LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Comitato "Sarzana che botta!": "Dov' l'interesse pubblico nel Progetto Marinella?"
Redazione
04/09/2010 14:17:20


Val di Magra - Val di Vara. All'indomani dell'intervento del professor Settis al Festival della mente, il comitato "Sarzana che botta!" propone una ulteriore riflessione sul Progetto Marinella, per bocca del presidente Carlo Ruocco.

"Ci sono due concetti su cui il professor Settis si soffermato al Festival della Mente: il richiamo alla cultura dellassoluto prevalere dellinteresse pubblico nel governo del territorio e lappello ai cittadini affinch si associno per fare scudo contro un saccheggio che vede la Liguria al primo posto nel dilagare del cemento e dei porticcioli turistici".

"Sono due elementi - afferma Ruocco - a nostro avviso assolutamente assenti nella replica dellamministratore delegato di Marinella spa Giuseppe Reverberi al soprintendente Piero Donati. Dal suo punto di vista coerente. Lui deve fare linteresse (economico) della sua azienda e della banca che la controlla. Stupiscono alcune sue affermazioni. La prima: Reverberi chiede a Settis di documentarsi sul Progetto Marinella. Il direttore della Normale di Pisa ha gi visto i dati del Progetto pubblicati sul sito www.sarzanachebotta.it. Tra questi spiccano i cinquantaquattromila metri quadrati di superficie utile per nuove residenze. Ventiduemila a Marinella, trentaduemila ad Ameglia".

"Per Ameglia - prosegue Ruocco - significa una previsione dincremento demografico prossima al 28 per cento. Per Marinella forse il raddoppio. I giovani amegliesi hanno intenzione di proliferare come coniglietti e i ragazzi di Marinella di moltiplicarsi come cavallette? Oppure stiamo parlando di seconde case? Dov linteresse pubblico nel sacrificare territorio per chi verr al mare alcuni week end lanno? Come si vede non discuto i quarantaduemila mq di alberghi e agriturismi, anche se alcune megastrutture andrebbero valutate nel loro impatto ambientale".

"Reverberi - sositene Ruocco - dice anche che dal 1999 stato attivato un percorso di concertazione con tutti i soggetti pubblici e privati interessati. Chi ha selezionato i soggetti privati e secondo quale criterio? I cittadini della Val di Magra e della Lunigiana, che fruiscono del bene comune chiamato litorale sanno dei 7.200 metri quadrati di nuovi stabilimenti, che privatizzeranno le spiagge? Un capitolo a parte meriterebbe luso disinvolto di suggestioni ecologiste. Una del Reverberi ci ha fatto trasalire: per migliorare lambiente della piana di Luni prevedono un nuovo sistema infrastrutturale (nuove stradae, asfalto, bitume) . che, con schermature vegetazionali, ridurr le emissioni di gas. Lo dica a Marchionne di non investire in auto elettriche: impieghi gli operai Fiat in esubero a piantare alberi lungo le strade!"


http://www.cittadellaspezia.com/Val-di-Magra-Val-di-Vara/Cronaca/Comitato-Sarzana-che-botta-Dov-e-l-67496.aspx


news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news