LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - Eolico e fotovoltaico Pronte le linee guida
di Giuseppe Armenise
23 Ottobre 2010





Troppo fotovoltaico, troppo eolico. Fotovoltaico mai troppo, eolico mai troppo. Chi ha ragione? Fino a ieri la questione poteva essere oggetto di libera interpretazione. Salvo interventi della magistratura amministrativa chiamata, come spesso accade, a porre principi legislativi per via giudiziaria. Dal 19 settembre, dopo 7 anni di attesa, ci sono invece le linee guida nazionali, le quali a loro volta rimandano alla regolamentazione regionale la fissazione di criteri di esclusione. Entro il 19 dicembre, insomma, la regione Puglia, come tutte le regioni italiane, dovr fissare le aree di pregio (agricolo, naturalistico, storico, architettonico, archeologico) in cui vigeranno specifici divieti per tipologia di impianto proposto. Ma credo - spiega lassessore regionale allAssetto del territorio, Angela Barbanente - che in Puglia potremmo essere pronti gi entro la prima settimana di novembre.

Assessore Barbanente, la Corte costituzionale ha bocciato tempo fa alcune parti della legge regionale pugliese che disciplinava il settore delle energie alternative. Con le linee guida nazionali quelle norme rivivono?

In effetti, la parte del provvedimento che riguarda le aree inidonee ricorda largamente la legge 31 del 2008 con la quale, quasi tre anni fa, avevamo provato a limitare linflazione di impianti a terra su suolo agricolo in aree tutelate dal punto di vista paesaggistico.

C per chi filosofeggia sul fatto che una differenza c: i divieti a priori ora vanno dettagliati.

E noi infatti argomentiamo in maniera robusta la ragione per cui una certa tipologia di impianto non compatibile con unarea protetta, laddove ci sia un rilievo storico-artistico, unarea di pregio o anche un angolo visuale. Ormai, gli uffici del mio assessorato che si occupano di paesaggio hanno approntato pi di 100 schede. Per ogni ambito perimetrato ci sono specifiche motivazioni di esclusione.

Questo vuol dire che, proponendo impianti sufficientemente al largo dalle aree esplicitamente incompatibili, il settore delle energie alternative potr continuare allinfinito ad aumentare la potenza installata in Puglia?

C un unico punto, nelle linee guida nazionali, in cui si parla di quote e si dice che le regioni approvano, quanto alla diffusione di impianti ad energie rinnovabili, un atto di programmazione congruente con la quota minima della produzione di energia assegnata. Per, si dice anche, in attesa dellemanazione del decreto che deve assegnare le quote, le regioni possono individuare aree non idonee senza procedere alla contestuale programmazione. In questo momento il decreto non c e quindi non sappiamo neanche quale sia la quota minima assegnata alla Puglia, che comunque sospetto sia stata gi superata. Resta il fatto che si parla di quota minima assegnata, mai di un tetto oltre il quale non andare.

Che accade nelle aree protette come parchi nazionali o regionali?

Si potranno fare solo impianti con scambio sul posto, quindi per autoconsumo, non impianti industriali.

Prendiamo unarea dove ci siano altri impianti: sar valutato limpatto cumulativo?

Nelle linee guida si parla della possibilit di individuare aree ad elevata concentrazione. Per, se posso dire, gli impatti cumulativi si dovrebbero studiare in fase di Valutazione di impatto ambientale. Daltronde, sin dalla direttiva Cee, uno dei punti cardine delle valutazioni dimpatto ambientale, insieme alla valutazione delle alternative localizzative, che per nessuno fa, proprio la valutazione degli impatti cumulativi.

E le cosiddette fasce di rispetto da siti di pregio e aree protette: le distanze saranno calcolate in via del tutto aleatoria come avviene oggi?

Innanzi tutto, grazie al gran lavoro fatto per il piano paesaggistico, oggi in Puglia siamo in grado di perimetrare anche le aree di rispetto. Ma le prevede gi il Putt. Grazie alla tecnologia gis siamo in grado di cliccare un punto e avere subito, su una cartina, la distanza di 100-150 metri di cui consiste qualsiasi fascia di rispetto.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=376990&IDCategoria=11


news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news