LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paolo Prodi: A rischio la vita degli Istituti culturali.
Ilaria Bonaccorsi
Left 17/12/2010

Lo studioso avverte: Il potere ha paura della storia perch dimostra che le cose possono andare diversamente rispetto a oggi

Professore emerito, gi ordinario di Storia moderna presso la facolt di Lettere e filosofia dell'Universit di Bologna, Paolo Prodi, oggi presidente della Giunta storica nazionale (gi Giunta centrale per gli studi storici), organismo che coordina l'attivit degli istituti e degli enti di ricerca storica italiani, tra i firmatari insieme con Andrea Giardina (presidente dell'Istituto italiano perla storia antica), Massimo Miglio (presidente dell'Istituto storico italiano per il Medio Evo), Luigi Lotti (presidente dell'Istituto storico italiano per l'Et moderna e contemporanea), Romano Ugolini (presidente dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano) e Giovanni Vitolo (presidente della Societ salernitana di Storia patria) di un accorato appello nel quale si denuncia la gravit dei tagli previsti per il 2011 dal Mibac. Il dimezzamento dei gi esigui finanziamenti rischia di cancellare per sempre gli Istituti culturali nazionali. Con la sottrazione delle risorse necessarie, scrivono, si lede l'autonomia delle Istituzioni culturali, sancita dalla Costituzione, e si amputala memoria del Paese.
Professore, i tagli previsti si aggirano tra il 20 e il 50 per cento delle risorse gi risicate. Cosa accade e cosa accadrebbe se tutto ci venisse confermato? Si rischia una nuova Pompei?
Credo proprio di s, perch durante gli ultimi anni i fondi erano gi stati dimezzati. Per esempio, nel caso della Giunta storica nazionale di cui sono presidente, avevo alleggerito tutte le strutture. Non abbiamo nessun dipendente fisso e la nostra sede ci stata data in comodato gratuito: due stanzette nel mezzanino di Storia moderna che messe insieme sono meno grandi della scrivania, lo dico sempre scherzando, ereditate dal mio predecessore Giovanni Spadolini. Abbiamo gi ridotto tutto all'osso e la nostra attivit, oltre a quella internazionale, di continuare a redigere la Bibliografia storica nazionale: ogni anno componiamo ottomila schede che riflettono tutta la produzione di storia italiana prodotta nell'anno e che, senza affrontare spese impossibili di pubblicazione, poniamo online a disposizione degli studiosi di tutto il mondo. Ora anche questo minimo ci viene tolto, anche se si tratta di spese irrisorie, pari a molto meno di una sola di quelle fatue celebrazioni che si fanno in giro per l'Italia. Per essere molto concreti, la Giunta quest'anno ha avuto 85mila euro in tutto di assegnazione, con i quali abbiamo provveduto a ogni cosa: alla segreteria, alla compilazione della bibliografia storica nazionale, alla partecipazione al congresso Tutti i tagli possibili erano gi stati fatti. Ora siamo scesi sotto la soglia minima di sopravvivenza internazionale di scienze storiche ad Amsterdam e molto altro ancora.
E gli Istituti storici nazionali?
La situazione per loro molto pi grave, perch mentre la Giunta in qualche modo non possiede una struttura fissa, non ha una biblioteca n impegni editoriali, gli Istituti come quello del Medio Evo, di Storia antica o del Risorgimento hanno invece dipendenti, biblioteche da curare e aggiornare. Ora si trovano nella condizione di dover chiudere.
Facile immaginare che le risorse per gli Istituti storici non siano mai state sufficienti a garantire la ricerca, una politica di acquisti seria e un buon servizio al pubblico degli studiosi. Allora cosa cambiato oggi da spingervi a denunciare una possibile chiusura?
I fondi scarseggiavano gi prima e si stava attenti a ogni euro. C' per qualcos'altro che opportuno sottolineare: secondo me non si tratta soltanto di tagli orizzontali nello stile del presente governo, di cui peraltro parlano oramai tutti gli italiani: si taglia tutto senza stare a guardare i contenuti. In questo specifico caso il problema, la decurtazione, riflette una politica, una precisa inclinazione a cancellare la memoria storica del Paese. Cio non che si taglino le biblioteche o gli Istituti o i nostri Archivi allo stesso modo con cui si tagliano tante cose, come le mostre d'arte. Qui si colpisce molto pi in profondit e questo induce a pensare che certamente non si considera la memoria una componente essenziale per la sopravvivenza del Paese e per la coscienza collettiva. Questo molto grave, proprio in occasione del 150 anniversario dell'Unit italiana, perch oltre alla Giunta storica nazionale e agli Istituti storici nazionali, anche le Deputazioni regionali di Storia patria sono realt nate con il Risorgimento.
Professore, a cosa servono oggi gli Istituti storici e gli Archivi e perch importante salvarne la vita?
Per me il punto centrale proprio questo, ossia che attraverso gli Istituti, la memoria storica si trasformi in coscienza critica della propria identit nazionale e regionale. Se non c' questa elaborazione degli storici allora tutte le memorie possono essere utilizzate in senso strumentale per la politica quotidiana. Cos si va a ledere proprio l'identit collettiva del Paese. In qualche modo questo un attacco voluto.
Cosa accade in Europa? Come vivono Istituti simili ai vostri?
La tendenza dappertutto a una certa limatura. Ma le strutture dei nostri Paesi partner, quelle tedesche o francesi per esempio, molto diverse tra di loro, hanno tutte radici profonde nelle strutture dello Stato. Cio i Monumenta germaniae historica sono "la" Germania: hanno subito una diminuzione dei fondi, vivono anche loro delle difficolt rispetto al passato ma sono e rimangono delle strutture portanti del mondo culturale tedesco. Noi invece rischiamo di essere totalmente estromessi ed emarginati. Anche le commemorazioni che si fanno in questo momento del Risorgimento sono in balia proprio delle strumentalizzazioni politiche pi assurde: Nord-Sud, federalismo-non federalismo. tutto una specie di grande imbroglio e mistificazione che si pu concretizzare soltanto mettendo fuori gioco, marginalizzando gli Istituti storici che invece hanno come proprio fondamento la revisione critica della storia.
Bersani sabato in piazza San Giovanni a Roma ha detto, tra le altre cose, che questo governo ha commesso dei delitti, non degli errori. Questo uno di quei delitti?
Io penso di s, nel senso che la differenza che i delitti sono in qualche modo voluti, gli errori sono anche spesso preterintenzionali. Per quello che tengo a dire che in realt la sottovalutazione della cultura stata continua anche nel decennio precedente e anche da parte dei governi di sinistra, e lo dico come fratello del presidente del Consiglio -. quindi sono perfettamente cosciente di quanto affermo - dell'importanza delle strutture e delle istituzioni culturali. Penso per esempio ai tentativi fatti con l'allora ministro dei Beni culturali Rutelli per ottenere la riforma delle nostre istituzioni e la loro messa in sicurezza, in modo tale che fosse possibile programmare l'attivit di lungo periodo senza dover aspettare ogni anno l'elemosina di una sovvenzione: non ci fu alcuna risposta. Ci sono quindi due piani: uno quello generale della disattenzione, della tendenza di tutti i partiti - di destra e di sinistra - e del governo, a curare di pi cose effimere, gli eventi che possono portare voci o consenso ai singoli partiti e uomini politici: questa una malattia italiana diffusa, bipartisan come si dice oggi. Un secondo e pi grave piano quello, oggi perseguito con accanimento, di combattere la memoria critica, l'identit collettiva della nazione.
Ma allora la storia perde la sua funzione di formazione civica?
La Storia, che era passata appunto dal servizio al potere nell'Antico regime e negli Stati autoritari alla nuova funzione di educazione civica, e politica nelle democrazie, viene ora emarginata perch non funzionale alla civilt dei consumatori che sta sostituendo quella dei cittadini. Cos in qualsiasi momento ogni forza economico-politica pu inventare un prodotto nuovo da vendere sul mercato, un nuovo Risorgimento o un nuovo Medioevo a proprio uso e consumo. Questo il "revisionismo" di oggi - molto peggiore dei vecchi revisionismi - che fa a pezzi il concetto di storia come coscienza critica di una societ: il potere ora ha paura della storia perch dimostra che le cose sono andate e possono andare diversamente rispetto a oggi e preferisce che la gente non abbia un approccio critico ma sia soggetta ai miti comunicativi: l'istante pu essere sempre venduto come novit se non ci sono storici in giro a rompere le uova.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news