LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - BENI ARCHEOLOGICI: Il villaggio olimpico di duemila anni fa
Paola Perez
Il Mattino, Sabato 9 Ottobre 2004



--------------------------------------------------------------------------------
Nuove scoperte illuminano gli scavi archeologici nel cantiere del metr, in piazza Nicola Amore.

Sul lato mare, proprio di fronte al tempio di et imperiale, venuto alla luce portico composto da un muro di fondo, in reticolato e laterizi, e da un basamento per le colonne.

Lungo le pareti, una serie di lastre di marmo - alcune conservate quasi integralmente, altre in frammenti - che portano impressi lunghi elenchi di nomi: sono le liste dei vincitori delle Isolimpiadi o Sebast, i giochi che dal primo secolo dopo Cristo vennero organizzati a Napoli per celebrare il culto di Augusto.

Per ogni anno di competizione una lapide-ricordo scritta in greco, suddivisa per categorie (uomini, ragazzi, fanciulle) e per specialit sportive (corsa, corsa armata, pancrazio).

Su qualche lastra rimasto impresso anche il nome dellimperatore, cosa che consente di datare il reperto con precisione quasi assoluta.

Fino a questo momento gli archeologi sono riusciti a ripescare le testimonianze dei giochi disputati ai tempi della dinastia flavia, tra lanno 69 e lanno 96, quando il dominio del mondo romano era affidato alle cure di Vespasiano, Domiziano e Tito, ma non escluso - anzi, altamente probabile - che se ne possano ritrovare di pi antichi.

Pi che una sorpresa, una conferma.

La conferma che il tempio gi venuto alla luce faceva certamente parte di un vasto complesso sportivo e che in linea teorica, prolungando lo scavo in direzione Museo da un lato e in direzione piazza Mercato dallaltra, sarebbe possibile localizzare anche gli altri impianti usati dagli atleti, dal gymnasium allippodromo.

Il portico era usato come luogo dincontro - spiega il sopritendente Stefano De Caro - ma anche, e soprattutto, come punto dosservazione delle gare. Visto che il muro chiude la struttura sul lato mare e che le colonne si affacciano sul versante opposto, ipotizzabile che pi in fondo, tra il portico e il tempio, corresse una pista rettilinea per latletica. Una pista che corrisponderebbe in tutto o in parte allattuale corso Umberto.

Limportanza delle lastre ritrovate sulle pareti, spiega ancora il soprintendente, sta nel loro stato di conservazione.

Altri esemplari ritrovati sul finire dell800, durante i lavori del Risanamento, sono esposti nella sezione Epigrafi del museo archeologico.

Perch, a quellepoca, non furono ritrovate tracce del complesso che oggi sta emergendo dal cantiere del metr?


E chi ha mai detto che non furono ritrovate? - prosegue De Caro - un secolo fa le tecniche erano diverse e non consentivano, probabilmente, di approfondire la scoperta. Ma cera anche la superiore necessit di abbattere e ricostruire il centro storico dopo una tragica epidemia di colera.


Tra gli esperti che hanno esaminato da vicino gli ultimi tesori del cantiere la professoressa Elena Miranda, docente di storia greca alla Federico II e profonda conoscitrice dellantica Neapolis.

Sette mesi fa, in unintervista al nostro giornale, illustrava cos la sua tesi sugli scavi di piazza Nicola Amore: ipotizzabile che tutta la cittadella olimpica sia conservata sotto gli strati di urbanizzazione successiva. Parliamo di unarea molto vasta, tra il Museo e Porta Nolana. Ledificio venuto alla luce nella stazione del metr potrebbe essere il tempio dedicato allimperatore. A poca distanza dovrebbero esserci il gymnasium, verso piazza Mercato lippodromo.
Una prima conferma arriva dalle lastre di marmo con i nomi degli atleti, spaccato darte e di storia che torna davanti i nostri occhi mentre corriamo verso il futuro della mobilit urbana.


--------------------------------------------------------------------------------
I giochi augustali: concorsi ippici
teatro e musica

Isola di cultura greca nel cuore dellimpero romano, Napoli era lunica citt dOccidente nella quale fosse consentito il culto del principe, largamente diffuso nelle province dOriente e espressamente vietato da Ottaviano nellaltra met del dominio.

Per questo motivo ospitava i giochi augustali e, per ospitarli degnamente, si era dotata di un quartiere completamente dedicato allo sport.

Il regolamento della gara era depositato a Olimpia.

Nel programma trovavano spazio diverse discipline - atletica leggera , atletica pesante, concorsi ippici - ma anche competizioni di poesia, teatro e musica. E tuttintorno si snodava la grande festa popolare e religiosa, con processioni e sacrifici di buoi.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news