LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UN GENIO ALLA CORTE - mostra monografica del Bronzino.
CLAUDIO STRINATI
GIOVED, 23 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Cultura


Da domani Palazzo Strozzi a Firenze ospita la prima rassegna mondiale dedicata ad Agnolo di Cosimo. In oltre settanta dipinti lo splendore e la bellezza del Cinquecento

Roberto Longhi ne riconobbe leccellenza assoluta di ritrattista: quelle donne, quegli uomini e quei bambini sembrano essere veri

Uomo mite e buono, rest per tutta la vita vicino al suo amico Pontormo, ma non ne segu pi che tanto gli orientamenti


Non si era mai vista una mostra monografica del Bronzino. Se ne erano viste di parziali e anche molto valide ma una mostra cos completa come quella che apre ora a Palazzo Strozzi sul serio un evento memorabile che va guardato con rispetto e ammirazione. Era difficile mettere insieme un numero cos imponente di tavole dipinte (circa settanta, rappresentano l80% della produzione dellartista) come avvenuto in questa circostanza perch le regole della tutela e della conservazione sconsigliano e sovente vietano lo spostamento di opere eseguite su un supporto cos delicato e esposto a rischi di variazioni climatiche con conseguenze facilmente immaginabili. Ma la Soprintendenza al Polo Museale fiorentino ha compiuto uno sforzo encomiabile per garantire ogni tutela alle opere e si pu conoscere ora tutta la carriera di questo personaggio eccezionale nella storia dellarte italiana.
Perch Angelo di Cosimo di Mariano, nato a Firenze il 17 novembre del 1503 e l morto il 23 novembre 1572, fosse soprannominato Bronzino non chiarissimo, forse perch era rossiccio di capelli e gi questo avrebbe potuto dargli unaria trasgressiva. Ma trasgressivo lo fu sul serio nella sua arte anche se in un modo molto particolare. La mostra ce lo fa comprendere come mai era accaduto prima dora. Ideata dalla Soprintendente del Polo fiorentino Cristina Acidini, dal direttore degli Uffizi Antonio Natali e da Carlo Falciani, (e curata dagli stessi Natali e Falciani) la mostra frutto del lavoro di autentici conoscitori e specialisti della materia. La Acidini una esperta del manierismo. Ha scritto libri importanti su Michelangelo e sui fratelli Zuccari. Natali a sua volta uno dei massimi studiosi del primo Cinquecento fiorentino e Falciani conoscitore ben noto del periodo e dellartista. Il fatto da rimarcare perch il problema Bronzino richiede una profonda conoscenza dellepoca e dei rapporti tra gli artisti operosi in quellambiente. Bronzino fu allievo e amico di Jacopo Pontormo vale a dire di uno dei pi grandi pittori di tutti i tempi e quel rapporto avrebbe potuto schiacciarlo. Fu poi partecipe della Accademia del Disegno fondata a Firenze da Giorgio Vasari tanti anni dopo, quando era ormai sessantenne, e corse il rischio anche in quel caso di rimanere emarginato da quella macchina da guerra dellarte che fu appunto il Vasari, organizzatore culturale, scrittore, pittore, direttore di una immensa bottega, docente, diplomatico di primo piano.
E invece il Bronzino emerse con una potenza e una personalit incomparabili. Uomo mite e buono rest per tutta la vita vicino al suo amico Pontormo, ma non ne segu pi che tanto gli orientamenti. Natali e Falciani si sono ricollegati al pensiero di Roberto Longhi, che studi Bronzino e ne riconobbe leccellenza assoluta di ritrattista alla corte di Cosimo I de Medici. Tutti quei ritratti si possono vedere in mostra e ne emerge una galleria di figure rappresentate con una esattezza spietata e metafisica, cui spetta di diritto il giudizio espresso da Achille Bonito Oliva nel suo Lideologia del traditore del 1976, per cui il pittore manierista "di fronte al ricatto dei contenuti non pu che rispondere col sogno, lautoinganno, lironia". Ti viene da dire, pur non avendoli mai conosciuti, che quelle donne, quegli uomini e quei bambini sembrano veri, presenti e nel contempo lontani a una distanza siderale dal nostro quotidiano. Ne scopriamo i caratteri, i comportamenti e li conosciamo sia tramite le fisionomie e le espressioni sia tramite gli abiti o gli oggetti che li accompagnano. Una immortale rappresentazione di una intera civilt, immobile davanti alla storia, certa di una sorta di eterna durata ma angosciata dallincombere del destino.
Cosimo dette al Bronzino incarichi prestigiosi. La moglie Eleonora di Toledo gli fece decorare con tavole e affreschi la sua cappella in Palazzo Vecchio. Lopera esiste ancora parzialmente conservata nelle sue varie parti. Bronzino vi lavor anni e anni. Ci si pu andare durante la mostra, organizzata con un itinerario attraverso i luoghi di Firenze in cui recarsi con un apposito "passaporto". La cappella un miracolo dellarte dove unidea astratta e remota delle cose si sovrappone a un sentimento vivo e palpitante della realt "vera" che Bronzino sente con lo stesso spirito del paradosso di Zenone su Achille che non pu raggiungere la tarataruga. Eppure sono vicinissimi, quasi si toccano. Ma "quasi" e quel quasi rester eternamente. Su quel crinale sottilissimo nasce e si sviluppa la pittura del Bronzino.
La mostra che espone anche tre opere inedite, due delle quali si credevano perdute: un Crocifisso e un San Cosma indaga su ogni aspetto del sommo pittore che fu anche poeta e di non trascurabile interesse. Ed ecco che la sua produzione poetica viene messa a confronto con quella pittorica. Da un lato elegante e raffinato, dallaltro trasgressivo e sottile indagatore di aspetti anche sgradevoli dellesistenza. Seguiva in parte le tendenze di un poeta allepoca insigne, Francesco Berni e dallaltro era ossequioso della tradizione del Petrarca venerato dallambiente letterario. La sensibilit delicata e intima del Petrarca e lenergia vitale fin grottesca del Berni si scaricano trionfalmente negli affreschi per Eleonora e nei quadri mitologici che il Bronzino dipinge alla met del secolo. Non c in mostra il capolavoro dei capolavori, la cosiddetta Allegoria di Londra, quadro sensazionale con una strana Venere e un ancor pi strano Cupido che da secoli costituisce il rebus per antonomasia dellarte manierista. lapoteosi della pittura del Bronzino ma in mostra c laltra Allegoria del Museo di Budapest restaurata per loccasione e la Venere col satiro della Collezione Colonna a Roma, maestoso e stupendo dipinto che non fa rimpiangere lassenza del quadro di Londra.
Bronzino stato prolifico pittore di nudi e lostentazione di corpi da cui trasuda un inquietante erotismo si riscontra anche nella produzione sacra del suo secondo periodo. Importante ancora la sequenza degli arazzi con le Storie di Giuseppe ebreo ordinati da Cosimo per i quali Bronzino forn la maggior parte dei cartoni. Ci si interroga sul suo pensiero religioso: al limite delleresia o strettamente controriformato? Si capisce dalla mostra come questo grande genio si sia portato nella tomba molti segreti con la sua implacabile discrezione intellettuale.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news