LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Industria, Merlo apre alla Vincenzi "Pronto a restituire le aree alla citt"
MASSIMO MINELLA
DOMENICA, 21 NOVEMBRE 2010 LA REPUBBLICA Genova

Il presidente del porto: discutiamo, ma nessun atto unilaterale



Non dimentichiamo il grande sforzo degli operatori per il rilancio delleconomia


Comunque sia, nel suo destino c sempre Ligabue. Quando si present a palazzo San Giorgio proponendosi per la guida dellauthority, si cuc addosso "Niente paura". Ora che la Vincenzi sembra allontanarsi dalla sua visione di porto e chiede addirittura di sostituirsi a lui nella gestione delle aree di Cornigliano, Luigi Merlo snocciola al volo due titoli del grande Liga: "Happy Hour" (nasci da incendiario, muori da pompiere, dicono) e "Una vita da mediano" (sempre a recuperar palloni).
Presidente Merlo, sorpreso dalle parole del sindaco Marta Vincenzi?
Ho letto la delibera e devo registrare una certa differenza rispetto allimpatto mediatico delle sue dichiarazioni.
Il fatto che dopo la delibera il sindaco ha aggiunto alcuni passaggi molto chiari e legati al futuro delle aree di Cornigliano.
E allora la mia risposta "pronto a discutere". Lavoro per la composizione, non per la rottura, sono un uomo delle istituzioni. Registro inoltre un fatto positivo che forse sfugge ai pi: stiamo ragionando su aree da destinare alle imprese, segno che il nostro territorio ha un certo interesse. Proprio allinaugurazione della mostra su Rubattino sono stato avvicinato da un rappresentante di un grande gruppo interessato alle aree di Cornigliano. Giusto quindi fare unazione di marketing territoriale a tutto campo, come peraltro richiesto anche dai giovani imprenditori.
Sottoscrive quindi la delibera della Vincenzi?
Sul primo punto, che riguarda la Regione, non sta a me esprimersi. Daccordissimo sulla necessit di rivedere laccordo di programma, come gi chiesto da tutte le istituzioni a luglio e mai recepito dal governo.
E sul terzo punto, quello del federalismo demaniale che sembrerebbe essere il grimaldello per sfilare altre aree al porto?
Su una cosa non posso transigere: che non ci siano atti unilaterali. Detto questo, se ci sono aree da destinare ad attivit produttive con procedure pi semplici rispetto a quelle che fanno capo allauthority, sono pronto a discutere. A una condizione, per.
Quale?
Che prima si verifichi insieme la praticabilit di queste norme. Ci sono infatti aree portuali a chiara valenza logistico-portuale e altre che possono avere funzioni urbane. Penso alla fascia di rispetto di Pr, a Voltri. Vorrei ricordare anche il mio impegno per la sdemanializzazione di aree destinate ad avere funzioni urbane. Ma ho anche altri esempi, a cominciare dallo sgombero di un capannone a Voltri, che verr demolito e restituito al Comune.
Rimane il cuore della vicenda, le aree di Cornigliano. Laccordo assegna allauthority 144mila metri quadri.
Attenzione, perch parliamo di aree che sono gi state sdemanializzate. Noi aspettiamo che la Societ per Cornigliano le restituisca al porto. E speriamo arrivino presto, visto che la scadenza era il 5 ottobre.
E se fosse il Comune a gestirle?
Lo avete scritto questa mattina: ma di quante aree a funzione logistica stiamo parlando? Di 25mila metri quadrati. Ce ne sono altri 50mila che potranno ospitare attivit logistica solo fino al 2016, quando poi dovranno essere liberate per fare spazio allautoparco. Il resto fangodotto, cantieri e strada a mare. Credetemi, non il rapporto fra Comune e porto loggetto del contendere. In tre anni con la Vincenzi abbiamo centrato obiettivi importanti, da Ponte Parodi alla Darsena, fino al nodo di San Benigno. Ora stiamo lavorando insieme sullHennebique e lazione concertata anche su Porto Petroli, Fincantieri e centrale Enel.
Eppure, sul "porto lungo", la Vincenzi dice di essere pi vicina a Paolo Costa (candidato della Vincenzi allauthority di Genova e attuale presidente di Venezia) che a lei.
Ecco, questo non lo capisco. Allinizio il sindaco non mi conosceva e conosceva poco la mia idea di porto, ma io sono il massimo sostenitore del porto lungo. Da assessore regionale ho fatto entrare la Liguria in Slala, sono presidente della societ del retroporto di Alessandria. Dico una cosa, alla Vincenzi: fra poco vedr le linee guida del mio piano regolatore portuale che sar improntato allo sviluppo verso Piemonte e Pianura Padana in un disegno di lungo respiro, fino al 2030.
Condivide limpostazione del presidente Claudio Burlando di rovesciare il ragionamento, cercando prima le imprese e poi gli spazi?
S, mi sembra la strada migliore per affrontare il tema del marketing territoriale. Poi c il comitato portuale che pu essere il punto di convergenza di tutte le istanze, quelle industriali e quelle urbane.
Il presidente dei terminalisti, Beppe Costa, dice che il problema non sta nella titolarit delle decisioni, il porto o il Comune, quanto nella scelta delle funzioni da dare alle aree.
Sono daccordo anche con lui, non facciamone una questione formale, cerchiamo di dare risposte adeguate a chi chiede spazio a Genova. Costa sottolinea anche la necessit di concentrarsi sulle funzioni portuali e industriali. E giusto. Mi pare che la risposta data dagli operatori portuali, anche in questo momento di crisi, sia stata molto forte. Tutti peraltro intendono investire ancora sui moli e stanno rispondendo positivamente a un appello che io avevo lanciato proprio dalle colonne di Repubblica, quello di investire nel Carlo Felice.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news