LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tagli. La protesta di Roma
Maurizio Torretti
Terra 20/11/2010

I tagli annunciati dal governo colpirebbero in maniera decisiva l'attivit culturale e turistica della Capitale, dove tra il 2003 e il 2008 il turismo legato ai musei ha fatto registrare il 31% in pi di presenze

Un appello per la difesa dei beni culturali indirizzato alle quattro pi importanti cariche istituzionali dello Stato. La Cgil Funzione Pubblica di Roma e Lazio ha ufficializzato il suo impegno e le prossime mobilitazioni contro i tagli alla cultura previsti nella manovra finanziaria. Dati alla mano, non difficile fare una previsione di cosa potrebbe accadere con una drastica contrazione della spesa complessiva per 2800 milioni di euro nel triennio 2011-2013, con la riduzione degli investimenti per la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico archeologico e paesaggistico del 22,6 per cento. Un esempio per tutti, lo stanziamento per mostre e attivit culturali nei musei civici e controllati dai comuni passerebbe, a Roma, da 14 milioni a 2,8 milioni per il 2011. Un panorama decisamente tragico e desolante anche per le ricadute negative in termini occupazionali. La nostra iniziativa parte da Roma - sottolinea Lorenzo Mazzoli, segretario generale della Cgil F.P. di Roma e Lazio - ma con l'intento di lanciare un messaggio al resto del paese. E' impensabile proseguire con la logica dell'emergenzialit e dei commissari straordinari, o lasciare che sia la Protezione civile ad intervenire nelle sitila7ioni di degrado, si tratta soltanto di una risposta disorganica ad un problema, invece, di tipo strutturale. In particolare, a Roma e nel Lazio, tagliare i finanziamenti alla cultura (con, in aggiunta, il taglio dell'80% delle risorse ai musei comunali) significa mettere in ginocchio un'economia che strettamente collegata non solo ai siti e ai musei pi famosi, ma anche a un patrimonio diffuso che rischia di scomparire. La cultura, a Roma e nel Lazio, una ricchezza che genera sviluppo e occupazione. Si tratta di un patrimonio unico al mondo, non delocalizzabile. La sua valorizzazione non pu che partire dalla ricerca scientifica e dalla tutela, da una cura e da una manutenzione attente, per questo occorrono investimenti, un aumento delle risorse ordinarie, incalza Fiorella Puglia, segretaria regionale Cgil. Va detto che il settore della cultura impiega a Roma oltre cinquemila addetti nel Ministero per i Beni e le Attivit Culturali e una fitta rete di societ private specializzate nei servizi aggiuntivi che opera con oltre duemila addetti in siti statali e comunali con tipologie di lavoro strettamente dipendenti dall'organizzazione di mostre. Nel Lazio, tra il 2003 e il 2008, il turismo culturale ha avuto un notevole incremento ascensionale (31%) a fronte di un incremento nazionale pi ridotto (8,4%). Lappello lanciato dalla Cgil Roma e Lazio alle massime istituzioni statali, in risposta all'affondo annunciato dal governo, ha gi visto l'adesione di importanti nomi del mondo della cultura e ha raccolto adesioni in molti posti di lavoro. Questa sera, in occasione della notte dei Musei in musica, la Cgil F.P. di Roma e Lazio inizier la sua campagna di sensibilizzazione per informare i cittadini degli effetti dei tagli, con presidi presso i pi importanti musei capitolini.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news