LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Morra: Napoli, disastro cultura. Ora la politica ci dia ascolto
Mirella Armiero
Corriere del Mezzogiorno Napoli 16/9/2010

Il gallerista: spazio ai protagonisti storici e apertura internazionale

Napoli? asfittica sul piano culturale. Parola di Peppe Morra, il gallerista che ha creato il piccolo e prezioso museo Nitsch dedicato all'artista tedesco di cui porta il nome. La gestione culturale degli ultimi anni in citt? Praticamente un disastro, secondo Morra. Nonostante alcune iniziali buone intenzioni. Questa in sintesi l'opinione di un protagonista storico della vita culturale di Napoli, dichiaratamente deluso da Bassolino, che oggi d la sua ricetta: Aprirsi alle influenze internazionali, dialogare con l'estero, abbandonare i provincialismi. Se questa sar la via imboccata dalla nuova giunta regionale di centro-destra non ancora dato sapere. Di sicuro per ora ci sono i tagli al museo Madre, al Teatro Festivai e ad altre punte di diamante dell'era bassoliniana. Che cosa ne pensa Peppe Morra? Sono stato partecipe, ricorda, della prima esperienza bassoliniana, ma fin dall'apertura del Madre ho dichiarato la mia posizione polemica per la mancanza di progettualit e divisione complessiva. Credo che si sarebbe dovuta aprire la Fondazione Donnaregina a sponsor e soci sostenitori per la gestione del museo. Invece c' stata una chiusura e poi le spese sono state eccessive, le mostre costosissime, tutte cose che oggi si scontano. Allora lei tra quelli taglierebbero il Madre? No, assolutamente. E un museo importante, bisogna mantenerlo in vita, studiando per come far diminuire i costi.
Una gestione pi attenta fa bene alla continuit.
Dunque aprirebbe ai privati? Non nella propriet, solo nella gestione. E poi un museo non pu essere gestito solo da politici, magari bisognerebbe coinvolgere quelli che hanno rappresentato l'arte internazionale a Napoli negli anni Sessanta e Settanta. Questo potrebbe portare a una maggiore apertura. Molte mostre sono fatte un po' con i paraocchi. Dal momento che il Madre un museo epigonale rispetto ad altre strutture internazionali e opere pi importanti degli stessi artisti che sono qui si trovano altrove, ci vorrebbero maggiore coraggio e originalit nelle scelte. Bassolino tent un dialogo con i galleristi? S, ci sono stati diversi tentativi, ma nessuno andato a buon fine. Que1lo che dicevamo non veniva tenuto in alcun conto. Noi galleristi storici siamo stati i primi esclusi. L'assessore De Mila nega l'importanza dei grandi eventi. Lei d'accordo? Sulla Piedigrotta senz'altro s, ha fatto il suo tempo. Ma se si mettessero in piedi dei veri eventi internazionali, di poesia, musica o arte, allora si potrebbero ottenere prestigio e pubblico. Come l'attuale Festival del Teatro? In parte. Non credo per che questa manifestazione abbia raggiunto un respiro realmente internazionale. E, come il Madre, ha avuto ricchi finanziamenti. Piuttosto mi sembra un peccato tagliare sul Forum delle Culture, nel quale credo molto. Come mai? un progetto buono, che allarga gli orizzonti e la partecipazione. In particolare, il Museo Nitsch ha manifestato l'interesse per gestire il vicino Convento delle Cappuccinelle in salita Pontecorvo, nell'ambito del piano strategico. Ci richiamiamo al nostro discorso sui quartiere dell'arte, un vecchio sogno nel cassetto che oggi potrebbe diventare possibile proprio nell'ambito dei Forum delle culture. Il Corriere del Mezzogiorno ne ha gi parlato in passato: si tratta di residenze d'artista? Non solo. il progetto si allarga a coinvolgere l'economia locale, l'artigianato di qualit, oltre gli studi d'artista. E tutto concentrato nella zona a ridosso di piazza Dante. Renato Nicolini ha ipotizzato la creazione di un ascensore per collegare il Museo Nitsch con la piazza... E stata una bellissima sorpresa leggere questa proposta sul Corriere . E una delle idee che consentirebbero di portare al Museo un pubblico pi ampio. Insomma, cosa si aspetta ora dalla nuova giunta? Considerato il fatto che il passato prossimo stato disastroso spero che qualcosa cambi in meglio. Abbiamo visto che la Regione ha varato dei bandi aperti anche a soggetti privati come il nostro che un museo di interesse locale. Mi sembra un importante segnale di allargamento: magari ci arriver qualcosa di quei 12 milioni tagliati al Madre e alle altre manifestazioni. E del Natale in piazza Plebiscito che cosa ne pensa? L'assessore De Mita dice che cambier. Non si discute la qualit delle opere che negli ultimi anni sono state allestite a piazza Plebiscito. Ma perch le opere stesse non sono state lasciate poi alla citt come patrimonio pubblico? E perch la manifestazione non si poteva allargare ad altri luoghi della citt? Bisogna aprirsi. Napoli interpreta male il senso della parola cultura. Prendiamo Galassia Gutenberg: era diventata una fiera paesana con fondi di magazzino. Quest'anno non si fatta e chi se ne accorto? Dobbiamo avere pi coraggio, creare comitati scientifici di alto profilo e puntare in alto, altrimenti non si crescer mai.

Museo Nitsch Il museo di salita Pontecorvo parteciper al Forum delle Culture con un progetto di gestione del vicino Convento delle Cappuccinelle
Eventi e luoghi Piedigrotta Sono d'accordo con l'assessore De Mita: meglio tagliare su questa festa che stata molto importante ma che ha anche fatto il suo tempo. Napoli deve pensare a progetti nuovi e soprattutto internazionali
Teatro Festival Una manifestazione di indubbia qualit ma non credo che abbia davvero il respiro internazionale che si detto. Non arriva certo una massa di pubblico dall'estero, per assistere agli spettacoli



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news