LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Assalto al "tesoretto" di Tremonti
Michele Lombardi
Secolo XIX 27/10/2010

Ci sono 7 miliardi, caccia grossa dei ministri

ROMA. Dalle carte del decreto dello sviluppo spunta un tesoretto da sette miliardi. Ed alla Camera, cos come nel consiglio dei ministri, scatta subito l'assalto alla diligenza. Sottoposto al pressing di Silvio Berlusconi, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti si convinto ad anticipare i tempi del "decreto per lo sviluppo", che dai primi calcoli vale 7 miliardi ed era atteso per la fine dell'anno. Il decreto annunciato sar presentato a novembre. Il provvedimento si pu considerare politicamente collegato alla manovra, ha spiegato ieri Marco Milanese, relatore della legge di stabilit in commissione Bilancio alla Camera. La legge di stabilit non consente grandi modifiche come accadeva con la vecchia Finanziaria e in pi sar blindata con la fiducia: il risultato che tutti i ministri finiti sotto la scure di Tremonti, stanno affilando le armi per trovare spazio nel decreto in arrivo a met novembre per finanziare il quale ieri sera si parlava addirittura di un nuovo scudo fiscale odi un condono legato al catasto. In ogni caso, quella di novembre sar l'ultima "diligenza" disponibile per non rimanere a secco con i budget di spesa dell'anno prossimo, falcidiati per 12 miliardi dalla legge di stabilit. E cos, prima ancora di mettere mano al decreto, il titolare del Tesoro si ritrovato sulla scrivania una lunga lista di richieste ministeriali, alle quali si accoderanno maggioranza e opposizione. In prima linea c' il ministro Mariastella Gelmini, che si aspetta di ricevere i primi 800 milioni per la riforma dell'Universit, finita su un binario morto perch priva di copertura. Al portone di via XX Settembre ha bussato anche il ministro Maurizio Sacconi, che chiede 700 milioni per pagare gli ammortizzatori sociali anti-crisi. Per non chiudere i parchi, la titolare dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo ha bisogno di almeno 100 milioni. E in fila c' anche Sandro Bondi, che vuole rimettere in circolo i 150 milioni del Fus, il Fondo unico per lo spettacolo, e in pi sta chiedendo sgravi fiscali per altri 100 milioni l'anno per tre anni. Da quando stato nominato, il ministro dello Sviluppo Paolo Romani ha puntato tutto sulla banda larga (un suo cavallo di battaglia), per la quale sono stati stanziati 800 milioni mai erogati da Tremonti. Ma ora Romani passa all'incasso, potendo disporre di una moneta di scambio pesante: sui 7 miliardi del decreto messo in cantiere almeno 3 miliardi ce li dovr mettere lui, impegnandosi a vendere le frequenze digitali tv (gli altri 4 miliardi si ottengono con la rimodulazione di spese e nuove entrate, senza escludere qualche sanatoria). Romani inoltre deciso a ottenere la proroga del bonus fiscale del 55 per cento per le ristrutturazioni degli edifici realizzate per risparmiare energia. L'elenco delle richieste destinato ad allungarsi, tanto da riuscire a prosciugare le risorse disponibili prima ancora che il decreto arrivi in Consiglio dei ministri. Anche perch c' un piccolo problema che rischia di frenare la corsa per accaparrarsi un posto sull'ultimo treno del Tesoro in partenza nel 2010: lo stesso decreto dovrebbe servire a finanziare almeno 5 miliardi di spese considerate inderogabili come le missioni internazionali, gli sgravi per l'autotrasporto e altre agevolazioni di solito inserite nel decretone "Milleproroghe" di fine anno. E gi lotta all'arma bianca per assicurarsi quello che resta dei fondi disponibili. Ma ieri sera alla Camera prendeva quota un'altra ipotesi: quella di due decreti distinti, uno da 7 miliardi legato alla manovra e l'altro, il "classico" decreto di Natale, da circa 3 miliardi per un totale quindi di 10 miliardi da gestire entro la fine dell'anno. Il Pd gi in rivolta: Se c' un decreto in arrivo, lo presentino subito altrimenti alla Camera perderemo 15 giorni in discussioni inutili sulla legge di stabilit, ha detto al Secolo XlX Pier Paolo Baretta. E c' un dubbio che si fa strada: per trovare una parte dei 10 miliardi in ballo il Tesoro potrebbe essere tentato di riattivare lo scudo fiscale o ricorrere a qualche condono, legandolo magari al rinnovo del catasto previsto dalla manovra di luglio.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news