LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Falsi miti mistificazioni e veri obiettivi del Pgt
La Repubblica 29-10-10, pagina 15 sezione MILANO





Pubblichiamo la lettera aperta di cinque docenti di Politecnico e Universit Cattolica (Andrea Arcidiacono, Paolo Galuzzi, Laura Pogliani, Giorgio Vitillo e Stefano Pareglio) sul Pgt del Comune di Milano. CARO direttore, l' intensa attivit edilizia degli ultimi anni ha peggiorato la qualit della vita a Milano. Inquinamento dell' aria, scarsit di verde, mancanza di adeguati spazi pubblici, carenze nel trasporto pubblico e ridotta integrazione sociale sono sotto gli occhi di tutti. Ci nonostante, il Pgt adottato a luglio rinuncia a governare le future trasformazioni, anzi: afferma di non voler essere un piano. Non stupisce dunque la vaghezza delle previsioni insediative, l' assenza di una prospettiva metropolitana, il disimpegno rispetto ai grandi interventi in corso (molti dei quali in difficolt)o l' evanescente regia sulle nuove e cospicue trasformazioni messe in campo. N STUPISCE l' ossessiva volont di cancellare ogni vincolo: in un sol colpo, vengono abbattuti i limiti massimi di edificazione, il controllo morfologico e tipologico, la dotazione minima di standard e le destinazioni d' uso. Tutto questo furore innovativo, per ottenere che cosa? semplice da intuire. Prima per bisogna superare la retorica liberista che ammanta il Pgt e la mistificazione che lo puntella, e che narra di raggi verdi e di suolo liberato e, pi ancora, di 5 nuove linee metropolitane, del prolungamento delle 3 linee esistenti e del secondo Passante ferroviario. Opere che dipendono quasi integralmente da finanziamenti nazionali (indisponibili) o da un nebuloso project financing (nel caso del tunnel stradale ambiguamente congelato). Accantonati i falsi miti, rimangono i veri obiettivi del Pgt. Che sono tre. Primo: un' ulteriore densificazione volumetrica della parte centrale della citt, che gi tra le pi dense al mondo, una vera e propria citt di pietra. Secondo: la generazione di nuovi diritti volumetrici attraverso un meccanismo di perequazione che finir per penalizzare sia le aree di origine (il Parco Sud), sia quelle di destinazione (come gli scali ferroviari, le caserme, San Vittore o la Bovisa). Alle prime vengono attribuite volumetrie non necessarie, non essendoci alcun progetto dopo l' eventuale acquisizione al demanio pubblico. Sulle seconde vengono recapitati oltre 10 milioni di metri quadrati di nuova superficie: una quantit abnorme, se si pensa che a Milano negli ultimi 15 anni si sono programmati e costruiti tra i 5 e i 6 milioni di metri quadrati e che nella citt esistente il nuovo Pgt mette in gioco altri 30 milioni di metri quadrati, indifferenti alla storia dei tessuti urbani e alle esigenze dei cittadini. Sulla regolazione di questi nuovi diritti non si deciso nulla, se non che verranno gestiti da un' imprecisata borsa. Di certo, convertiti in strumenti finanziari, miglioreranno le condizioni patrimoniali di pochissimi soggetti, ma graveranno per decenni sulla citt e sul suo opaco mercato immobiliare, condizionando ogni prospettiva di ordinato sviluppo urbanistico. Terzo: la pratica dei Pii, che ha portato alle note vicende di Santa Giulia, Citylife o Garibaldi-Repubblica, assurge a regola generale. Il nuovo Pgt attribuisce all' amministrazione il compito di negoziare con i privati, caso per caso, l' attuazione delle trasformazioni. Il negoziato si svolger per senza rete, perch non sono stati fissati i requisiti minimi di convivenza urbanistica, a partire dalla manutenzione della citt pubblica esistente. Non solo: in nome della sussidiariet orizzontale, il Pgt stabilisce dettagliate modalit di accreditamento per i soggetti privati che erogano servizi di interesse pubblico, ai quali attribuisce anche crediti volumetrici. Dunque, invece di tutelare i servizi pubblici che arrancano, l' amministrazione si attribuisce il compito (improprio) di selezionare l' ingresso degli operatori sul mercato e di determinare le condizioni per l' esercizio dell' attivit di impresa. Altro che liberismo. Fino a met novembre possibile proporre osservazioni al Pgt. Non crediamo che, se sar approvato, il Pgt sar molto diverso da quello adottato a luglio. Vogliamo per dire che cosa, per noi, irrinunciabile: definire chiare regole di scambio pubblico-privato; programmare le trasformazioni nel tempo, associandole a un progetto infrastrutturale e sociale fattibile, precisando l' offerta di servizi pubblici; rimettere in circolo le volumetrie inutilizzate, rendendo pi aderenti al mercato le previsioni di nuova edificazione; annullare i diritti edificatori nelle aree del Parco Sud; ripristinare un progetto sugli usi e sulle densit; focalizzare le poche risorse disponibili sull' edilizia sociale da destinare all' affitto. la nostra proposta per restituire senso, utilit e dignit al Pgt di Milano. Andrea Arcidiacono, Paolo Galuzzi, Laura Pogliani, Giorgio Vitillo (Politecnico di Milano), Stefano Pareglio (Universit Cattolica del Sacro Cuore)



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news