LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Scajola e i furbetti del porticciolo
MARCO PREVE
La Repubblica 23-10-10, pagina 1 sezione GENOVA

IMPERIA - I lavori per il porto in cambio del sostegno ad Alitalia. E' un' ipotesi inquietante quella a cui sta lavorando la procura di Imperia: uno "scambio di cortesie" economico istituzionali che nasconderebbe, per, una serie di comportamenti illeciti al punto da far scattare l' accusa di associazione a delinquere per l' ex ministro Claudio Scajola e il costruttore Francesco Bellavista Caltagirone. Al centro della vicenda c' quello che nelle intenzioni doveva essere il porto pi grande del Mediterraneo che adesso rischia addirittura di finire sotto sequestro. Ma il Pdl imperiese oggi scende in "passeggiata" per protestare contro la magistratura. MARCO PREVE IMPERIA - Questa storia inizia a met del 2005 quando l' allora ministro delle Attivit Produttive Claudio Scajola, secondo i pm Maria Antonia Di Lazzaro e Alessandro Bogliolo, avrebbe favorito l' ingresso, nella societ che doveva costruire il nuovo porto di Imperia, del costruttore romano Francesco Bellavista Caltagirone ricevendone in cambio, tre anni dopo, il sostegno nell' operazione di salvataggio di Alitalia attraverso la famosa cordata di imprenditori. E' uno dei retroscena dell' inchiesta della procura di Imperia che vede indagati Scajola e Caltagirone, per associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d' asta, ed in particolare con l' accusa di aver violato le norme della legge Merloni che regola gli appalti pubblici. Indagati anche il presidente della Porto di Imperia ed ex segretario generale del comune Paolo Calzia, e l' amministratore delegato e direttore generale della stessa societ Carlo Conti, fedelissimo di Scajola che pochi mesi fa lo indic come nuovo amministratore delegato nel corso di una riunione nella villa in collina del parlamentare. L' inchiesta coordinata dal pm Di Lazzaro e affidata alla sezione imperiese della Polizia Postale, di recente affiancata dai finanzieri del comando provinciale, ha fatto registrare una svolta due giorni fa con i sequestri di documenti nelle sedi imperiesi e romane delle societ di Caltagirone. L' indagine si suddivide in vari filoni ma quello principale riguarda un "organo vitale" dell' operazione: la concessione, e quindi la compagine societaria e una girandola di affidamenti e appalti. A questo nucleo centrale si affiancano altri fascicoli: ambientali e soprattutto urbanistici, legati ad un capannone sul quale pende l' ipotesi di abuso edilizio a seguito di una perizia inequivocabile nelle sue conclusioni. Ma veniamo al cuore dell' indagine. Si parte dai primi anni del 2000 quando il Comune, in base al cosiddetto decreto Burlando sulla nautica da diporto, decide di realizzare un nuovo portoe individua dei soggetti privati con cui avviare l' iniziativa. Nel 2005 la Porto di Imperia costituita dal Comune al 48% e da imprenditori locali al 52%. Il 29 luglioi privati cedono un 4% che consente l' ingresso di Acquamarcia di Bellavista Caltagirone e subito dopo una ricapitalizzazione che suddivide la Porto di Imperia in tre azionisti con il 33%, Comune, imprenditori locali (Imperia Svilupppo) e Acquamare di Caltagirone. Ed qui che secondo la procura, sia nelle procedure che nei retroscena politici, avviene la prima forzatura sotto la regia, sempre l' ipotesi accusatoria tutta da dimostrare, di Claudio Scajola. Ma anche i passaggi successivi sono nel mirino: Acquamare che diventa contraente dell' opera, quindi dovrebbe realizzarla in cambio di un 70% della struttura secondo quanto previsto da un contratto di permuta, e invece ecco un successivo subappalto alla societ Peschiera Edilizia (sempre legata ad Acquamarcia) che a sua volta assegna i lavori ad altre due imprese la Sielt e la Euroappalti. La prima parte di queste operazioni erano state oggetto di un dettagliato esposto da parte dell' opposizione consigliare all' Autorit per la Vigilanza sui Lavori Pubblici. Nella sua risposta del giugno 2006, l' Autorithy non rilevava violazioni seppur con motivazioni non tombali. Specie per quello che era ed il nodo fondamentale da sciogliere: solo perch gli imprenditori hanno finanziato l' operazione si pu parlare di intervento privato e quindi ritenere legittimi gli atti contestati? Oppure, come sostenevanoi consiglieri del Pd, di Rifondazione e dei Verdi, il patrimonio e i beni portati in dote dal Comune rappresentavano un inequivocabile impegno economico anche della parte pubblica? Domande che tornano alla ribalta oggi. E che potrebbero trovare clamorose conferme in due procedure parallele: da un lato, se la procura ritiene che la compagine societaria sia frutto di interferenze politiche, potrebbe decidere di chiedere il sequestro del porto o comunque delle quote azionarie che lo controllano. Dall' altro, la Commissione regionale di verifica e collaudo che con la Porto di Imperia spa gi entrata in collisione dopo aver inutilmente richiesto ragione della moltiplicazione dei costi, potrebbe velocizzare la pratica di revoca della concessione demaniale.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news