LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cinecitt, addio grande cinema. Cemento al posto degli studios
Gabriella Gallozzi
LUnit 5/10/2010

La dismissione. L'Ente in crisi per fare cassa punta alla costruzione di alberghi e un centro benessere
Intanto non lavorano pi gli artigiani delle scenografie e sono state chiuse le officine Cinecitt di cemento: via il cinema, arrivano i costruttori. un vecchio progetto che torna in auge al momento della crisi. Costruire un albergo, un centro benessere e un parcheggio nell'ultima area edificabile degli storici Studios. L'allarme di sindacati e categorie.

Un tempo era la fabbrica dei sogni. Da tempo ormai la fabbrica dei sogni televisivi, Mediaset soprattutto, con De Filippi e Grande Fratello in testa. E tra poco, agli spazi ancora destinati al poco cinema che resta, si aggiungeranno un albergo, un centro fitness, un ristorante e pure un parcheggio sotterraneo su due piani. la cementificazione di Cinecitt, come qualcuno l'ha gi definita, ventilata da qualche anno, temuta e discussa nel tempo ed ora arrivata alla sua fase operativa, come denunciano sindacati, addetti ai lavori e tutte le associazioni possibili e immaginabili legate al settore decise a dare battaglia contro lo sfruttamento immobiliare degli storici studi di via Tuscolana. Da qui prende le mosse la vertenza Cinecitt non deve morire! che culminer, i prossimi 7 ed 8 ottobre, con due giornate di protesta e sit in davanti ai cancelli degli storici studi di via Tuscolana. La questione, in sintesi, spiega Francesco Mancini, dell'Rsu di Cinecitt Studios, ieri riuniti in assemblea, che invece di affrontare la crisi cercando il rilancio dell'attivit di Cinecitt, si pensa ad altro. Cos per fare cassa torna in auge il vecchio piano del cemento: gli Studios, ormai completamente privatizzati e che hanno in affitto da Cinecitt Luce il marchio e gli stabili, puntano alla costruzione di alberghi ed aree benessere da destinare, cos stato detto, agli attori impegnati sui set di via Tuscolana. Un'idea - aggiunge Francesco Mancini - che potrebbe anche reggere. Ma il problema a monte. Se gli studi non lavorano di quali attori si parla?. Al momento, infatti, gli unici attori presenti a Cinecitt sono gli Amici della De Filippi, per i quali sono stati costruiti sorta di mini appartamenti, dove vivere nel corso della stagione televisiva. L'incertezza sul futuro di Cinecitt, dunque, grande. Il finanziamento pubblico per Cinecitt Luce per il 2010 stato decurtato di un milione di euro, a due mesi dalla fine dell'anno di competenza, denunciano i lavoratori. E a tuttora, nulla stato reso ufficiale del piano di rilancio degli Studios, del quale, giusto ieri, apparso in bacheca un comunicato aziendale in cui si fa parola dell'accordo con Cinecitt Luce per avviare il rilancio col cemento. Ma dai vertici degli Studios arriva solo un secco no comment. Eppure i segnali ci sono tutti, racconta a sua volta Enzo De Camillis della Fidac, l'associazione che tiene insieme tutte le associazioni di categoria, dai macchinisti ai direttori della fotografia. Sono gi stati fatti degli sfratti per liberare l'area edificabile - dice - . A De Angelis che da cinquant'anni costruisce sculture per i teatri di posa, non stato rinnovato il contratto. Avr almeno 30mila statue che non sapr dove mettere. E cos sono stati chiusi una falegnameria e pure altre officine. Anche il mondo della politica si interroga sui destini di Cinecitt. Vincenzo Vita, a proposito, ha fatto nei giorni scorsi un'interrogazione parlamentare al ministro Bondi: evidente - dice - che in corso uno smantellamento degli studi con non chiari disegni sul riutilizzo dei terreni. Il sintomo di questa parabola discendente - conferma anche lui - aver mandato via le storiche botteghe. Ben venga, dunque, una mobilitazione che rompa il silenzio mediatico che avvolge tutta questa vicenda. La morte di Cinecitt sarebbe la morte stessa di un marchio storico che rappresenta l'Italia nel mondo. Oltre, ovviamente, al rischio occupazionale per 400 dipendenti tra Cinecitt Studios, Cinecitt Luce e Cinecitt Digital che si occupa della post produzione. necessario - conclude Francesco Mancini - un vero piano industriale che rilanci Cinecitt dal punto di vista del cinema e non di un centro benessere. Questo l'investimento che si deve fare: Se qui non si produce pi non ci salveranno certo gli alberghi. L'ultima produzione americana stata Rome, ormai parecchi anni fa. E a certe cose abbiamo gi assistito. Con l'ultima crisi abbiamo assistito alla costruzione dell'area commerciale di Cinecitt2. Per questo l'obiettivo un tavolo che coinvolga oltre agli Studios anche Regione, Provincia e Comune, perch quello dell'audiovisivo un settore trainante per l'economia di Roma e del Lazio.

Il piano fantasma di rilancio. Nessuno l'ha visto ma la decadenza continua
Il piano di rilancio di Cinecitt in realt nessuno l'ha visto. Sandro Medici, presidente del X Municipio: Sui nostri tavoli non arrivato nulla, ma le notizie sono inquietanti: vogliamo aprire un tavolo con sindacati e studios. Il mistero del pezzo di carta che non c'. Potrebbe essere questo il titolo del cosiddetto piano di rilancio di Cinecitt, proposto da Abete, ai vertici degli Studios. Nessuno l'ha mai visto realmente. Nessuno sa davvero di cosa si tratti, se non della questione dell'albergo, del centro fitness e del parcheggio che dovrebbero essere costruiti nella storica area di via Tuscolana. Sui nostri tavoli non arrivato nulla, spiega Sandro Medici, presidente del X municipio, su cui sorge Cinecitt. Trattandosi di terreni di propriet dello stato - dice - prima di arrivare alla competenza degli enti locali c' tutto un passaggio preliminare a livello di ministeri. Inquietudine e misteri. L'unica indicazione pu venire giusto dal piano industriale presentato da Cinecitt. Da dove si evince un fantomatico piano di rilancio a partire da attivit, strutture e servizi destinati allo sviluppo della produzione cinematografica. Anche perch questi sono i vincoli di legge per l'edificazione dentro l'area di via Tuscolana, circa 300mila metri cubi dalla parte di via Lamaro. Certo - continua Medici - tutto questo autorizza pi di un sospetto. Il comprensorio di Cinecitt ha un valore culturale enorme e non pu essere trattato come un qualunque ambito di valorizzazione immobiliare. In questo senso, prosegue Sandro Medici, siamo preoccupati perch le notizie sono inquietanti. Bisogna fare chiarezza e per questo anche noi, come circoscrizione abbiamo gi avviato la richiesta di aprire un tavolo di trattative tra i sindacati gli Studios e gli enti locali, Regione, Provincia e Comune. Perch interesse di tutti che Cinecitt non venga dismessa.
La privatizzazione. Da anni, infatti, i lavoratori di via Tuscolana lanciano l'allarme. Dal 1997 - spiegano i sindacati - con l'avvio della privatizzazione, la nuova propriet si disinteressata dello sviluppo e della valorizzazione del polo cinematografico di Cinecitt, inaugurando una fase di declino che ha portato perdite di competitivit e di quote di mercato. Tutti i piani industriali che si sono susseguiti non hanno favorito il rilancio, ma aldil delle intenzioni di facciata, ne hanno soltanto accompagnato la lenta decadenza. Risultato, i set cinematografici sono andati via via riducendosi, lasciando spazio quasi interamente alla tv. Dei 22 teatri di posa presenti nell'area, la maggioranza sono occupati da produzioni Mediaset. Maria De Filippi in testa, poi il Grande Fratello, Distretto di polizia, Ris. E Il medico in famiglia, attualmente unica produzione Rai. Al cinema, insomma, rimasto ben poco.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news