LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parchi: i dubbi sulla legge. Apre a un condono largo
Mariolina Tossa
CORRIERE DELLA SERA 16-OTT-2004

La legge consente di sanare
gli abusi commessi
fino al 30 settembre nelle aree
di interesse paesaggistico.
E' previsto l'abbattimento
o il risanamento degli ecomostri

Secondo uno studio del Cresme (Centro ricerche economiche e sociali di mercato per l'edilizia e il territorio) per effetto della sanatoria in Italia ci sarebbero 40.000 costruzioni abusive in più
In caso di abusi edilizi verrà svolto un accertamento di compatibilità paesaggistica: i trasgressori pagheranno una multa per il danno arrecato e una sanzione: da 3 mila a 50 mila euro.
Aggiungendo alle 40 mila costruzioni abusive quelle realizzate dal '94 il totale delle case, dei capannoni e dei negozi fuorilegge salirebbe a 402.676, cioè 168 milioni di metri cubi
Depenalizzazione per i reati più lievi (senza aumenti di volumi o superfici). Norme severe per gli abusi gravi: fino a 4 anni in cella per aumenti di volumetria del 30% in aree protette

• COSI' LA FIDUCIA
Sul condono relativo agli abusi nelle aree protette il governo giovedì ha ottenuto al Senato la fiducia con 158 voti a favore, due contrari e un astenuto.
• SCONTRI IN AULA La seduta a Palazzo Madama è stata sospesa due volte e cinque senatori dei Verdi sono stati espulsi. La legge adesso dovrà tornare alla Camera

ROMA— Ma i parchi nazionali sono soggetti a vincolo paesistico o a vincolo naturalistico? O ad entrambi? Non si creda che stiamo parlando del sesso degli angeli perché è su questa distinzione che si dibatte un'aspra battaglia, all'indomani dell'approvazione da parte del Senato della delega ambientale, tra l'opposizione e le associazioni ambientaliste da un lato, e i ministri Urbani e Matteoli dall'altro. Chi ha ragione? Assisteremo oppure no allo scempio delle bellezze del nostro Paese?
I punti controversi sono quelli relativi ai commi 36 e 37. Il 36, dicono a Italia Nostra, consente una «sanatoria illimitata» su aree tutelate per legge, anche se non riguarda nuove costruzioni ma solo piccole modifiche, mentre il 37 è di fatto un «condono generalizzato» per «i lavori compiuti su beni paesaggistici entro e non oltre il 30 settembre 2004».
«Partiamo dal 37, il condono -spiega un agguerrito senatore Sauro Turroni dei Verdi -. Si parla di beni paesaggistici. Quali sono? Quelli dell'articolo 142 del codice Urbani. Territori costieri e vicini ai laghi, fiumi, torrenti, corsi d'acqua, montagne oltre i 1600 metri sulle Alpi e oltre i 1200 negli Appennini, i ghiacciai, boschi e foreste, aree archeologiche, parchi e riserve nazionali e regionali. I parchi ci sono? Sì, quindi possono essere soggetti a condono».
Condono che, dice il presidente della Federparchi Matteo Fusilli, «avrà un effetto devastante soprattutto al Sud. Per esempio, nel parco nazionale del Vesuvio, in passato sono stati abbattuti immobili della camorra. Con questo condono non lo sarebbero più». Falso, dice il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli: «Questa è una mini-mini sanatoria, e poi non dimentichiamo che gli ecomostri verranno finalmente abbattuti».
Spiega il suo capo gabinetto, dottor Paolo Togni: «Qui si continua a fare confusione tra vincolo paesistico e vincolo naturalistico. La delega ambientale si riferisce esclusivamente ai beni in vincolo paesaggistico, quelli per intenderci di competenza del ministro Urbani. I beni sottoposti a vincolo naturalistico, come lo sono i parchi nazionali, non rientrano in queste norme. Per questi esiste una legge, la 394, molto restrittiva che distingue in zone a tutela integrale e zone a tutela ridotta per le quali l'ente parco deve dare la sua autorizzazione vincolante». «La norma è scritta talmente male, non so se volutamente - replica Roberto Della Seta di Legambiente -, che io credo sia possibile un'interpretazione estensiva che inserisca i parchi nazionali nelle aree condonabili». E il senatore diessino Fausto Giovanelli aggiunge: «Altro che minisanatoria, questo è il primo condono della nostra storia su beni vincolati. I parchi sono esclusi? Matteoli poteva venirlo a dire in Senato. Non l'ha fatto, perché non risultasse agli atti, e non potesse essere un'interpretazione autentica di una norma obrobriosa».
Facciamo un esempio: nel parco del Cilento un camorrista ha costruito un villaggio turistico. Fatto realmente accaduto, il condono potrà sanarlo? «No - dice Togni -, perché tutte le leggi sul condono e questa non deroga, stabiliscono che la premessa sia una sanatoria amministrativa. E per i parchi ciò è impossibile». «Sì, invece - replica Turroni - e questa delega fa anche di più. Dice testualmente che per i lavori compiuti entro il 30 settembre, l'accertamento della compatibilita paesaggistica, che poi viene fatto dal geometra del comune, comporta l'estinzione del reato. Quindi pago due lire, condono, e il procedimento penale cessa. Stessa cosa per chi in futuro, dice il comma 36, interverrà sui beni paesaggistici, quindi anche i parchi, senza costruire in volumi, ma con interventi di altro tipo, come una spianata di cemento per parcheggi, una piscina, un deposito di camion, un parco acquatico, uno sfasciacarrozze. Basterà che chieda al solito geometra il certificato di compatibilita ambientale».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news