LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Condono edilizio nelle aree protette
LUIGI CHIARELLO E ANTONIO CICCIA
Italia Oggi, 14 ottobre 2004

Arriva il condono edilizio per le opere abusive realizzate fino al 30 settembre scorso sulle aree sottoposte a tutela ambientale per vincoli paesaggistici. E arriva anche un inasprimento delle pene (fino a quattro anni) per chi, d'ora in avanti, costruirà abusivamente sulle stesse aree. Ma i comuni avranno il potere di bloccare le sanzioni se ritengono che un immobile costruito illecitamente risulti compatibile al piano paesaggistico. Sarà poi avviata una maxi-operazione di abbattimento degli ecomostri. Primo tra tutti: punta Perotti a Bari, per la cui demolizione potrebbe essere scomodato anche l'esercito. Un edificio a cui il maxiemendamento al disegno di legge delega ambientale (oggi al voto del Senato, blindato perché su di esso il governo pone la fiducia) ha addirittura riservato tre commi ad hoc: il 33, il 34 e il 35 di un testo composto da un solo articolo. Il comma 36, invece, apre la strada ad altre demolizioni, ancora da decidere.
Le disposizioni più significative riguardano, dunque, le sanatorie sui beni paesaggistici. Il condono si snoda attraverso la seguente procedura. Innanzi tutto occorre fare la domanda di accertamento della compatibilità paesaggistica. E' legittimato il proprietario del bene, ma anche il mero detentore (ad esempio un inquilino). La domanda si presenta all'autorità preposta alla tutela del vincolo (la regione o, in subdelega, il comune). Il termine è il prossimo 31 gennaio 2005. La domanda è soggetta al parere della soprintendenza. Una volta acquisito, l'autorità competente si pronuncerà sulla domanda.
La norma individua il parere della soprintendenza come un parere preventivo rispetto alla decisione e non come un potere di annullamento successivo, il comma 37 precisa che cosa si può condonare. Si possono sanare i lavori compiuti su beni paesaggistici entro il 30 settembre 2004. La condizione principale è la sostanziale conformità ai piani paesaggistici (irregolarità formali) o anche la mera compatibilità con il contesto paesaggistico. Li sostanza ci si accontenta di una valutazione discrezionale in merito alla compatibilità paesaggistica. Tutto è rinviato alla valutazione della soprintendenza: è prevedibile che l'autorità preposta al vincolo segua le indicazioni della soprintendenza. La sanatoria comporta l'inapplicabilità di qualsiasi sanzione penale. Altra condizione è il pagamento di una sanzione pecunia-ria pari una somma equivalente al maggiore importo tra il danno arrecato e il profitto conseguito mediante la trasgressione. Si tratta di un importo uguale al maggiore tra la stima del danno paesaggistico e l'incremento di valore dell'opera costruita. Con due aggiunte:
- la somma è prima maggiorata da un terzo alla metà;
- si deve pagare un'altra sanzione da 3 mila a 50 mila euro.
Il condono sui beni paesaggistici va a completare il condono edilizio di cui al decreto legge 269/2003, per cui tra breve (all'11 novembre 2004) si riapriranno i termini per le domande: questo condono esclude gli abusi su beni vincolati, che però rientrano nell'accertamento di compatibilità paesaggistica. Il provvedimento non tratta solo di un condono. Al comma 36, si inaspriscono (per il futuro) le pene per le opere eseguite senza o in difformità dall' autorizzazione: si passa alla reclusione da uno a quattro anni per gli abusi maggiori. Tuttavia si istituisce l'accertamento di compatibilità ambientale a regime. L'accertamento della compatibilità ambientale comporta l'inapplicabilità delle sanzioni penali (ma non delle sanzioni amministrative) in molti casi. Innanzi tutto quando non vi siano creazione di superfici o volumi, per il mero utilizzo di materiali diversi e per le manutenzioni ordinarie e straordinarie. La sanatoria è subordinata al parere della soprintendenza. Singolare è, infine, il comma 1 quinquies introdotto all'articolo 181 del codice dei beni culturali: la rimessione in pristino eseguita dal trasgressore estingue il reato. Insomma chi ha commesso un abuso se rimette le cose a posto sarà condonato e non subirà conseguenze penali: una sorta di ravvedimento operoso in campo edilizio su beni paesaggistici.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news