LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vendere il Colosseo? Lo avrebbe fatto anche Sant'Agostino
Armando Plebe
10-OTT-2004 Libero Quotidiano


LA proposta del leghista Pagliarini, che lo Stato venda il Colosseo per rinsanguare le sue finanze è stata accolta da un'ondata di sdegno.

L'unica eccezione è stata, su Libero di ieri, l'articolo di Alberto Mingardi che riconduce la proposta alla sua effettiva realtà: si tratterebbe di fare quello che negli Stati Uniti è una prassi abituale, che cioè la tutela dei musei venga affidata all'iniziativa imprenditoriale, che spesso è in grado di garantirne una migliore gestione: molti tesori, se lasciati all'amministrazione dello Stato, resterebbero ad ammuffire nei sotterranei.

Ma questa giusta reazione di Libero si scontra con la retorica dell'orgoglio patrimoniale, secondo cui il Colosseo sarebbe un simbolo intoccabile. Veltroni, quasi fosse l'ottavo re di Roma, si è affrettato a esclamare che si è ai confini della decenza.
Dal canto suo Storace ha bollato l'iniziativa come una "goliardata stupida", mentre altri hanno chiesto a Pagliarmi perché non propone allora di vendere il duomo di Milano.

Vorrei aggiungere una considerazione sostanziale all'ineccepibile difesa tecnica compiuta da Libero.
Il Colosseo è certamente una delle massime glorie artistiche italiane, ma quale simbolo architettonico non è affatto il vessillo di ideali elevati. Chi conosce le Confessioni di sant'Agostino non ignora la sua appassionata requisitoria contro gli spettacoli di cui il Colosseo era teatro.
Altro che duomo di Milano! Quest'ultimo è sempre stato un luogo di culto, mentre il Colosseo, mirabile opera d'arte, è stato però l'ospite di alcune tra le consuetudini più sanguinarie del mondo antico.
In realtà occorre distinguere il piano concreto della difesa del patrimonio artistico da quello fumoso dell'orgoglio ideologico.
Ai fini della difesa delle opere d arte ha ragione Mingardi: esse possono trovare maggiori garanzie di tutela da parte di un privato che disponga di mezzi adeguati che non da parte dello Stato.
Quanto invece all'orgoglio ideologico, difendere il Colosseo come simbolo di civiltà sarebbe come difendere la pittura di una scena di guerra come simbolo della pace.
Naturalmente non accadrà mai che lo Stato venda davvero il Colosseo. Ciò non toglie che la proposta, lungi dall'essere obbrobriosa, rientri nella logica della tutela dei musei quale ormai si va affermando nel resto del mondo.
Sant'Agostino racconta che un suo allievo, Alipio, fu trascinato da alcuni amici ad assistere a uno spettacolo del Colosseo. Ne uscì "ebbro di sanguinaria voluttà". L'indomani certamente il santo filosofo non si sarebbe scandalizzato di sottrarre all'insegna del potere di Roma quel palcoscenico dell'orrore. •



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news