LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - David, Bondi attacca Renzi ma spunta la gestione a met. Il ministro: questione meschina. Il sindaco: imparino da noi
MASSIMO VANNI
MARTED, 17 AGOSTO 2010 la repubblica - Firenze



Il Regio decreto del 1871

Agli Uffizi e allAccademia prezzi pi bassi che nei musei allestero. Il Pdl chiede un aumento


La proposta di Toccafondi: prenotazione obbligatoria per evitare le code

Il sottosegretario Giro tenta di chiudere il caso: c apertura per unintesa


Neppure il ferragosto fuga lo scontro sul David. Il ministro Sandro Bondi parla di polemica assurda e inopportuna. Per di pi lamentando di vedersi coinvolto contro la sua volont: Il problema della propriet del David, sollevata in termini propagandistici dal sindaco di Firenze, una questione meschina, si legge nella nota del ministero dei Beni culturali. Subito dopo per apre uno spiraglio: per la prima volta, discutendo del David, si dice pronto a discutere di una gestione condivisa e progettuale.
Palazzo Vecchio replica a ruota: Ha ragione il ministro, ma dovrebbe spiegarlo ai suoi avvocati che hanno presentato la relazione per dire che il David dello Stato, replica il sindaco Matteo Renzi. Sventolando il Regio decreto del 1871 e le carte catastali dello stesso anno che dimostrano che il David, posto allora sullarengario, passano assieme sotto la propriet del Comune. E sventolando anche le parole del sottosegretario agli interni Michelino Davico che, lo scorso aprile, a nome del governo riconobbe la propriet comunale del David rispondendo ad uninterrogazione del deputato Pdl Gabriele Toccafondi. Qui nessuno erede della famiglia dei Bischeri, dice il sindaco lasciandosi andare alla battuta.
Renzi ricambia comunque la disponibilit, invitando Bondi a Firenze (Se vuole posso andare a Roma io). Pronto a discutere di un possibile accordo: Siamo pronti a tutti i tipi di gestione condivisa, non nellinteresse delle singole amministrazioni, ma ai fini della fruizione di beni da parte dei cittadini. A patto per di chiarire un punto, insiste il sindaco: Noi siamo per il federalismo e il nostro modello pu essere interessante: mentre la biblioteca delle Oblate sono aperte fino a mezzanotte, la Biblioteca Nazionale chiude il pomeriggio per mancanza di personale. E se Palazzo Vecchio apre la sera gli Uffizi non fanno altrettanto. Senza contare, annota il sindaco, che se il Regio decreto anzich negli archivi del Comune lo avesse dovuto cercare allArchivio di Stato non avrebbe potuto farlo perch chiuso per ferie fino al 28.
Il governo impari da Firenze, il messaggio di replica inviato da Renzi a Bondi. Anche se, il sottosegretario ai Beni culturali Francesco Giro, viceministro di Bondi, sottolinea i toni concilianti del sindaco di Firenze: A questo punto per noi la polemica si chiude definitivamente, anche nel ribadire le sue ragioni, il sindaco Renzi lancia un segnale di apertura e disponibilit verso la proposta avanzata dal ministro Bondi su una gestione condivisa.
Cos la gestione condivisa? Nessuno lo sa: sia al ministero che a Palazzo Vecchio la domanda cade nel vuoto. Laccordo, se mai verr siglato, tutto da costruire: parte dellincasso dei biglietti dellAccademia, che oggi va interamente allo Stato, andr al Comune? La questione economica, per il sindaco Renzi, deve far parte della trattativa Comune-Stato. Ma il ministero deve comunque riconoscere il modello fiorentino: Noi teniamo aperti i musei e le biblioteche, lo Stato pronto a fare altrettanto? Firenze o no un passo avanti? Renzi convinto naturalmente di s: Roma e Venezia hanno gi avuto, sufficiente che ci diano poteri speciali o modalit di gestione che non ci hanno ancora dato, sostiene il sindaco. Che, a scanso dequivoci, spiega e rispiega i documenti del David.
Come indennizzo per la finanze fiorentine disastrate dagli anni della capitale, il Regio decreto del 9 giugno 1871 pass la propriet di Palazzo Vecchio al Comune. E le carte catastali di quellanno mostrano che larengario, che aveva sempre ospitato il David, fa parte a tutti gli effetti di Palazzo Vecchio, la tesi del sindaco. Tesi opposta a quella dei legali ministeriali, convinti che il Comune di Firenze nato in epoca granducale non sia lerede della Repubblica fiorentina che pag Michelangelo. Tant che nel 1873, dicono i due legali, quando il David venne spostato allAccademia, il sindaco di allora non ne rivendic la propriet. Ma Renzi non ci sta: Sono forse le parole del sindaco a dare il titolo di propriet? Che succede se rivendico la propriet del Colosseo? Le fonti normative sono solo nelle carte.



news

18-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news