LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. La vigna-monumento
Stefano de Stefano
Corriere del Mezzogiorno Napoli 17/12/2010

Sette ettari di verde dal corso Vittorio Emanuele fino alle pendici della Certosa
San Martino, il Mibac riconosce il nuovo bene di interesse storico artistico
Morra: Questo luogo magico avr solo tre finalit: quella culturale, quella turistica e quella rurale
Gizzi: Quando m'insediai, mi sembr assurdo che ancora questo iter non si fosse completato

Monumento nazionale e Bene di interesse storico artistico, come pi correttamente lo ha definito secondo l'accezione ministeriale il sovrintendente ai beni architettonici Stefano Gizzi, la sostanza non cambia. L'antica Vigna, quella collina verde che si inerpica dai vecchi fondaci agricoli dell'attuale corso Vittorio Emanuele fin su verso le pendici della Certosa di San Martino di origine trecentesca, pu godere da oggi di un'ulteriore tutela, stabilita dal decreto n. 851 del ministero per i Beni Culturali, emesso su proposta della soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici di Napoli e provincia. Perch - come hanno ricordato un po' tuta nell'incontro di ieri a Palazzo Bagnara, nella sede della Fondazione Morra - si tratta di un sito unico nel suo genere: un territorio agricolo urbano di ben 7 ettari, che entra finalmente a far parte del patrimonio culturale italiano come una statua, un castello, una reggia. Unicit ribadita anche da un'altra straordinaria anomalia, il fatto cio che a chiedere insistentemente questo decreto, non sia stato lo stato di pericolo o di fatiscenza del bene stesso, quanto il proprietario Peppe Morra, per nulla interessato a mendicare possibili permessi di edificabilit, con tanto di proteste e ricorsi legali, ma piuttosto fermamente intenzionato a preservare lo stesso da qualunque modificazione e speculazione possibile. Questo luogo magico - ha ribadito ieri, felicissimo e visibilmente emozionato, il direttore del Museo Nitsch -, in cui possibile recuperare un rapporto con le nostre stesse origini, con la voglia di tornare ad imbracciare una vanga, una zappa, un qualsiasi attrezzo agricolo, e riscoprire i valori pi autentici dell'uomo, dovr avere solo tre finalit: quella culturale, quella turistica e quella rurale. Per Morra l'obiettivo raggiunto molto pi di un semplice riconoscimento statale, il coronarsi di un sogno condiviso con tanti amici, che dal momento della sua acquisizione nel 1988 dai vecchi proprietari, la famiglia Ceschina, si sono battuti con lui affinch ci si avverasse. A partire dalla giornalista Nora Puntillo e dall'ex sovrintendente ai Beni architettonici Mario De Cunzo, che nel 1967, con una campagna stampa e con la definizione di un vincolo paesistico sull'intera propriet, ne impedirono ogni forma di stravolgimento ed abuso. Anche se - lo stesso De Cunzo a ricordarlo - dobbiamo ringraziare l'imprevedibilit dei napoletani. Perch in seguito al Piano regolatore di Piccinato seguito alla legge Bottai del 1939, quest'area era stata dichiarata lottizzabile, a differenza del territorio a nord di Napoli, in cui il verde avrebbe dovuto sovrastare di gran lunga le poche costruzioni consentite. Ed invece n c' stata una delle cementificazioni pi selvagge che la storia ricordi, mentre il dorso di San Martino rimasto fortunatamente illeso. Anche se reso irriconoscibile dalla boscaglia, dalle erbacce e dagli sterpi che lo ricoprivano al momento dell'acquisto da parte di Morra. Fu allora - ricorda invece il geologo Ernesto Cravero - che insieme al collega Franco Coppola ci recammo a vedere il sito provvedendo poi a farlo ripulire per capirne l'esatta configurazione. E riscontrammo una straordinaria architettura di contenimento che aveva retto per secoli, ma che in seguito alle piogge torrenziali del gennaio del 1997, vide diversi smottamenti e frane, dovute alla chiusura dei condotti in terracotta che facevano defluire le acque piovane dal chiostro della Certosa verso due cisterne sottostanti, di cui la seconda a Suor Orsola Benincasa. L'acqua piovana, non trovando pi questa canalizzazione, finisce invece oggi col creare all'esterno vere e proprie cascate di terra. Anche questa urgenza quindi nei programmi della nuova Vigna monumentale, resa tale grazie al definitivo vincolo, richiesto nel 1999 da Morra e dall'Associazione Amici della Vigna San Martino, e all'impegno dell'attuale sovrintendente Stefano Gizzi. Quando mi sono insediato - ha commentato - mi sembrava assurdo che ancora questo iter non si fosse completato. E paradossalmente le resistenze maggiori le abbiamo trovate proprio nel nostro ministero insospettito da una richiesta anomala come quella di Morra. Che invece si semplicemente rifatto alla legge. Il principio importante che un bene di interesse culturale non sia dichiarato nell'occasione un castello, un palazzo, un sito archeologico, ma un'area verde, di quei giardini agricoli tipici della citt di Napoli. Che sono percorribili usando la mappa disegnata nel 1775 dal Duca di Noja. Come accadr tra la fine di febbraio e 1"inizio di marzo per la festa di assaggio del vino nuovo prodotto proprio in quella terra. Ma il sovrintendente non si ferma qui e rilancia: Organizzer presto una mostra sugli interventi architettonici e urbanistici del periodo laurino, con le sue tante ombre, ma anche con le sue luci, come ad esempio la risistemazione che il Comandante fece di piazza Municipio.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news