LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fuentino. Il ritorno dell'eco-mostro sulla Costiera Amalfitana
Flavia Amabile
La Stampa 4/10/2010

La Finanza sequestra un cantiere dove 11 anni fa fu demolito il megahotel Fuenti

Lavevano ribattezzato il Fuentino e descritto come la versione buona del Fuenti, l'eco-mostro - grande, grosso e decisamente brutto - distrutto 11 anni fa a con l'esplosivo. La versione cattiva era stato agli inizi della sua vita un albergo costruito alla fine degli anni Sessanta in Costiera Amalfitana tra Vietri e Cetara. Una colata di 34 mila metri cubi di cemento: visto dal mare sembrava pi un immenso ospedale che un hotel, ed passato alla storia come il primo degli eco-mostri a cadere, il simbolo di una vittoria ambientalista dopo una lunga battaglia. Anche la versione buona tanto buona poi non era, a giudicare dal sequestro disposto dalla Finanza. Le cifre poste sotto sigilli sembrano inequivocabili: 17 mila metri quadrati di superficie dove era stato realizzato un edificio, su nove livelli, per 30 mila metri cubi di volume, equivalenti a 100 appartamenti di 100 metri quadrati ciascuno, recita il comunicato ufficiale della Gdf. Alla fine, insomma, il Fuentino che si stava realizzando a met costa di roccia.era poco pi piccolo, anche se di sicuro meno evidente del mostro originario. Ma il sequestro scattato anche su 3 mila metri quadrati di spiaggia, dove dallo scorso anno era gi stato aperto uno stabilimento con accesso soltanto dal mare. L'autorizzazione per prevedeva qualcosa di temporaneo, non una struttura di legno su tre livelli fissata con pali di cemento, sottolinea la Gdf. Abbattuto un mostro se ne fa un altro, e si spera che vada meglio, il senso dell'accusa. Il tutto avverte la Guardia di Finanza nella sua nota - stato realizzato sulla scorta di un progetto di restauro paesaggistico ambientale in una zona di tutela naturale dove dovrebbe vigere l'assoluto divieto di qualsiasi edificazione, sia pubblica che privata. Si tratta di una gigantesca speculazione edilizia. E quindi l'indagine coordinata dal Procuratore Capo della Repubblica di Salerno, Franco Roberti, ha portato alla denuncia per abuso d'ufficio, falso ideologico, deturpamento ambientale, e a violazioni in materia urbanistica, paesaggistica e demaniale in una zona che fa parte,del Parco dei Monti Lattari e protetta dall'Unesco, nei confronti dell'amministratrice di Turismo Internazionale srl, societ proprietaria dell'area, del progettista e direttore dei lavori, del titolare della ditta esecutrice .e di un tecnico comunale. -La storia del Fuentino nasce sei anni fa quando la conferenza dei servizi d il via libera ad un giardino-mediterraneo con spiaggia e una struttura centro-benessere sulle ceneri dell'eco-mostro. La propriet ha ridotto di circa il 30% la presenza di cemento armato della struttura che dovr sostenere l'impianto a verde del recupero paesaggistico, aveva promesso la Turismo Internazionale sr1. Si era alle fasi conclusive, l'apertura era prevista per la prossima primavera ma le promesse non sono state mantenute secondo gli inquirenti e ora i titolari del Fuentino reagiscono con stupore e amarezza. Un provvedimento senza fantasia, spiega Dante Mazzitelli, uno dei proprietari. Perch si ripropone esattamente lo stesso percorso di 30 anni fa. Non si pu pensare, supporre; ritenere, ipotizzare che chi ha subito la demolizione del Fuenti possa nuovamente essere portato a reiterare in un qualche modo una storia, una realizzazione che non sia in ogni parola, atto o documento perfettamente rispettosa di tutte le procedure e norme di legge vigenti. Il provvedimento ritengo sia frutto di un grosso equivoco. Dante Mazzitelli si chiede come mai nessuno abbia chiesto chiarimenti prima di arrivare al sequestro e ricorda che tutte le opere sono state eseguite con un controllo maniacale, pedissequo e costante di tutte, dico tutte le autorit, le associazioni, gli organi di stampa, i cittadini. La riflessione che faccio la seguente: potrebbero oltre 24 enti ed istituzioni pubbliche essere state indotte in errore?. Stupore c' anche da parte degli ambientalisti. Michele Bonomo, presidente di Legambiente Campania: Abbiamo partecipato alle riunioni per dare vita a questo progetto di riqualificazione, ci sembrava che tutto potesse funzionare. Ed eravamo d'accordo per una riqualificazione perch si tratta di una struttura che prometteva di creare molti posti di lavoro. La Guardia di Finanza molto rigorosa nei suoi controlli, difficile mettere in dubbio i risultati dell'indagine. Mi sembra molto strano che i titolari abbiano fatto qualcosa in deroga alle norme, sapevano bene di avere i riflettori puntati addosso.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news