LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Italia dimenticata e l'Unesco: ecco perché
Gianni Puglisi
Il Messaggero 15/10/2004

Gianni Puglisi è Presidente Commissione Nazionale Italiana Unesco

Italia smemorata o Italia dimenticata? E' sostanzialmente questo il dilemma davanti a cui ci ha posto Fabio Isman nel suo interessante intervento sui patrimoni docu-mentari italiani rimasti finora fuori dal Registro Unesco della "Memoria del mondo". Personalmente ritengo che sia da escludere la prima ipotesi, in quanto l'impegno del nostro Paese nella valorizzazione dei suoi "patrimoni" è pieno e cosciente a 360°: dalla costituzione del Ministero dei Beni culturali con Giovanni Spadolini, infatti, fino ai giorni nostri l'impegno interno verso i propri tesori storico-artistici e paesaggistico-culturali è stato crescente sia in termini economico-finanziari, che politico-culturali.
L'Italia è del resto un Paese in cui la tutela del patrimonio artistico e del paesaggio è garantita dalla Costituzione oltre che dalla coscienza civile della sua gente.
Credo che non sia neppure vera la seconda ipotesi, Italia dimenticata?, in quanto la corretta e severa analisi fatta da Isman non discende dalla volontà di penalizzare il nostro Paese, quanto piuttosto dalle logiche interne alle organizzazioni internazionali, nelle quali spesso le ragioni politiche ispirate agli equilibri e alle "distribuzioni" geografiche finiscono con il prevalere sulle ragioni di merito e, talora, sulla stessa realtà. All'origine della "dimenticanza" dell'Italia nella registrazione del suo inestimabile patrimonio documentario sta in parte quella che potremmo chiamare la "ragione caotica" che spesso governa i processi e le decisioni dell'Unesco, in particolare quando si mettono in moto nuovi processi e nuove iniziative; in parte sta anche una logica del sistema unescano- uguale a quella della casa-madre, l'Onu - che nell'ansia di dare spazio a legittime e talora compresse istanze di valorizzazione delle identità più deboli e più maltrattate nella storia, dalle egemonie intellettuali e culturali dei arandi Paesi e dei grandi sistemi culturali, fa prevalere la regola della mancanza di regole, affidando le decisioni ad una malintesa cultura democratica, che vuole a maggioranza la Collezione di fotografie della Biblioteca di Caracas più importante dell'Archivio Alinari di Firenze.
E' quanto la Commissione Nazionale Italiana - che delle proposte finora avanzate a Parigi è stata la protagonista, attraverso un suo Comitato presieduto da Tullio Gregory e di cui fanno parte studiosi come Paolo Matthiae o il compianto Lino Miccichè- ha "denunciato"subito dopo le prime solenni "bocciature", all'Ambasciatore all'Unesco, Francesco Caruso, con una mia nota nell'or-mai lontano 30 aprile 2003: "Le obiezioni sollevate a Parigi (sulle nostre proposte) non trovano alcun riscontro nella realtà dei fatti, soprattutto alla luce di candidature già presenti a pieno titolo nelle liste della Memoria del mondo", come -citavo - gli Archivi Coloniali del Benin o i Codici Messicani. "Scorrendo la lista si può dedurre che il mondo è iper-rappresentato da alcuni paesi e sotto-rappresentato da altri, quali il nostro. A tale sperequazione - concludevo - occorrerebbe porre rimedio".
Quest'anno la Commissione Italiana Unesco ha presentato la candidatura delle celeberrima Biblioteca Malatestiana di Cesena: basterà ad aprire al nostro Paese lo specchio del mondo per riflettervi anche la sua immagine? Onestamente non lo so. giacché non mi risulta che siano state rese chiare e distinte le regole che governano il processo selettivo delle diverse candidature che vengono da tutto il mondo. Resta però la convinzione e l'orgoglio che al di là del rispecchiamento nelle liste dell'Unesco. il nostro Paese splende di luce propria così intensa da "bucare" con la sua memoria lo specchio unescano e raggiungere ugualmente la coscienza civile e culturale di quanti, nel mondo, studiosi o uomini della strada, sanno cogliere la realtà e l'estasi della Bellezza.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news