LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reati paesaggìstici, la sanatoria raddoppia
Antonello Cherchi
Il Sole 24 ore 15/10/2004

ROMA ■ Senza il voto delle opposizioni, ieri l'aula del Senato ha dato il via libera al disegno delega in materia ambientale, sul quale il Governo aveva posto la fiducia. È stata, dunque, approvata la norma che depenalizza determinati abusi compiuti contro il paesaggio, aprendo di fatto la strada alla sanatoria. La seduta è stata contrassegnata dalla critiche del Centro-sinistra, con esposizione di cartelli e striscioni. I lavori sono stati anche sospesi dal presidente del Senato, Marcello Pera, che ha poi censurato ed espulso cinque senatori Verdi. Dopo il voto di ieri, la parola toma ora alla Camera.
La delega. Il compito che il Parlamento intende affidare al Governo in campo ambientale è molto ampio. La norma che, però, ha fatto fare una lunga spola al provvedimento, in pista dall'autunno 2001, è quella sui reati paesaggistici. Era stala introdotta, in versione rigida, dal Senato (la depenalizzazione era limitata agli abusi compiuti in difformità dell'autorizzazione paesaggistica), rivista
dalla Camera in forma allargata (venivano depenalizzati anche gli interventi compiuti senza autorizzazione paesaggistica), stralciata dalla commissione Ambiente del Senato e. infine, fatta rivivere ieri dall'aula di Palazzo Madama nel testo più permissivo.
Le sanatorie. Di fatto non si tratta di una sanatoria, ma di due. Una è "a tempo", nel senso che riguarda gli abusi compiuti sui beni paesaggistici entro il 30 settembre 2004. Quegli interventi, realizzati in assenza o in difformità dell'autorizzazione paesaggistica, vengono depenalizzati, purché ritenuti compatibili con il paesaggio e quando ricorrano altre condizioni (si veda la scheda). La compatibilita paesaggistica è valutata dall'autorità competente (di solito, il Comune), dopo aver acquisito il parere della soprintendenza.
Il parere della soprintendenza — che. però, non è vincolante — è l'unica sostanziale novità (insieme a un inasprimento delle sanzioni) rispetto al testo permissivo votato a suo tempo dalla Camera. Per il resto, la casistica degli abusi sanabili è rimasta invariata.
L'altra sanatoria, "a regime", è più circoscritta (c'è, tra l'altro, il presupposto che i lavori non abbiano dato vita a nuove superfici o a un aumento dei volumi) e prevede maggiori restrizioni: la compatibilità paesaggistica degli abusi è sempre valutata dal Comune, ma il parere della soprintendenza questa volta è vincolante.
Le altre misure. L'introduzione delle sanatorie è stata accompagnata da misure più rigide su altri versanti: dall'abbattimento degli ecomostri (primo fra tutti quello di Punta Perotti, a Bari), all'innalzamento delle pene (fino a un massimo di quattro anni di reclusione) in presenza di gravi interventi sulle aree e sugli immobili di interesse pubblico. Le reazioni. Opposizioni e associazioni ambientaliste hanno sparato a zero. «Un attacco all'ambiente. Un disastro che non ha copertura finanziaria e presenta profili di incostituzionalità», l'ha definito Gavino Angius, capogruppo dei Ds al Senato. «Un atto grave», secondo il sindaco di Roma, Walter Veltroni. «Siamo al condono permanente: è una vergogna», ha rincarato la dose il presidente dei Verdi, Alfonso Pecoraro Scanio, secondo il quale nell'affondo della maggioranza c'entra la volontà del premier Berlusconi di sanare i lavori a Villa Certosa, in Sardegna.
«È una mini-mini sanatoria, che non tocca i parchi e le aree protette», ha risposto il ministro dell'Ambiente, Altero Malleoli, che a suo tempo aveva però fatto conoscere la sua contrarietà alla norma. Così come contrario si era detto il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, che ha visto il "suo" Codice rimaneggiato ad appena cinque mesi dall'entrata in vigore, e che ora, invece, elogia le nuove misure di tutela.


Le nuove regole
I contenuti del maxiemendamento

La sanatoria "a tempo". Riguarda i lavori compiuti su beni paesaggistici entro il 30 settembre 2004, Gli abusi, realizzati in assenza o in difformità dell'autorizzazione paesaggistica, non sono più reato se il Comune (o l'autorità competente) li ritiene compatibili con il paesaggio, previo parere (non vincolante) della soprintendenza
Le condizioni. Gli abusi realizzati e i materiali utilizzati, anche se diversi da quelli indicati (dove esiste) dall'autorizzazione paesaggistica, devono rientrare fra gli interventi contemplati dal piano paesaggistico o, se questo non c'è, essere comunque giudicati compatibili. Altra condizione è il pagamento di una sanzione "rafforzata".

Pene più severe. Passa da due a un massimo di quattro anni di carcere la pena prevista per gli abusi su immobili e aree vincolate dichiarate di notevole interesse pubblico o, qualora si tratti di aree e immobili tutelati, abbiano comportato un aumento della volumetria del 30% o superiore a 750 metri cubi o ancora una nuova costruzione con una volumetria superiore a mille metri cubi.

La sanatoria "a regime". Il reato non esiste se gli abusi, realizzati in assenza o difformità dell'autorizzazione paesaggistica, non determinano una aumento di volumi o la creazione di superfici utili, se sono stati impiegati materiali diversi da quelli indicati nell'autorizzazione paesaggistica, quando i lavori siano configurabili come manutenzione ordinaria o straordinaria. Gli abusi devono essere ritenuti compatibili con il paesaggio: la valutazione del Comune è preceduta dal parere vincolante della soprintendenza.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news