LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

EMPOLI. Chiude oggi la mostra nellex convento degli Agostiniani. La verit sullanfora.
PAOLO SANTINI
DOMENICA, 24 OTTOBRE 2010 IL TIRRENO Empoli

Successo del convegno dedicato al contenitore


Il pi grande convegno di archeologia, tenutosi a Empoli, ha chiuso i battenti ed tempo di stilare i primi bilanci. Una partecipazione di pubblico specializzato, da far invidia anche ai pi blasonati convegni universitari, ha fatto da cornice alla tre giorni empolese, incentrata su un unico tema conduttore ma con varie e altrettanto importanti divagazioni. Il tema centrale stato ovviamente lanfora di Empoli, il contenitore vinario, di cui molto si era parlato negli ultimi trentanni, ma sapendone poco.
Il convegno servito a fare il punto della situazione sulle conoscenze intorno allanfora empolese. E stato un prezioso momento di confronto di livello internazionale tra gli studiosi. Un elemento emerso, in pi dun intervento, la vicinanza della tipologia di anfora detta di Empoli con la cugina pi prossima, lanfora di Spello. Con ogni probabilit, nel Valdarno, sono state prodotte sia luna sia laltra, anche se allo stato attuale negli scavi empolesi sono state rinvenuti scarti di fornace riferibili esclusivamente al tipo anforico di Empoli.
Dalla fine del II secolo d.C. fino al VI secolo, a Empoli, veniva dunque prodotto su larga scala questo particolare contenitore vinario, dal corpo piriforme ristretto verso la base, alto circa cinquanta centimetri (quindi piuttosto piccolo), con orlo ad anello ingrossato e arrotondato e anse a nastro di profilo quadrangolare, dalla capacit di circa 18-20 litri.
Si tratta di unanfora ritrovata per la prima volta - spiega la dottoressa Lorella Alderighi, funzionaria della soprintendenza archeologica - negli anni Settanta del Novecento a Ostia, e allinizio era stato denominato tipo Ostia IV. Successivamente, negli anni Ottanta, prima ad Avane e poi negli scavi sotto la gioielleria Pratesi e in altre zone del centro storico di Empoli, vennero alla luce frammenti dello stesso tipo anforico e, circostanza decisiva, numerosi scarti di fornace.
Furono riconosciuti come identici a quelli ostiensi e da allora lanfora stata denominata, in virt del luogo di produzione, anfora di Empoli.
Il contenitore serviva a trasportare il vino prodotto in queste zone anche in epoche, come quella tardo imperiale, in cui la produzione delle aree intorno era destinata soltanto allautoconsumo. Nella mostra che chiude oggi nellex convento degli Agostiniani, si possono ammirare le anfore di Empoli provenienti dai vari scavi dei contesti cittadini, dagli scavi delle necropoli scandiccesi e dalle navi romane di Pisa.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news