LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Punta Perotti giù fra 60 giorni. Oggi la legge delega sull'ambiente: ordinerà al Comune l'abbattimento
Lorena Saracino
Corriere del Mezzogiorno, 14 ottobre 2004

BARI — Entro sessanta giorni Punta Perotti deve essere abbattuta. Sessanta giorni a partire dall'entrata in vigore della legge delega sull'ambiente che oggi andrà in aula al Senato per il voto definitivo e che istituisce nuove norme sugli abusi in aree sottoposte a vincolo paesaggistico. Prevista «una misura speciale per demolire una volta per tutte gli ecomostri, quale quello di Punta Perotti a Bari».

• II nuovo testo. Le regole sulle quali il governo porrà la fiducia, stabiliscono che «in considerazione del grave pregiudizio arrecato al paesaggio», il Comune deve provvedere all'abbattimento entro 60 giorni. In caso di inerzia, interviene la Regione esercitando poteri sostitutivi. Altrimenti, sarà lo stesso ministero dei Beni culturali a provvedere, avvalendosi delle strutture tecniche dei ministero della Difesa.

• Dopo la demolizione. Una volta effettuata la demolizione, il ministero dei Beni culturali, d'intesa con la Regione Puglia e il Comune di Bari e, sentito il ministero dell'Ambiente, procederà all'elaborazione del progetto di recupero e riqualificazione paesaggistica dell'area.

BARI — L'ecomostro di Punta Perotti ha le ore contate.
Anzi, i giorni. Sessanta, per l'esattezza, a partire dal momento di entrata in vigore della legge delega sull'ambiente che, oggi, andrà in aula al Senato per il voto definitivo ed istituisce nuove norme sugli abusi in aree sottoposte a vincolo paesaggistico. Lo stesso ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, ieri, ha dichiarato con soddisfazione che, oltre alle nuove disposizioni che irrobustiscono la tutela del paesaggio, è stata prevista «una misura speciale per demolire una volta per tutte gli ecomostri, quale quello di Punta Perotti a Bari».
In buona sostanza, il nuovo testo, sul quale il governo ha intenzione di porre la fiducia, stabilisce che «in considerazione del grave pregiudizio arrecato al paesaggio», il Comune provveda all'abbattimento dei manufatti incriminati entro 60 giorni. In caso di inerzia, interviene la Regione esercitando poteri sostitutivi. Altrimenti, sarà il ministero dei Beni culturali a provvedere, avvalendosi delle strutture tecniche del ministero della Difesa. Una volta effettuata la demolizione, il ministero dei Beni culturali, d'intesa con la Regione Puglia e il Comune di Bari e, sentito il ministero dell'Ambiente, procederà all'elaborazione del progetto di recupero e riqualificazione paesaggistica dell'area.
In questo modo, ha sottolineato, ieri, il ministero dei Beni culturali «si da credibilità ed effettività alle norme sul paesaggio e il territorio sarà finalmente liberato da sfregi intollerabili, mentre i relativi siti saranno risanati».
La legge è rimasta ferma al palo dall'autunno del 2001 sul comma 32, che consentiva di depenalizzare gli abusi compiuti anche se i costruttori non avevano ricevuto alcuna autorizzazione paesaggistica preventiva. La svolta è arrivata, nei giorni scorsi, proprio cancellando questo comma dal disegno di legge delega. «Una simile sanatoria - è stato osservato dallo stesso ministro Urbani - avrebbe declassato la tutela del paesaggio allo stesso livello della disciplina dell'edilizia». La depenalizzazione resta, quindi, solo per fatti minori e saranno le Soprintendenze a valutare caso per caso. • Oli abusi di maggior impatto, invece, saranno puniti come veri e propri delitti con un massimo di quattro anni di carcere.
Immediato il commento del sindaco di Bari, Michele Emiliano: «II Comune è vicino alla meta dell'abbattimento. Abbiamo già l'appalto in corso e siamo stati "fermati" solo dal sequestro dell'immobile richiesto dalle famiglie proprietarie».
n riferimento del sindaco va all'ultima sequenza della teleno-vela giudiziaria contro l'abbatti-
mento da parte dell'impresa co-struttrice, la «Sud Fondi». Come si ricorderà, questa chiese un mutuo immobiliare alla Cariplo assorbita, poi, da Banca Intesa. Da questo mutuo di cento miliardi furono attinti solo 9 miliardi per .Iniziare l'attività edificatoria. Il mutuo era garantito da un'ipoteca immobiliare (i suoli e le future costruzioni). Due mesi fa la «Salvatore Matarrese spa», società neonata, ha rilevato da Banca Intesa il vecchio credito e l'ipoteca e ha notificato al «Sud Fondi» un precetto ingiungendo il pagamento delle somme. Pagamento che, ovviamente, non è arrivato e così si è proceduto all'espropriazione immobiliare nei confronti di chi oggi ha la proprietà bene: il Comune di Bari. Il Comune ha proposto opposizione che è stata accolta e sì discuterà il 20 ottobre nel merito. L'obiettivo è ottenere la cancellazione del pignoramento immobiliare per procedere all'abbattimento.
«Se il nuovo disegno di legge sull'ambiente - conclude il sindaco - serve ad aggirare il vincolo costituito dal sequestro dei beni, ben venga. Altrimenti si tratta solo di un'espropriazione dei poteri del Comune e, in questo caso, non posso escludere il ricorso al conflitto di attribuzione».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news