LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Che vogliamo farne delle mura Aureliane?
Giulia Vola
Gioia 26/11/2010

Lungo i suoi 12 chilometri si incontrano transenne, filo spinato, piante che hanno messo radici, officine, depositi. Milioni di romani le costeggiano tutti i giorni, e sono talmente parte della citt che ci vuole un occhio estraneo per capire il loro inestimabile valore archeologico. Fino al prossimo crollo

Sabato mattina, il sole splende su Roma. A Piramide Cestia un turista tedesco si avvicina al cancello che custodisce alcune rovine: Is it open?., aperto, chiede alla gattara con le chiavi in mano. Only for cats, solo per i gatti, risponde lei, richiudendosi la porta alle spalle. Questa la casa dei gatti, cerca di convincerlo. Pu pagare il biglietto e vedere le rovine dall'alto. Il tedesco non capisce, gira i tacchi e se ne va. Un altro biglietto perso, commenta lei, fine della visita, addio ai soldi che il biondo avrebbe volentieri scucito pur di camminare tra millenni di storia pietrificata. La gattara si chiama Matilde Falli, sulla sessantina, ha occhi chiari e modi decisi. Ventisette anni fa trov sei cuccioli infilzati su uno spiedo e decise di fare a modo suo: Chiesi a un'amica archeologa della Soprintendenza un luogo dove prendermi cura dei gatti abbandonati e lei mi aiut a ottenere l'autorizzazione ad accedere nell'area archeologica della Piramide. Da allora ci occupiamo dei gatti e del sito. Meno male: se non ci fosse lei, le confinanti mura Aureliane avrebbero qualche mattone di meno: Di notte i vandali staccano pezzi interi, i barboni abbandonano bottiglie e i passanti scambiano il Muro per un orinatoio. La notte prima ha chiamato la Soprintendenza. Mi hanno risposto di tenere gli occhi aperti e, in caso di emergenza di chiamare i carabinicri. Qui ognuno deve fare per s. Ma prendersi cura dei gatti pi facile che occuparsi di tutte queste rovine. Arrivo a Roma in treno. Il benvenuto me lo d il tempio di Minerva Medica, un edificio che emerge dai binari ricoperto di piante, sporco, abbandonato. In realt un grande ninfeo del IV secolo, spiega Maria Rosa Patti, archeologa e, quando non scava, guida turistica, un impressionante esempio dell'architettura tardo-antica. E uno scandalo che sia conservato cos. Uscita da Termini mi metto nei panni del tedesco. Panico. Nel raggio di cento metri ci sono il Museo Nazionale Romano, la chiesa michelangiolesca di Santa Maria degli Angeli e le Terme di Diocleziano, fa notare l'archeologa, si arriva al Foro in quindici minuti a piedi. Eppure non c' nemmeno un'indicazione. Vedere per credere: la piazza piena di turisti che rigirano la mappa per capire dove andare. In Italia non manca solo la tutela ma anche la valorizzazione del patrimonio artistico. Marxiano Melotti, professore di Archeologia e Turismo all'Universit di Milano, amareggiato: E come se tutto ci non ci appartenesse, non lo valorizziamo e non lo sfruttiamo. Il danno culturale, scientifico ed economico incalcolabile. Non ammissibile che manchino le segnalazioni, che straordinari tesori siano invisitabili e altri custoditi da personale inadeguato che non apre il cancello perch a pranzo con i parenti. Stefano Ferri, archeologo e professore di storia dell'arte nei licei tira le somme amareggiato: Abbiamo un'enorme responsabilit verso l'umanit. Eppure anche gli archeologi sono abbandonati, come le rovine. Hanno stipendi da fame, fanno due o tre lavori e sono in balia dei venti della politica. I numeri, considerando i fondi europei assegnati all'Italia per il periodo 20072013, sono chiari. L'ultimo monitoraggio sulla spesa realizzata dalle regioni meridionali per le risorse culturali, ci dice che su un totale di 5,9 miliardi di curo stanziati, solo il 5,1% stato sfruttato: Un tesoro inutilizzato, commenta Romolo Augusto Staccioli, professore di Antichit Italiche alla Sapienza, mentre importanti opere d'arte attendono da anni un restauro e i musei che accusano i segni del degrado languono. La lista lunga.
In via di Porta San Lorenzo le mura Aureliane ospitano un'autocarrozzeria. Solo a Roma ci sarebbe il Torrione di via Prenestina, tra i pi grandiosi mausolei a forma di tumulo del I secolo. E la Villa Gordiani con un parco costellato di resti archeologici a rischio di crollo. E il Colombario di largo Preneste e le antiche mura Serviane della met del VI secolo avanti Cristo di notevolissimo valore storico. Nessuno in grado di spiegare il perch dell'incuria. I fatti per, sono sotto gli occhi di tutti. Come le mura Aureliane, che ogni giorno milioni di romani costeggiano a piedi, in macchina, in tram. Hanno 1.800 anni e fino al 1870 hanno difeso la citt, fa notare Stefano Ferri. Non ci pensiamo, eppure potrebbero crollare. E gi successo. Il 15 aprile 2001 cascarono venti metri, il 18 giugno 2007 si stacc un capitello in marmo, il l novembre si sbriciol un tratto alto 10 metri e largo 15, il 30 marzo 2010 alcuni mattoni sono atterrati su un'auto. Ma le mura sono lunghe, obietta Ferri, dei 19 chilometri ne sono rimasti 12,5. Furono costruite velocemente, usando anche materiale di scarto, l'incuria non ne aiuta la conservazione. Il problema che i punti a rischio sono in zone trafficate. Saliamo su un taxi e andiamo a cercarli. Da Porta Metronia passando per Porta Latina, fino a Porta San Sebastiano un susseguirsi di transenne, tubolari in ferro e fili spinati arrugginiti, cartelli gialli di pericolo sbiaditi e piante che hanno messo radice tra un mattone e l'altro. Carlo Lorenzi un romano di Roma, tutti i giorni fa mezz'ora di corsa costeggiando il percorso. Non ha paura dei crolli? Sto attento e le tengo d'occhio. E non le dispiace che nessuno si occupi delle Mura? Mi dispiace di pi che ci siano privilegiati che si sono fatti i giardini pensili all'interno delle torrette all'altezza di santa Bibiana, pagando due lire di affitto. Non va meglio a Porta Maggiore, dove un tratto di acquedotti romani inglobato nelle Aureliane deve convivere con il capolinea dei mezzi pubblici: Le vibrazioni dei tram sono pericolose per la solidit degli edifici, soprattutto se assemblati in epoche diverse, sottolinea Ferri. I crolli avvengono pi facilmente in concomitanza di modifiche architettoniche. In questo caso avremmo il due per uno. Giorgio Bacconi, romano della Garbatella, aspetta il tram. Interrogato, fa spallucce: Nessuna meraviglia: a viale Carlo Felice alle mura s'appoggiava un deposito dell'Atac; a via Castro Pretorio un deposito dell'Ama, l'azienda dei rifiuti. E dentro Porta Tiburtina ci sta un'officina. Creda a me: Aureliano si rivolta nell'avello. Nella tomba. C' da credergli e da preoccuparsi. Interrogato alla Camera su Pompei, il Ministro della Cultura Sandro Bondi ha dichiarato che nuovi crolli non si possono escludere. Intervistato da La Stampa, l'ex ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli stupito che con i tagli non ci sia un crollo al giorno. Inaugurando il tempio di Venere e Roma - inaccessibile da trent'anni - il sottosegretario ai Beni culturali Francesco Giro ha dichiarato che i crolli ci sono e ci saranno, e contarli puerile. Patrizio Pensabene, ordinario di Archeologia classica alla Sapienza, rimanda la battuta al mittente e tocca il tasto dolente: E puerile sottovalutare il pericolo: un miracolo se non sono morto con i miei allievi sotto il crollo della Domus Aurea. Fino a una settimana prima eravamo l a scavare. E allora, se lo Stato non ce la fa, ben venga il federalismo demaniale: Il Colosseo incassa 43 milioni l'anno ma da 30 aspetta un restauro, dice Staccioli. I soldi si perdono in mille rivoli e le decisioni in centinaia di uffici. Per ovviare alla mancanza di personale il professore ha proposto di arruolare i cittadini e gli immigrati che bivaccano intorno alle mura, perch il primo gesto parte dal basso. Gli hanno risposto picche. Idem all'incursione dei privati. Il professor Pensabene un sospetto ce l'ha: Perch i privati fanno la corsa a finanziare mostre e collezioni museali ma si tirano indietro quando si tratta di territorio? L'imprenditoria teme che l'archeologia blocchi la speculazione edilizia e viceversa. II risultato l'immobilismo o, peggio, la perdita di una villa antica per un supermercato in pi. L'importante, sottolinea Pensabene, che ci sia conoscenza: senza, non pu esserci tutela. Antonio Insalaco, curatore archeologo presso la Sovrintendenza ai Beni Culturali, un esempio di restauro che non costato un soldo allo Stato ce l'ha: il vicus Capriarius, alias la Citt dell'Acqua, un vasto complesso di et imperiale riportato alla luce tra il 1999 e il 2001 con la disponibilit del gruppo Cremonini. Il sito visitabile, i biglietti si vendono e i turisti sono entusiasti. Insomma, se come ha ribadito il ministro dell'Economia Giulio'I'remonti, gli italiani non mangiano cultura, chi la cultura la fa, nutrendo il cervello di chi la fruisce, deve poter lavorare e mangiare. E allora, si chiede provocatoria l'archeologa Maria Rosa Patti, se vero che con la cultura non si mangia, con i soldi delle mie tasse ci mangio io. Forse messa cos suona diversamente, e qualcuno inizia a prenderci sul serio.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news