LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Dal faccia a faccia con i direttori alla doccia fredda a casa Sandretto
DOMENICA, 26 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Torino



Il clima era gi teso mercoled dopo lincontro con lassessore al Bilancio. Poi il panico dilagato





Lallarme scatta dopo la riunione tra Vaciago, Pizzala e Martina che comunicano le cifre

Le prime facce sconsolate gioved sera al cocktail di inaugurazione della mostra sui Russi alla Sandretto. Di bocca in bocca passano le cifre dei tagli che il Comune avrebbe deciso poche ore prima: 400 mila, 200 mila, 300 mila, 800 mila. Numeri che incutono timori e preoccupano i big delle Fondazioni e chi vive di Cultura. Sforbiciate per chi? Tra gli invitati lassessore alla Cultura di Palazzo Civico, Fiorenzo Alfieri, a cui si chiedono lumi rispetto allentit delle riduzioni. E Alfieri risponde come pu, sulla base delle informazioni raccolte e delle notizie che gli arrivano dagli uffici e dal direttore del settore Cultura, Anna Martina, spiegando che colpa dei sacrifici imposti dal governo.
Lassessore era rimasto fermo alle parole del collega, Gianguido Passoni, titolare del Bilancio, che nellultima giunta di marted aveva annunciato una riunione, fissata per il giorno seguente, con tutti i capi dei diversi settori. Vertice per discutere di conti e soprattutto del taglio imposto a luglio da Tremonti sul 2010: una sforbiciata di circa 44 milioni di euro. E nel faccia a faccia tra i direttori il messaggio stato: Questi sono i numeri, cercate di capire come ridurre le spese sui diversi capitoli, poi discuteremo. Insomma, andate e fate, poi si vedr come assestare tutto. Da mercoled a gioved sera la situazione precipita proprio sul fronte cultura, comparto dove le riduzioni di budget e di trasferimenti sembrano gi state decise, in un lampo rispetto ad altri settori. Colpa di una riunione tra il direttore generale del Comune, Cesare Vaciago, il ragioniere capo e responsabile delle risorse finanziarie, Domenico Pizzala, e il direttore della Cultura, Martina. E da qui escono le cifre che vengono comunicate agli altri dirigenti del Municipio, come il responsabile delle Biblioteche, Paolo Messina, e ai direttori delle Fondazioni, a partire da quello dello Stabile, Filippo Fonsatti. Bisogna avvisare gli enti per metterli nelle condizioni di operare al meglio visto che si tratta di tagli sul Bilancio 2010, questa lo logica che porta ad avvertire in tempo reale le Fondazioni della entit delle sforbiciate.
Gioved sera tutti gi sapevano, commentavano e chiedevano rispetto ai 400 mila euro in meno a Stabile e Regio, ai 300 mila tolti al Cinema e ai 200 mila negati ai Musei, oltre allazzeramento del fondo acquisti libri delle Biblioteche, da 800 mila a zero euro. Lassessore al Bilancio, Passoni sosteneva di non conoscere le cifre, non sapere nulla e che il tutto sembrava prematuro: nessuno ha deciso nulla. Ma ormai la macchina si era messa in moto, i presidenti degli enti culturali erano sul piede di guerra, gi tesi per le altre riduzioni dei budget che si appresta a fare la Regione, anche se al cocktail della Sandretto lassessore alla Cultura della giunta Cota, Michele Coppola, sorrideva sentendo le notizie che arrivavano da piazza Palazzo di Citt.
(d. lon.)



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news