LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Auto in mostra allAra Pacis se la pubblicit entra nel monumento - La fondatrice del Fai: " uno scempio diseducativo"
GIOVANNA VITALE
SABATO, 18 DICEMBRE 2010 LA REPUBBLICA Cronaca

Lassessore Croppi: "Lidea in s apprezzabile, anche se il contesto inadeguato"

Tanti episodi, da Venezia a Milano a Palermo, dove lo spot prevale sullarte


ROMA - Autosalone Ara Pacis. Non lultima insegna di una concessionaria allavanguardia che, per farsi pubblicit, ha pensato bene di sfruttare uno dei monumenti-simbolo della Roma imperiale. No. la pura realt: ovvero quel che fino a stasera chiunque pu vedere visitando lo splendido altare del 9 a. C. dedicato da Augusto alla dea della Pace. E gi perch allinterno della controversa teca progettata da Richard Meier, proprio a ridosso del podio che sorregge i pilastri corinzi, da un paio di giorni fanno bella mostra di s due city car elettriche nuove di zecca, una bianca e una blu, battezzate Dany e prodotte dalla societ Belumbury che, a dispetto del nome, una casa automobilistica tutta italiana.
Voleva fare le cose in grande, limprenditore Stefano Maccagnani. Lui che tra laltro si fregia del titolo di "patriota" per aver salvato Alitalia, gi presidente e ad della Simmel Difesa, ex societ Fiat, nonch titolare dellazienda elettromecanica Eos, per lanciare la sua mini-car ecologica ha chiesto e ottenuto il meglio: il prestigioso museo civico nel cuore della citt eterna, senza sborsare - cos sostiene - neppure un euro daffitto. E dove perci laltro ieri sera capitani dindustria e nobildonne, professionisti e politici, in testa Gianni Letta, si sono dati appuntamento per assistere alla presentazione della macchinetta curata da Paola Perego, con Ornella Vanoni a far da madrina. Un evento lungo tre giorni: tanto quanto durer lesposizione nella cornice dellaltare augusteo. Di cui persino lassessore capitolino alla Cultura, Umberto Croppi, non sapeva nulla: Io non lho autorizzato, spiega dopo aver fatto una breve istruttoria. Mi dicono che levento frutto di una sponsorship con il produttore, il quale doner in cambio 80mila euro per la manutenzione dellAra Pacis. Una cosa in s apprezzabile, anche se non mi sembra questo il contesto adeguato.
Un allestimento che spiazza pure i turisti. Certo non ci aspettavamo di vedere due macchine parcheggiate sotto un monumento cos ricco di storia, commentano uscendo Alejandro Luna e Maria Ortiz, due studenti spagnoli in gita scolastica a Roma. Lo stesso sgomento che coglie Giulia Maria Mozzoni Crespi, fondatrice del Fai, una vita spesa per salvare i tesori dItalia: Lidea di mettere delle auto davanti a quel gioiello di scultura mi inorridisce, esordisce con sdegno. Ma perch dobbiamo sempre mischiare il sacro con il profano? Sono allibita che il Campidoglio abbia avallato un tale scempio e mi domando se la soprintendenza ha avuto voce in capitolo, perch non posso credere che abbia dato via libera a un orrore del genere.
Daltra parte gli esempi di uso deviato dei monumenti, piegati alle pi varie esigenze di mercato, ormai non si contano pi. Ci sono i cartelloni pubblicitari che in tutte le citt darte impacchettano prestigiosi edifici storici, compreso il Ponte dei Sospiri a Venezia che di recente ha ispirato lappello al ministro Bondi firmato da sir Norman Foster; lo stand natalizio di Tiffany in piazza Duomo a Milano; il campo di big soccer con tanto di spalti montati nel catino del Circo Massimo a Roma. Oggi questa ideologia aziendale sta pervadendo tutto, osserva sconsolato il direttore degli Uffizi, Antonio Natale: Non voglio correre il rischio di sembrare un passatista, cosa che io non sono, tant che mesi fa ho fatto montare, suscitando diverse polemiche, una scritta al neon accanto al museo che si rifletteva nellArno e recitava: "Larte sempre stata contemporanea". Gli stessi Uffizi sono nati come museo darte contemporanea, tutta larte quando nasce presente, non passato. Eppure il tempo qualcosa conta, non tutto pu essere mercificato: Ci vuole una grande attenzione, non mi piace quando i monumenti vengono prostituiti, conclude Natale. Bisogna considerare tutte le opere darte, siano essere figurative o di architettura, come testi poetici. Chi prenderebbe un canto di Dante per fare pubblicit a un motorino? Con le opere darte o di architettura succede perch non vengono considerate opere poetiche, ma feticci del consumismo.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news