LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Udine. Comune e Regione uniti per il castello
Cristian Rigo
Messaggero Veneto - Udine 19/8/2010

Operazione avviata grazie alla mediazione del senatore udinese della Lega Pittoni
Ci sarebbe gi il via libera del ministro Bondi, adesso la pratica passer al vaglio di Tremonti
Honsell e Tondo firmano insieme un documento per convincere lo Stato a cedere il bene Il conto per i cittadini
E tenerlo aperto ci costa un milione l'anno
Ammonta a circa un milione di euro la spesa che il Comune affronta ogni anno per garantire l'apertura del castello. A carico di palazzo D'Aronco ci sono infatti tutte le spese ordinarie (dal riscaldamento al guardiano, dalla pulizia al personale) e pure quelle straordinarie (solo per la sistemazione della loggia che fiancheggia la scalinata -evidenzia il sindaco Furio Honsell - sono stati investiti migliaia di euro), ma nonostante questo, nell'elenco delle spese figura anche l'affitto da versare al Demanio, un esborso di 103 mila euro che per il sindaco costituisce un vero e proprio paradosso. Anche perch - ricorda - il Castello monumentale della citt che dal 1500 ha ospitato il Parlamento della Patria del Friuli, nel 1899 era stato ceduto al Comune in uso perpetuo e gratuito, ma dalla met degli anni 80, in seguito a una opinabile lettura del Codice civile legata al concetto di uso perpetuo, diventato di propriet del Demanio. Per tutti questi anni il Comune si fatto carico delle spese di manutenzione e restauro, garantendo la fruibilit del compendio alla cittadinanza, anche successivamente al terremoto del 1976 quando si sono rese necessarie ingenti opere di conservazione, riqualificazione e valorizzazione. Nonostante questo continua - da pi di 20 anni lo Stato continua a chiedere al Comune la corresponsione di un canone di concessione pari a 103 mila euro all'anno. Un paradosso che va risolto per vedere finalmente restituito, questa volta definitivamente, quello che sentito come il simbolo della identit storica, morale e culturale della nostra citt

Il prossimo anno i cittadini udinesi smetteranno di pagare al Demanio pi di 100 mila euro per l'affitto del castello di Udine. Il sindaco, Furio Honsell e il presidente della Regione, Renzo Tondo hanno infatti presentato una richiesta di trasferimento al Comune elaborata dal senatore leghista, Mario Pittoni, che ha gi l'ok del ministro Bondi e nei prossimi giorni incontrer anche il ministro Tremonti. Per il trasferimento definitivo del maniero, simbolo del capoluogo friulano, quindi solo questione di tempo. Merito del sindaco di Udine che con forza ha denunciato il paradosso che da anni vedeva il Comune costretto a pagare un balzello per la disponibilit di un bene per il quale gi pagava, e paga ancora oggi, tutte le spese digestione ordinaria e straordinaria per un totale di circa un milione di euro l'anno; merito del senatore Pittoni che si immediatamente attivato a Roma per individuare il percorso amministrativo da compiere; merito del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che dopo la sua visita in citt aveva sollecitato una rapida soluzione al problema e merito anche del presidente della Regione. Un gioco di squadra che fa essere ottimisti sulle possibilit che i 103 mila euro versati quest'anno da palazzo D'Aronco per il castello siano gli ultimi. Dopo aver fatto sottoscrivere la richiesta di trasferimento a Tondo e Honsell, Pittoni ha in programma un incontro con il ministro per i Beni e le attivit culturali, Sandro Bondi (che - racconta - mi ha gi assicurato il suo appoggio) e poi voler dal ministro dell'Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti per chiudere l'operazione grazie anche alla collaborazione del ministro alla Semplificazione normativa, Roberto Calderoli. A quel punto - dice Pittoni - si tratter solo di attendere i tempi della burocrazia, ma entro il prossimo anno sicuramente il Comune riavr la propriet del suo castello. Per ottenerlo Pittoni ha fatto leva sullo statuto speciale del Friuli Venezia Giulia e sul fatto che il castello catalogato tra i beni di importante interesse storico-artistico. Dobbiamo riconoscere a Pittoni il merito di avere fatto un ottimo lavoro sotto traccia a Roma - sottolinea il presidente Tondo - che ci ha permesso di portare avanti un'iniziativa nata nella passata legislatura, ma mai andata a buon fine. E anche la dimostrazione di come la Regione sia pronta a collaborare con tutti nell'interesse dei cittadini. Soddisfatto anche il sindaco Honsell che fin dall'inizio del suo mandato ha portato avanti una vera e propria battaglia per ottenere la propriet del castello rivolgendosi anche al Quirinale dopo il mancato inserimento della sede del Parlamento friulano e dei civici musei nell'elenco dei beni che il Demanio trasferir agli enti locali.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news