LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Addio 6x3: i cartelloni non saranno pi maxi
Mauro Evangelisti
Il Messaggero - cronaca di Roma 1/10/2004

Addio ai maxicartelloni che oscurano l'orizzonte, multe anche alle societ pubblicizzate se si affidano a installazioni abusive. Ecco le le ultime dal Campidoglio contro "affissione selvaggia".
Spesso sono la prima cosa che salta agli occhi quando guidi o semplicemente passeggi sulle strade di Roma. Sono i cartelloni, enormi, larghi sei metri e alti tre. In totale, secondo i calcoli del Campidoglio, in tutto il territorio sono 6.676 e fanno parte del grande pentolone - apparentemente incontrollabile fino a tre anni - dei 60 mila cartelloni seminati nella citt. L'assessorato al Commercio, diretto da Daniela Valentini, si messa al lavoro, ha completato il censimento e ha scoperto che i regolari sono solo 18 mila. Altrettanti, negli ultimi anni sono stati demoliti. Ora si sta compiendo il nuovo passo: convertire i 6.676 maxi-cartelloni, in cartelloni dall'impatto meno forte. In pratica: tutti i 6 per 3, dovranno diventare 4 per 3. Lo ha annunciato ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa, la stessa Valentini, che ha spiegato le varie tappe dell'operazione (che coinvolge anche i 6 per 3 di propriet del. Comune, che sono in totale 236): dal 25 novembre si parte nei municipi I, II, III, VI, IX, XVII, per un totale di 906 impianti che dovranno essere modificati entro il 31 dicembre. Le altre tappe, che riguardano via via, tutti i municipi, si svilupperanno fino al 30 giugno 2005 quando a Roma, se le promesse e le premesse saranno mantenute, non ci sar pi nessun 6 per 3.
In questa operazione che vuole riportare serenit in un settore in passato interessato da casi clamorosi di illegalit, di cui si occupata pesantemente anche la procura della Repubblica, ci sono poi altri tasselli che stanno per essere rimessi posto. Il primo: sul sito Internet del Comune, gradualmente, viene pubblicizzato non pi solo l'elenco degli illegali, ma al contrario quello delle societ e dei cartelloni in regola. Esaminando le relative coordinate, il semplice cittadino o anche i vigile urbano che deve fare i controlli in grado di capire se il cartellone pubblicitario che ha di fronte regolare o meno. Il secondo: entro il 20 ottobre le imprese che lavorano nel settore devono presentare un progetto di "impianti tipo", che dovr essere approvato dall'Ufficio tecnico del servizio affissioni. Addio tubi e impalcature, sar necessario attenersi ad alcuni criteri di tipo strutturale (per esempio gli elementi verticali non potranno essere pi di due), costruttivo (esclusi legno, lamiere, vetroresina e plastica, i materiali dovranno essere ecompatibili). Il terzo: le societ pubblicitarie, per ottenere l'autorizzazione, devono comunque dimostrare di avere demolito eventuali cartelloni abusivi di propriet, ma soprattutto di avere pagato eventuali pendenze arretrate. Questo consentir, secondo i calcoli del Campidoglio, di recuperare una cifra compresa fra i sette e gli otto milioni di euro. Tutto questo avviene - ricorda l'assessore Valentini- mentre il consiglio comunale si appresta ad approvare il regolamento generale. Intanto, voglio sottolinearlo, continua a ritmi sostenuti la demolizione degli abusivi. E diversamente dal passato vinciamo tutti gli eventuali ricorsi al Tar presentati dalle ditte.
Ultimo punto: le sanzioni. La societ di pubblicit proprietaria del cartellone abusivo, deve farsi carico delle spese dell'operazione di rimozione. Ma c' una novit in pi: anche la societ pubblicizzata viene chiamata a pagare una sanzione di 1.300 euro. Per chi deve pubblicizzare il proprio marchio, diventa cos utile consultare l'elenco dei "cartelloni legali" su Internet.


Nuove regole per le immagini sui monumenti
E i teloni pubblicitari che ricoprono i monumenti durante i lavori di restauro?
Ieri mattina l'assessore Daniela Valentini ha affrontato anche questo tema: la linea su cui si continua a lavorare quella di rafforzare il dialogo con le grandi societ che in cambio della pubblicit contribuiscono economicamente agli interventi. In particolare, per le piazze di pregio le integrazioni apportate dalla giunta alla delibera, prevedono che il messaggio e l'immagine debbano essere presentati preventivamente al vaglio del Campidoglio e della sovrintendenza.
Eviteremo cos immagini inadatte ad apparire nei luoghi pi belli di Roma - spiega l'assessore al Commercio, Daniela Valentini - Anche se necessaria una buona dose di flessibilit in questa materia. Il centro storico di Roma non paragonabile a quello d'altre grandi citt, abbiamo un ricco patrimonio da conservare. E questo richiede ingenti risorse finanziarie. Non c' niente di male nel ricorrere anche alla pubblicit per ottenere questo obiettivo. Serve flessibilit, tutelando, per, anche l'immagine del nostro centro storico.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news