LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I capolavori di Flick dividono Berlino.
Flavia Arzeni
IL MESSAGGERO

La Germania sembra destinata a convivere in eterno con gli spettri del suo passato. Ancora non si sono acquietate le controversie suscitate da un film che ripercorre gli ultimi, tragici giorni di Hitler ed ecco che esplode a Berlino una nuova, gigantesca polemica che ha in s tutti gli elementi per appas-sionare gli animi: una meravigliosa collezione d'arte, una fortuna leggendaria e il nome notissimo di una famiglia che costru la sua ricchezza sull'infamia.
Domani, a Berlino, si apre al pubblico negli spazi industriali, restaurati per l'occasione, dello Hamburger Bahnhof, una stazione ferroviaria trasformata in museo, una raccolta d'arte che partendo da tre grandi della modernit classica, Picabia per la pittura, Giacometti per la pittura e Marcel Duchamp per l'arte concettuale, comprende i massimi nomi dell'arte contemporanea, da Bruce Nauman a Sol Lewitt e Martin Kippenberger, "attraversando la concept-art, la minimal-art o lo strutturalismo poetico degli anni Sessanta. E' una collezione vastissima: pi di 2.000 opere di centocinquanta artisti soprattutto europei (e in particolare tedeschi come Baselitz, Polke o Riditer) e nordamericani, un vero monumento alle correnti artistiche di oggi, che ha pochi uguali
in qualsiasi parte del mondo. Si tratta di un prestito fatto alla citt di Berlino dal collezionista, che ne proprietario, per sette anni, ma senza escludere che il lascito possa prolungarsi anche in futuro.
Dov' dunque lo scandalo? E perch criticare un gesto che arricchisce una citt che, come Berlino, attraversa oggi una crisi conseguente a un eccesso di ottimismo, dove grandi spazi commerciali e abitativi restano in attesa di chi li occupi, ma dove in compenso fioriscono gallerie d'arte, dove nuove fondazioni culturali si creano senza sosta e che si accinge ad essere uno dei grandi centri intellettuali d'Europa e del mondo?
E' il passato che getta la sua lunga ombra sul presente. Per risalire ai motivi della polemica occorre risalire indietro di settant'anni: a Friedrich Flick - nonno del collezionista in questione- un industriale che durante gli anni del nazismo fu uno degli artefici dell'industria bellica tedesca e durante quelli della guerra impieg decine di migliaia di lavoratori (tra 40.000 e 60.000, si dice) presi dai campi di lavoro e da quelli di prigionia per far prosperare le proprie fabbriche. Guerra totale, profitto totale, secondo l'espressione usata dal settimanale Die Zeit a questo proposito. Friedrich Flick fu processato a Norimberga assieme ai maggiori responsabili del sistema nazista, fu condannato a sette anni.di reclusione, ne scont una parte e torn ad essere un uomo potente nella Germania di Adenauer. Quando, agli inizi degli anni Sessanta, un'associazione di tutela e di rivendicazione dei diritti degli ebrei, vittime delle persecuzioni naziste, gli chiese un risarcimento di 6,5 milioni di marchi - una somma che tradotta ai valori attuali ammonterebbe a qualche decina di milioni di euro - si rifiut di farlo.
Poi il vecchio Friedrich mor e parte della sua ingente fortuna and ai nipoti e tra questi due forti e muscolosi fratelli noti ai loro amici come Mick e Muck, che conducevano una vita mondana ed elegante assieme alle loro attraenti compagne tra la Svizzera e Londra. L'intero gruppo Flick fu poi ceduto per 2,5 miliardi di dollari a una delle pi grandi banche tedesche. Il minore dei due fratelli Flick, Friedrich Christian det-to Mick, inizi presto la sua collezione di arte contemporanea, che ampli negli anni fino a farla giungere a dimensioni impressionanti, per qualit e per numero di opere. E, a questo punto, pens di farne dono a una grande istituzione culturale. Poich viveva in Svizzera, Zurigo fu la sua prima scelta. Ma i prudenti svizzeri, che gi erano stati in conflitto con le associazioni ebraiche circa la sorte dei depositi bancari degli ebrei inghiottiti dall'Olocausto, fiutarono il vento infido, ringraziarono e rifiutarono. Flick si rivolse allora a Berlino, disperatamente bisognosa di fondi per tenere il passo con i suoi ambiziosi programmi culturali, prese a proprio carico le spese per il restauro dell'area espositiva e sped quattrocento su duemila opere per una spettacolare inaugurazione di una spettacolare mostra d'arte.
Su questo la Germania si spaccata in due. Tra i difensori di Flick e della sua mostra, c' nientedimeno che il cancelliere federale Schroder, c' il ministro della Cultura Christina Weiss, c' una certa Germania benpensante. Le polemiche dividono la stessa famiglia: il fratello e la sorella si sono dissociati dall'operazione e sollecitano anzi uno studio obiettivo sulla figura di Friedrich Flick e la sua fortuna. Certo le controversie non sono destinate a finire con l'inaugurazione e continueranno a far parte dell'eterno dibattito sull'identit della Germania e sulla sua colpa. Esce intanto con straordinaria tempestivit ed accortezza editoriale un libro di Thomas Ramge, I Flick. Storia di una famiglia tedesca. Danaro, politica e potere. Una grande famiglia della borghesia tedesca travolta dalla storia e dalla sua stessa storia, i cui protagonisti ricordano quelli di La caduta degli dei, il grande film di Visconti: belli, alteri, ricchissimi e dannati.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news