Europa in maniera incontrollata e non pi contrastabile. Certi consensi cos unanaimi nei confronti dell'unit nazionale, anche in Italia, non devono essere dati per scontati cos facilmente.
E. C.
Battisti e Ochalan, due pesi
e due misure
Sono sorpreso di tutta questa indignazione per la mancata estradizione di Battisti dal Brasile, cosa dovremmo dire della mancata estradizione del terrorista Ochalan da parte dell'Italia anni addietro? Come al solito due pesi e due misure, in questo momento al nostro governo conviene cavalcare l'onda emotiva creata dal caso Battisti per fare dimenticare tutte le nefandezze di cui si circonda.
C. Fichera
Lotteria, il calo delle vendite
ben maggiore
Tracollo delle vendite dei biglietti della Lotteria Italia, quella che fino a pochi anni fa teneva incollati al televisore tutti gli italiani. Non ci andava molto di prevedere una cosa del genere: il Superenalotto con il sistema dei jackpot ha cambiato le abitudini degli italiani e le dimensioni dei loro sogni al punto che il primo premio della lotteria tradizionale ha il gusto di un premio di consolazione. Nulla da stupirsi se il 7 gennaio non ci sar nessuno a cimentarsi nel solito compito di cercare il neomiliardario, tanto per tornare ai tempi in cui si ragionava in lire e la lotteria aveva un appeal molto maggiore di oggi. In realt il calo effettivo delle vendite dei biglietti ben maggiore rispetto a quello dichiarato dai monopoli di Stato. Assieme al biglietto vero e proprio c' infatti anche un gratta e vinci e pu accadere che con un solo biglietto, reinvestendo ci che stato vinto, si riesca a portane a casa pi di uno avendo pagato solo il primo.
M. T.
Le piramidi dell'Etna
Da qualche tempo numerosi studiosi, il Cnr e perfino alcune Universit americane stanno facendo studi e ricerche sulle piramidi dell'Etna ed in generale sulle genti che hanno popolato la Sicilia dal quarto al primo millennio a.C. Basta cliccare su Google "Le Piramidi dell'Etna" per avere un quadro esauriente sugli studi fatti. Oggi tutti sono concordi sul fatto che le costruzioni scoperte nell'area pedemontana dell'Etna che va da Piedimonte a Linguaglossa, Passopisciaro, Randazzo, Bronte, Adrano, Belpasso, Nicolosi, Trecastagni,non sono opera dei contadini per ammassare le pietre che toglievano dal terreno, bens si tratta di costruzioni di tipo megalitico risalenti al 3^-2^ millennio a.C. Tutti sono concordi nell'affermare che furono i Siculi, nel secondo millennio a.C., i costruttori di quelle piramidi (alcune sono rettangolari a gradoni, altre quadrate a gradoni, alcune con gli spigoli arrotondati, talvolta con altari sommitali ed altre con percorsi pavimentati di pietra lavica). Alcune Universit stanno facendo gli esami del Dna sui Guanci, antica popolazione di Tenerife, e sui Sicani, popolazione che abit la Sicilia nel terzo millennio a.c., successivamente spodestata dai Siculi nel secondo millennio a.C., poich in quell'area sono state trovate piramidi identiche a quelle dell'Etna. Certamente sappiamo, dagli archivi di Merenptah, che nel 1224 a.c. 222 siculi (SheKelesh) facenti parte dei popoli del mare, furono fatti prigionieri dal faraone Ramses III e ci si evince anche da una iscrizione della tomba di Ramses. Uno degli insediamenti sicani prima e siculo dopo sicuramente quello di Trecastagni dove ancora oggi sono visibili alcune piramidi.Una a pianta quadrata a gradoni (m.15x15) con cupola alta fino ad otto metri si trova in una propriet privata in via L.Capuana, di fronte al Cimitero ed visibile dalla strada. Un'altra a pianta rettangolare a gradoni si trova in localit Grotta Comune, sempre in propriet privata, e sicuramente ha sulla sommit un'ara votiva con scale laterali e lunghi camminamenti. E proprio nell'area di Grotta Comune stato rinvenuto, in propriet privata, un reperto del secondo millennio a.C. che segna il passaggio, per la popolazione sicula, dall'alimentazione carnivora a quella fatta di semi, bacche e cereali. Si tratta infatti di uno dei primi mortai della storia, per la frantumazione di grano, frumento e orzo. Altri due esemplari sono custoditi nel museo di Adrano, provenienti dal sito di Mendolito (XIII sec.a.c.). La ciliegina sulla torta di Trecastagni costituita dal sito del monte S.Nicol dove, sulla sommit, si trovano le tracce di un insediamento siculo del secondo millennio a.C. costituito da mura di cinta con un diametro di un metro e mezzo e diverse costruzioni alcune delle quali utilizzate dai contadini sino a i giorni nostri. Sarebbe opportuno che tutte le Autorit interessate (Sovrintendenza,Parco dell'Etna, Comuni della fascia pedemontana) attenzionassero il problema per creare un circuito delle Piramidi dell'Etna che sicuramente costituirebbe un'attrazione turistica ed un volano per la nostra economia.
Carlo Cincotti
Sfogo di italiano
Sappiamo tutti che l'Italia e l'Europa tutta stanno attaversando una crisi economica, i commercianti lamentano un calo di vendite, le strutture turistiche italiane subiscono un calo di presenze. Ebbene i nostri parlamentari, sia di destra che di sinistra che fanno, trascorrono le loro sacrosante (!) vacanze festive all'estero! Sui giornali leggiamo che l'onorevole Tizio va alle Seychelles, l'onorevole Caio alle Bahamas. Spendendo centinaie di migliaia di euro del loro stipendio che i contribuenti Italiani versano a volte con notevole sacrifici. Il mio rammarico non perch lo fanno, anche loro hanno diritto di rilassarsi, ma perch non trascorrono le vacanze in Italia? Abbiamo la fortuna di vivere in una Nazione che possiede bellezze naturali che all'estero ci invidiano! Perch non spendono i loro soldi che poi sono i nostri (dei contribuenti italiani!) in Italia contribendo cos alla ripresa nazionale? Blaterano tutti nei comizi che il futuro della Nazione sta nel turismo, e poi vanno all'estero... Ringrazio La Sicilia se vorr pubblicare questo inutile sfogo, altrimenti, fa lo stesso.
Salvo Torrisi
Ecco un elenco dei problemi
da risolvere a Catania
"La Sicilia" del 27 dicembre riporta una interessante intervista a Lucio Sciacca, giornalista, scrittore e storico, galantuomo di vecchio stampo, funzionario di elevata caratura e impareggiabile collaboratore del senatore professore Domenico Magr. Lo scrivo perch l'ho constatato quando lo incontravo andando a parlare con il senatore. Dice Lucio Sciacca che il "sindaco Stancanelli soffre la mancanza di buoni collaboratori" e che "bisogna ascoltare tutti, intendo i cittadini". Su questa ospitale rubrica vi stata una levata di scudi di diversi cittadini che hanno segnalato lo stato di degrado di Catania, in riferimento a quanto aveva detto il sindaco: " a scrivere sono sempre gli stessi da 15 a 19 lettori". Lo scrivente ha segnalato "il record di invivibilit e i soldi buttati al vento" nel numero de "La Sicilia" del 17 novembre, riportando quanto comunicato da Raitre il 22 ottobre nella trasmissione "Montagne": "Catania la citt con peggiore qualit della vita". Ancora ammette l'intervistato che "i quartieri, specie quelli periferici sono nel degrado". Lo scrivente ed i suoi sette amici sono rimasti perplessi leggendo quanto riportato da "La Sicilia" del 28 dicembre e riflettendo su quanto in realt si vede attorno. Si legge sul nostro quotidiano: "Riconoscimento al consigliere "anti-discariche" il consigliere protagonista, durante le ronde anti-discariche abusive, di segnalazioni volte a fermare le bande di criminali che scaricano illegalmente". Il Consiglio della V Circoscrizione ha deciso di premiare il consigliere con la consegna della targa "Cittadino modello 2010". Lo scrivente ha segnalato da anni l'esistenza della discarica in via della Sfinge a San Giovanni Galermo: il 13 agosto (con foto delle lastre di eternit), l'1 ed il 17 del mese di settembre e l'ultima il 3 novembre. Non successo niente
L'assessore all'ambiente della provincia Domenico Rotella, fresco di nomina nella Giunta Castiglione, vuole affrontare di petto l'argomento Oasi del Simeto. La preghiamo se, nei ritagli di tempo, pu volgere lo sguardo verso alte direzioni che segnaliamo ancora una volta. 1) Mausoleo ai Caduti di Piazza Tricolore sempre in un stato di avvilente abbandono; saggio tagliare l'erba del prato ma prima di tutto necessita togliere la spazzatura; la vasca circolare piena di acqua putrida e spazzatura, i beverini fuori uso e pieni di cartacce. 2) Impianti a fibre ottiche, che il prof. Domenico Maugeri chiama comodini, rotti ed abbandonati inutilizzati sui marciapiedi impedendo il passaggio ai pedoni ed alle mamme con le carrozzine con i bambini. 3) La Garitta militare spagnola di avvistamento di viale Artale Alagona, un autentico cimelio storico di eccezionale interesse, adottata dal Consiglio comunale dei ragazzi della scuola media "Parini" nel luglio del 2002, munita di cancello ma non di serratura, per cui ridotta a deposito di spazzatura e orinatoio. 4) Tutte le aiuole del lungomare sono prive di fiori e non si comprende perch tutte le tubazioni in gomma che dovevano servire per l'irrigazione sono abbandonate in ogni dove. I due tratti di strada, via Messina e via Vecchia Ognina, che vanno dal corso Italia a piazza della Guardia, strapieni di automobili e motocicli e vasi con fiori. 6) In piazza Europa la fontana della Vela senza acqua come i beverini della zona; le ringhiere in ferro che delimitano le aiuole sono in parte rotte e divelte. 7) Altro argomento non meno serio quello dei cani, fedeli amici dell'uomo, che imbrattano con i loro "bisognini". In un viale di Lignano Sabbiadoro, molto frequentato, ho visto un marciapiede in cui si alternano le aiuole degli alberi con i servizi igienici per cani; a Bolzano ed in altre zone dell'Alto Adige si trovano ampie zone con fondo terroso ed erba, recintate, nelle quali i padroni possono liberamente fare passeggiare i cani a guinzaglio. Identico sistema attuato a Cagliari e in molte citt francesi.
Per quanto riguarda i colombi, lo stesso assessorato bolzanino ha provveduto con casotti muniti di vetrate e tetto in legno nei quali gli addetti comunali giornalmente provvedono alla deposizione del mangime e successivamente alla pulizia. Si evita cos che i cittadini depositino il mangime in ogni dove. Con un po' di buona volont penso che si potrebbero risolvere tanti piccoli problemi che sarebbero graditi ai turisti.
Antonino Arcidiacono


09/01/2011



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news